Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Eventi in evidenza

Eventi in evidenza

Agosto in città? Palazzo Tozzoni e la Rocca Sforzesca vi aspettano

Per chi resta in città in questi giorni d’agosto: non perdetevi “Musei più aperti d’estate”. Visite a Palazzo Tozzoni e alla Rocca Sforzesca

Prosegue l’iniziativa "Musei più aperti d'estate", organizzata dai Musei Civici di Imola, che si protrarrà fino al 12 settembre prossimo con un ricco programma di aperture speciali e appuntamenti serali.

Questa programmazione è resa possibile grazie anche al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola.

La Rocca Sforzesca protagonista ad agosto

Nel mese di agosto la Rocca Sforzesca, uno dei monumenti più rappresentativi della città, sarà protagonista con gli appuntamenti “Racconti in Rocca sul far della sera”,  visite guidate per conoscere la Rocca Sforzesca: due percorsi diversi per entrare nelle storie e nei luoghi mai raccontati con una guida che accompagnerà in una gradevole passeggiata tra le mura della fortezza che si concluderà nella torre più alta con una suggestiva veduta della Città di Imola al tramonto.

I prossimi appuntamenti si terranno giovedì 1219 e 26 agostodue turni di visite guidate alle ore 18.30 e alle ore 19.30.

  • Giovedì 19 agosto: si racconterà di Briganti, falsari e prigionieri politici: quattrocento anni di storia carceraria nei graffiti e nei dipinti ancora leggibili sui muri delle celle.
  • Giovedì 12 e 26 agosto: saranno svelati Spazi segreti: un percorso inedito negli ambienti nascosti della Rocca, dal restauro dell'edificio ai primi eventi culturali degli anni Ottanta del Novecento esplorando scale di servizio, cannoniere, camerini per artisti.

Posti limitati con prenotazione obbligatoria entro il giorno prima dell’evento, tramite l’App “Io Prenoto” o telefonando al 0542 602609 dal lunedì al venerdì 9-13. Costo: biglietto speciale di € 1.

Estesi gli orari di apertura di Palazzo Tozzoni e Rocca Sforzesca

Fino al 12 settembre la novità più importante di Musei più aperti d’estate è rappresentata dall’estensione degli orari dei musei di Palazzo Tozzoni (Via Garibaldi 18 e viale Rivalta 93) e della Rocca sforzesca (Piazzale G. Dalle Bande Nere), che per rispondere al sempre crescente bisogno di cultura di imolesi e turisti apriranno le loro porte al pubblico

  • il venerdì pomeriggio, dalle 15 alle 19
  • le intere giornate di sabato e di domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19

Sono confermate le aperture di entrambi gli istituti museali il giorno di San Cassiano (13 agosto) ed Ferragosto (15 agosto), sempre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.

 Le modalità di visita

  • Palazzo Tozzoni
    accesso dei visitatori di 10 persone ogni ora: venerdì alle ore 15, 16, 17, 18. Il sabato e la domenica mattina alle ore 10, 11 e 12Il sabato e la domenica pomeriggio alle ore 15, 16, 17, 18.
    La visita sarà accompagnata, ma non guidata e la durata massima sarà di 60 minuti.
  • Rocca Sforzesca
    accesso dei visitatori di 15 persone ogni ora: venerdì alle ore 15, 16, 17, 18. Il sabato e la domenica mattina alle ore 10, 11 e 12Il sabato e la domenica pomeriggio alle ore 15, 16, 17, 18.
    La visita sarà accompagnata, ma non guidata e la durata massima sarà di 60 minuti.

Mostra a Palazzo Tozzoni

Prosegue fino al 31 agosto, a Palazzo Tozzoni In Hora Amoris: negli orari di apertura del palazzo, sarà  possibile vedere il video della performance realizzata dell’artista Samantha Stella, realizzato lo scorso 14 novembre 2020, in occasione della Notte Europea dei Musei.

Si tratta di un progetto performativo creato appositamente per palazzo Tozzoni, l’antica casa museo ricca di storie, memorie e suggestioni che hanno ispirato la performer.

L’artista è stata colpita dalla storia d’amore tra la contessa Orsola, l’eterna presenza del palazzo, e Giorgio Barbato Tozzoni e la rivede alla luce di un altro grande amore, quello tra il poeta e pittore preraffaellita Dante Gabriel Rossetti e la sua musa Elisabeth Eleanor Siddal.
Il video sarà visibile negli orari di apertura del museo.

