Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

  • Centro storico... il Cuore della Città

    Centro storico... il Cuore della Città

  • Seguici su Facebook

    Seguici su Facebook

Tu sei qui: Home / News in evidenza / Start up innovative: bando della Regione per progetti su transizione digitale, ecologica e salute

Start up innovative: bando della Regione per progetti su transizione digitale, ecologica e salute

Un’importante opportunità anche per le realtà imolesi. Disponibili risorse per 2,5 milioni di euro. Tutte le informazioni utili per partecipare

La Regione Emilia-Romagna conferma impegno e investimenti per lo sviluppo e il consolidamento nel territorio regionale di start up innovative, in grado di offrire al mercato prodotti, servizi e sistemi di produzione a elevato contenuto innovativo.

I progetti dovranno dimostrare un concreto impatto sui temi della transizione digitale, energetica o ecologica, salute, creatività, rispondendo, al contempo, alle nuove sfide che l’economia post pandemia si trova ad affrontare.

Sono questi gli obiettivi del nuovo bando approvato dalla Giunta regionale che stanzia 2,5 milioni di euro, con risorse europee Por Fesr 2014-2020.

Delle risorse messe a disposizione, 700mila euro sono riservati alle imprese appartenenti in via esclusiva al settore dell’industria culturale e creativa e ad alta intensità di conoscenza.

I soggetti che potranno presentare domanda sono le oltre mille start up dell’Emilia-Romagna (1.043 su un totale di 13 mila in Italia): si tratta di imprese con meno di 5 anni di vita, che non distribuiscono utili e che investono quote importanti del fatturato in ricerca e sviluppo, impiegando laureati e depositando brevetti.

Le domande vanno presentate esclusivamente sulla piattaforma informatica Sfinge 2020 della Regione dal 22 giugno al 29 luglio 2021.

Una delle novità dell’edizione 2021 del bando regionale, riguarda il coinvolgimento degli incubatori e acceleratori di start up, soggetti, fondamentali per sostenere la nascita e lo sviluppo di queste imprese, che potranno accompagnare la presentazione dei progetti con una relazione che attesti il loro percorso e aumenti la loro credibilità.

Il bando

Si potranno ottenere contributi fino ad un massimo di € 150.000 per progetti che prevedono lo sviluppo produttivo dei risultati di ricerca, oppure per l’adattamento dei nuovi prodotti/servizi alle esigenze dei committenti, o ancora per l’attuazione di piani industriali in grado di far crescere l’impresa anche attraverso il posizionamento nei mercati esteri. L’investimento complessivo per la realizzazione dei progetti proposti dovrà avere una dimensione finanziaria non inferiore a € 100mila, ridotta a 50mila per le industrie culturali e creative e di innovazione nei servizi. Il contributo a fondo perduto partirà dal 60% delle spese ammissibili e potrà salire sino al 75%, in presenza di premialità quali l’incremento occupazionale, la prevalenza giovanile o femminile, oppure la localizzazione nelle aree montane della Regione.

Per informazioni relative ai contenuti del bando si può consultare il bando oppure contattare lo Sportello Imprese - dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 13, tel. 848800258, infoporfesr@regione.emilia-romagna.it.

 

ultima modifica 09/06/2021 16:06