Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / News in evidenza / L’assessore Raffini: “Così stiamo riqualificando viale Andrea Costa”

L’assessore Raffini: “Così stiamo riqualificando viale Andrea Costa”

Il piano di opere pubbliche messe in campo dall'amministrazione comunale procede. Il punto sugli interventi in viale Andrea Costa. L’assessore Raffini: “Benefici evidenti già a fine 2022”

Oltre 40 milioni di euro in 3 anni per riqualificare la città. Avviato nel 2021, il corposo piano messo in campo dall’amministrazione comunale per opere pubbliche, per disegnare la città del futuro, vede in questi giorni significativi passi in avanti. Con, ovviamente, importanti riflessi per il centro storico di Imola.

È il caso del primo stralcio dei lavori che prevedono, entro il 2022, la riqualificazione di viale Andrea Costa da Port’Appia, adiacente al centro storico, fino all’incrocio di via Mentana.

“Il progetto – sottolinea Pierangelo Raffini, assessore ai lavori pubblici, centro storico e attività produttive - rispetto all’originale del 2018 è stato ampliato a tutto il viale ed esteso al Piazzale Marabini (stazione) e alla zona a sinistra, nell’area ex dopo lavoro ferroviario/Orient express. Quindi una riconversione ben più ampia che ha come scopo il ridisegno sia di viale Andrea Costa sia di viale Marconi, tratto ex Broggini-Coop Ceramica nella parte fronte strada e retro, con un investimento di 1 milione e 200mila euro”.

“Il primo stralcio, tratto Port’Appia-incrocio vie Mentana e via Aspromonte, legato alla L.R. 41/97 e al contributo straordinario del privato a compensazione della costruzione della Despar, vale 345mila euro e verrà appunto eseguito entro l'anno – prosegue Raffini -. Questa parte era ferma dal 2018. Stiamo lavorando al progetto definitivo, che sarà un progetto partecipato anche con le associazioni di categoria, per accogliere le necessità delle imprese”.

"L’intervento prevede un riordino del viale, dai marciapiedi all’illuminazione fino alla mobilità e coinvolge gli assessorati all’Urbanistica, ai Lavori pubblici, al Centro storico e quello alla Mobilità. Sarà anche propedeutico – spiega Raffini - per il secondo stralcio che nel 2023 riguarderà l’altra parte del viale e piazzale Marabini, in accordo con Ferrovie dello Stato, che partecipa all’investimento essendo proprietaria di piazza e ex dopolavoro. Nel 2024 sarà il momento della parte dell’area ex dopolavoro accanto al parcheggio delle biciclette, in cui si prevede un posteggio auto 'green' e probabilmente una zona ristoro. A fine mandato avremo così un ingresso a Imola dalla stazione che valorizzerà ulteriormente la città. Con il completamento della prima parte sarà evidente la differenza: una illuminazione luce migliore e più ampia e vasta, la valorizzazione delle attività commerciali presenti, un’attenzione alla mobilità green e una migliore la qualità percepita nel tratto interessato, che è una propaggine naturale del centro storico e un potenziamento valoriale dell’asse Stazione-Autodromo”.

 

ultima modifica 01/02/2022 11:53