Dal 6 agosto, in applicazione del Decreto Legge n. 105 del 23 luglio 2021 per accedere ai musei e alle mostre temporanee è obbligatorio esibire alla cassa il green pass.

Informazioni

Musei civici di Imola (Via Sacchi 4, Imola); tel. 0542-602609 - musei@comune.imola.bo.it - www.museiciviciimola.it

 

ultima modifica 09/08/2021 11:46

Teleriscaldamento a palazzo Calderini: proseguono i lavori

Modifiche della viabilità fino al 17 settembre su via Cavour, tra le vie Orsini e Appia, per l’estensione della rete di teleriscaldamento cittadina al servizio di palazzo Calderini

In via Cavour proseguono i lavori di Hera per l’estensione della rete di teleriscaldamento cittadina al servizio di palazzo Calderini (in via Cavour 84).

Terminati i lavori sull’incrocio tra via Orsini e via Appia, che sarà riaperto al traffico, da lunedì 9 agosto l’intervento proseguirà nel tratto di via Cavour tra via Orsini e via Appia.

Le modifiche alla viabilità

Per l’esecuzione dei lavori, sarà necessario modificare la viabilità (ne sarà data informazione in anticipo tramite il recapito di un’apposita lettera ai residenti e alle attività economiche coinvolte)

Dalle ore 14:00 di venerdì 6 agosto alle ore 24:00 di venerdì 17 settembre

via Cavour

  • Chiusura al transito veicolare nel tratto compreso tra via F. Orsini e via Appia, ad esclusione dei veicoli di residenti, aventi titolo, Forze dell’Ordine e Soccorso

 Dalle ore 00:00 di lunedì 9 agosto alle ore 24:00 di venerdì 17 settembre

via Appia

  • Apertura in deroga all’Ord. n. 738 del 02/10/2017, dell’area pedonale in via Appia, nel tratto compreso tra via Galeati e via Cavour per i soli veicoli di residenti ed aventi titolo di via Appia, via Cavour del tratto compreso tra via Orsini e via Selice, via Alidosi, via Giudei, via Calatafimi, via Ettorri e via San Pier Grisologo del tratto compreso tra il civ. 19 e il civ. 31 e tra il civ. 24 e il civ. 38.

via Cavour

  • Istituzione del doppio senso di circolazione, per i soli veicoli di residenti, aventi titolo, Forze dell’Ordine e Soccorso, nel tratto compreso tra via F. Orsini e via Appia, con uscita ed entrata obbligatoria in via Cavour intersezione via F. Orsini e/o via Appia, in base allo stato di avanzamento dei lavori.

Una volta terminati i lavori in questo tratto di via Cavour, si avvierà la parte finale dell’intervento relativa alla sola intersezione di via Appia e successivamente al tratto di via Cavour tra via Appia e palazzo Calderini. In proposito sarà distribuita una ulteriore lettera informativa dedicata.

L'opera complessiva

Complessivamente saranno posati circa 350 metri di condotta, a partire dalle Scuole Carducci già allacciate al teleriscaldamento, per collegare un palazzo storico del centro che si aggiungerà ad altri edifici “simbolo” della città già teleriscaldati.

Tra questi, oltre alle Scuole Carducci già citate, ci sono l’Ospedale Vecchio e Nuovo, la piscina comunale e il Palazzetto dello sport, il Teatro Comunale, il Municipio, il Duomo e alcune chiese, il Teatro Osservanza, il Convento dei Cappuccini, la Comet, il centro Leonardo e diversi istituti scolastici.

Lungo il percorso della nuova rete che sarà posata, potranno essere allacciati anche altri edifici che ne facciano richiesta.

ultima modifica 07/08/2021 19:04

28 agosto, spettacolo per bambini e comici in Piazza Matteotti: ecco come prenotare on-line il posto

Tra le manifestazioni clou di "Imola il Centro ri-fiorisce ad agosto", lo spettacolo per bambini e, a seguire, i comici in Piazza Matteotti. Ecco come prenotare il posto a sedere. Eventi gratuiti, necessario il Green Pass.

Che spettacolo, sabato 28 in Piazza Matteotti!.  L'area sarà divisa in due parti: una  parte della piazza sarà dedicata allo street food “agricolo”, a cura degli operatori agricoli in collaborazione con le Associazioni del territorio.

L'altra, con posti a sedere, vedrà alternarsi sul palco 2 spettacoli, gratuiti.

La prenotazione è obbligatoria per entrambi gli eventi.

  • Alle 18,00intrattenimento per bambini con Duo Tutto Okea.
  • Alle 21,00  scatta la comicità con Leonardo Manera, I PanPers, Gabriele Cirilli.

La prenotazione è esclusivamente on-line ed è anch'essa gratuita.

Vai alla prenotazione

Come previsto dal decreto legge n. 105 dal 23 luglio 2021, dal 6 agosto fino al 31 dicembre 2021, l'accesso a spettacoli aperti al pubblico, eventi , competizioni sportive, fiere, concerti, cinema e musei è consentito, per i maggiori di 12 anni, solo attraverso la presentazione della Certificazione verde COVID-19, conosciuto come Green Pass.

 



ultima modifica 09/08/2021 11:32

“Il Centro ri-fiorisce”: conto alla rovescia verso il 28 agosto

Si prepara un lungo sabato di festa tra acquisti, eventi e piazze animate a cura del Comune e delle associazioni di categoria. Qui tutte le informazioni utili e gli aggiornamenti del programma

La ripartenza degli eventi nel cuore della città ha una data ben precisa. Sabato 28 agosto, con l’atteso appuntamento “Imola il centro ri-fiorisce ad agosto”, che si svolgerà nelle piazze e vie del centro storico, il centro commerciale naturale di Imola.

L’evento è organizzato dall’assessorato al Centro storico ed alle Attività produttive insieme alle Associazioni di categoria Confcommercio Ascom Imola, Confesercenti Territorio Imolese, Confartigianato Imprese Bologna Metropolitana e Cna Imola Associazione Metropolitana.

Il centro, la vetrina per eccellenza della città, tornerà così a “ri-fiorire” con la “festa degli acquisti”, che nelle passate edizioni si svolgeva in primavera e che quest’anno, causa pandemia, si svolge alla fine dell’estate.

Fin dal mattino il commercio, i pubblici esercizi, il mercato ambulante e l’artigianato di servizio saranno i protagonisti che accoglieranno clienti, cittadini e visitatori nei loro negozi, per poi accompagnarli con un ricchissimo programma pomeridiano nel clou della festa serale.

Sono tante le iniziative degli operatori economici che si sono attivati per rendere accogliente il centro storico, con proposte speciali per clienti e cittadini, di ogni età.

Piazze e strade rifioriscono di iniziative

Il programma dell’evento comprende tante iniziative dei commercianti con proposte di fine estate e della stagione autunno-inverno; il mercato ambulante la mattina; iniziative in stretta connessione con l’Autodromo, secondo un programma in via di definizione; poi, ancora, aperitivi e degustazioni; e intrattenimento per bambini.

A partire dalle ore 18 fino alle ore 24, ai “quattro ingressi della città” – ovvero Port’Appia, Porta Mazzini, zona Teatro e piazza Mirri - gli operatori agricoli presentano i loro prodotti a km 0; mentre le piazze del centro si animeranno con eventi per tuti i gusti e tutte le età.

In piazza Caduti per la Libertà si svolgeranno mercatini creativi a cura di ArtigiaMano handmade Lab; in piazza Medaglie d’Oro si terrà l’evento “Sax e Violino si fondono con i vinili dei dj Three Hands Collective” a cura di Monnalisa Caffè. In piazza Gramsci musica non stop a cura e con la collaborazione di Bar Centrale, Bar Code, Bar Roma, Cantina del Cedro, Mezcal e Parsòt. Inoltre, dalle ore 18.30 alle 20.15 esibizione del Duo Be Quadro; dalle ore 20.15 alle ore 22 spettacolo con Alis; dalle ore 22.30 alle ore 23.10 fari puntati sulle Olimpiadi con Mamoli e Teo Marchi, la voce e l’occhio su Tokyo, infine dalle ore 23.20 alle ore 24.30 spazio al Dj Rock’n Rosso (dj Rosso e dj Niki).

In piazza Matteotti dalle ore 18 intrattenimento per bambini con Duo Tutto Okea, mentre dalle ore 21 scatta la comicità con Leonardo Manera, I PanPers, Gabriele Cirilli, con un’area riservata con posti a sedere.

Entrambi gli eventi in piazza Matteotti, gratuiti, sono a prenotazione è obbligatoria, da effettuarsi on line. Per approfondire: https://www.imolacentrostorico.it/news-in-evidenza/prenota-online

Un’altra parte della piazza sarà dedicata allo street food “agricolo”, a cura degli operatori agricoli in collaborazione con le Associazioni Agricole del territorio.

In via Emilia 159, sempre a partire dalle 18, si terrà l’evento "Galleria in the street" con performance musicale di Diego Colangelo e Manuel Durante dj. Per l’occasione si potranno degustare cocktails dedicati e gustosi spiedini di pesce cucinati dallo chef Michele Quitadamo di Vivanderia.

L’evento e la data del 28 agosto sono stati scelti e condivisi dall’assessorato al Centro storico ed alle Attività produttive con le Associazioni di categoria Confcommercio Ascom Imola, Confesercenti Territorio Imolese, Confartigianato Imprese Bologna Metropolitana e Cna Imola Associazione Metropolitana tenendo presente il calendario di altri eventi in programma per il mese di settembre.

Il format si svolgerà rispettando le disposizioni e le linee guida nonché i protocolli nazionali e/o regionali in materia di contenimento e gestione dell’emergenza pandemica. A questo proposito, si sottolinea che per poter accedere all’area spettatori individuata in piazza Matteotti sarà necessario essere in possesso del Green Pass (certificazione verde COVID-19).

Dalle ore 15 saranno gratis i parcheggi a sbarre del centro (Aspromonte, Ragazzi ’99, Ortofrutticolo, Cavina e Guerrazzi) e gli stalli su strada dell’area del centro storico.

In caso di maltempo, gli spettacoli previsti in piazza Matteotti si svolgeranno nel Teatro comunale ‘Stignani’.

Il programma della giornata

Per restare aggiornati e conoscere il programma completo e dettagliato delle proposte:

 www.imolacentrostorico.it
 www.facebook.com/imolacentrostorico

 

 

 

ultima modifica 16/08/2021 12:15

In agosto, il Centro ri-fiorisce!

Appuntamento sabato 28 agosto dalle 18: ripartire è uno spettacolo! Iniziative dei commercianti, mercato ambulante, attività in collaborazione con l'Autodromo

Piazze e strade rifioriscono di iniziative

Il programma dell’evento comprende tante iniziative dei commercianti con proposte di fine estate e della stagione autunno-inverno; il mercato ambulante la mattina; attività in stretta connessione con l’Autodromo, secondo un programma in via di definizione; poi, ancora, aperitivi e degustazioni; e intrattenimento per bambini.

Dalle ore 18 e fino alle ore 24 ... 

le piazze del centro si animeranno con eventi per tuti i gusti e tutte le età...

  • ai QUATTRO INGRESSI della città - port’Appia, porta Mazzini, zona Teatro e piazza Mirri - gli operatori agricoli presentano i loro prodotti a km 0;
  • In piazza CADUTI PER LA LIBERTA' mercatini creativi a cura di ArtigiaMano handmade Lab;
  • in piazza MEDAGLIE D'OROil  Sax e Violino si fondono con i vinili dei dj Three Hands Collective” a cura di Monnalisa Caffè;
  • In piazza GRAMSCI, musica non stop a cura e con la collaborazione di Bar Centrale, Bar Code, Bar Roma, Cantina del Cedro, Mezcal e Parsòt.Inoltre, dalle ore 18.30 alle 20.15 esibizione del Duo Be Quadro; dalle ore 20.15 alle ore 22 spettacolo con Alis; dalle ore 22.30 alle ore 23.10 fari puntati sulle Olimpiadi con Mamoli e Teo Marchi, la voce e l’occhio su Tokyo, infine dalle ore 23.20 alle ore 24.30 spazio al Dj Rock’n Rosso (dj Rosso e dj Niki).
  • In piazza Matteotti, dalle ore 18 intrattenimento per bambini con Duo Tutto Okea, mentre dalle ore 21 scatta la comicità con Leonardo Manera, I PanPers, Gabriele Cirilli, con un’area riservata con posti a sedere.

Prenotazione obbligatoria

Entrambi gli eventi in piazza Matteotti, gratuiti, sono a prenotazione obbligatoria. 
Info e link di prenotazione https://www.imolacentrostorico.it/news-in-evidenza/prenota-online.

Come previsto dal decreto legge n. 105 dal 23 luglio 2021, dal 6 agosto fino al 31 dicembre 2021, l'accesso a spettacoli aperti al pubblico, eventi , competizioni sportive, fiere, concerti, cinema e musei è consentito, per i maggiori di 12 anni, solo attraverso la presentazione della Certificazione verde COVID-19 - Green Pass.

Street food agricolo

Una parte di piazza Matteotti  dedicata allo street food “agricolo”, a cura degli operatori agricoli in collaborazione con le Associazioni Agricole del territorio

Sosta gratis nei parcheggi dalle ore 15

Dalle ore 15 saranno gratis i parcheggi a sbarre del centro (Aspromonte, Ragazzi ’99, Ortofrutticolo, Cavina e Guerrazzi) e gli stalli su strada dell’area del centro storico.

Aggiornamenti del programma? 

Pubblicheremo aggiornamenti e dettagli delle proposte su questo sito e sul profilo FB  imolacentrostorico

Maltempo

In caso di maltempo, gli spettacoli previsti in piazza Matteotti si svolgeranno al teatro comunale Stignani.

Protocolli sanitari

L'evento si svolgerà nel rispetto delle disposizioni e i protocolli nazionali e regionali,  in materia di contenimento e gestione dell’emergenza pandemica.

Per accedere all’area spettatori per l’esibizione dei comici in piazza Matteotti,  sarà necessario essere in possesso del Green Pass (certificazione verde COVID-19).

 

ultima modifica 09/08/2021 14:29

Osteria Civico 1, in centro i sapori della cucina imolese

In via Stagni 1 ha aperto a inizio giungo un nuovo locale di ristorazione che sta avendo successo
Osteria Civico 1, in centro i sapori della cucina imolese

Osteria Civico 1

"Abbiamo inaugurato solo sui social network, non c'è stato tempo e nemmeno le condizioni adatte per poter fare un debutto ufficiale. Ma va bene così, ci concentriamo subito sul lavoro da fare". Simone Montebugnoli è uno dei tre soci dell'"Osteria Civico 1", un nuovo locale aperto dal 10 giugno in via Stagni 1, in pieno centro. Una sfida e una scommessa, come altre attività di ristorazione che hanno deciso di debuttare in questo difficile contesto. "Ci pensavamo da un po' - prosegue Simone -, poi abbiamo visto che i vaccini sono arrivati, la voglia della gente di tornare a uscire, di andare a mangiare fuori, era tanta. Così abbiamo deciso, e ora bisogna dire che sta andando bene. Oltre a noi soci, uno dei quali aveva già esperienze nella ristorazione, lavorano all'Osteria altri due dipendenti, un cuoco e un cameriere". I piatti su cui punta l'Osteria sono quelli della tradizione imolese, con pasta fresca fatta in casa la sera e pasta secca a pranzo, per un menù più economico per chi fa una pausa di lavoro. I pezzi forti sono tortellini, tortelloni, passatelli e poi secondi come tagliata di vitello e taglieri di salumi. "Abbiamo 30 posti ai tavoli fuori nel vicolo e una cinquantina all'interno, stiamo crescendo giorno dopo giorno", dice Simone Montebugnoli con soddisfazione.

ultima modifica 28/07/2021 19:30

La "Cantina del Cedro": in piazza Gramsci salumi, formaggi e primi piatti della tradizione romagnola

Da inizio luglio un nuovo locale: Iulia e il marito Alessandro puntano sulle eccellenze gastronomiche e sulla semplicità
La "Cantina del Cedro": in piazza Gramsci salumi, formaggi e primi piatti della tradizione romagnola

I locali della "Cantina del Cedro"

Tutto il legno che arreda il ristorante viene da alcuni cedri secolari caduti nel giardino di un'antica villa di Moena, sulle Dolomiti, durante la tempesta di vento che nel 2018 ha abbattuto milioni di alberi tra Veneto e Trentino Alto Adige. Invece di finire bruciato in qualche stufa ora quel legno abbellisce un nuovo locale del centro di Imola ed è simbolo di nuova vita e ripartenza.  Si chiama  la "Cantina del Cedro" è dall'1 luglio ha aperto in via XX settembre 17. Si tratta di una prosciutteria e formaggeria in cui è possibile gustare anche primi piatti delle cucina romagnola. Titolare è Iulia, che si è fatta un'esperienza pluriennale come cuoca in un locale di Modena per poi decidere di avviare un'attività propria insieme al marito Alessandro e due dipendenti, una aiuto-cuoca e una cameriera.

"Offriamo una selezione di prodotti artigianali sia del nostro territorio che nazionali, da vecchi e dimenticati formaggi a prosciutti romagnoli - racconta Alessandro -. Abbiamo eccellenze che vanno dalla Valtellina alla Sicilia. Siamo aperti a pranzo e a cena e serviamo tre primi piatti: cappellacci, orecchioni e ravioli. Poi tigelle, taglieri di affettati, piade e panini. Il pubblico imolese sembra davvero stia apprezzando la cucina semplice ma buona e i prezzi contenuti, i clienti crescono giorno dopo giorno e per questo ringraziamo la città".

Il progetto della "Cantina del Cedro" è nato a settembre 2020, in piena seconda ondata pandemica. "Confidavamo che, presto o tardi, si sarebbe tornati a mangiare fuori - spiega Alessandro -. Abbiamo comunque la licenza di salumeria che ci permetterà di restare aperti anche nel malaugurato caso in cui in futuro tornino le restrizioni. Intanto ci godiamo anche i tavoli all'aperto in piazza Gramsci: condividiamo lo spazio con altri due locali con cui cooperiamo, con vantaggi per tutti, per mettere a tavola tutte le sere fino a 300 persone. Si è creato un bel giro di clienti che hanno voglia di godersi una ritrovata convivialità in sicurezza".

Il sindaco Marco Panieri, facendo visita al nuovo locale insieme all'assessore allo sviluppo economico Pierangelo Raffini, ha sottolineato proprio l'importanza dei locali, nuove aperture comprese, nel valorizzare la città: "La Cantina del Cedro apre proprio in centro storico, nella seconda piazza, che si avvia ad essere un nuovo salotto della città - ha commentato sulla sua pagina Facebook -. Non solo sicurezza, decoro e illuminazione, ma anche nuove attività e nuova vita per un'azione integrale e complessiva di rinascita del nostro centro storico".

 

ultima modifica 23/07/2021 15:34

A.PI STUDIO: "Il viaggio è un progetto da costruire con cura insieme al cliente"

Annalisa Pavanello ha aperto la sua agenzia in centro storico a inizio luglio, già tante le mete per tornare a viaggiare
A.PI STUDIO: "Il viaggio è un progetto da costruire con cura insieme al cliente"

Il sindaco Panieri saluta l'apertura di A.PI Studio con Annalisa Pavanello e la sua collaboratrice

Dopo 20 anni di esperienza nel settore turistico ha deciso di dare vita a una creature tutta sua, così nel 2021 è nato A.PI STUDIO. Nel nome le sue iniziali, Annalisa Pavanello, e in "Studio" il modo di intendere il suo lavoro,  in quanto l’organizzazione in proprio di un viaggio, sia esso di una sola giornata o lungo più giorni, richiede sempre uno “studio” accurato, un progetto che va costruito con cura e competenza. Dal 7 luglio, dopo il sito web, Annalisa ha aperto una vetrina in via XX settembre 29/B, in centro storico, dove immagina e confeziona avventure insieme ai suoi clienti, vecchi e nuovi.

I primi viaggi sono già in programma: presto si parte per l'Islanda e poi tante mete in Italia, tra natura, cultura, trekking e storia. "Appena il Covid ce lo consentirà torneremo con più frequenza all'estero, ad esempio a novembre vorrei mettere in calendario l'Expo di Dubai, a gennaio le Maldive e a febbraio la Lapponia, per andare ad ammirare l'aurora boreale - racconta con entusiasmo Annalisa -. Per questi viaggi ci sono già ora tante prenotazioni, mi conforta vedere che le persone hanno fiducia e tanta voglia di tornare a viaggiare".

Fresca di laurea e con una passione per il  mondo arabo, Annalisa Pavanello ha mosso i primi passi nel mondo del turismo in un'agenzia di Damasco, come organizzatrice del viaggio dei turisti italiani che visitavano la Siria. Dopo quattro anni il rientro in Italia e la nascita della sua prima agenzia, a Imola, di cui è stata titolare e socia per 16 anni.  Ora una nuova sfida.

"Ho avviato le pratiche per aprire A.PI STUDIO a gennaio del 2021, con un po' di coraggio e forse anche incoscienza, visto che ancora i vaccini anti-Covid non erano pronti e c'era tanta incertezza sulle riaperture e sulla possibilità di tornare a spostarsi - spiega -. Ho voluto comunque tentare, non volevo gettare al vento 20 anni di esperienza per un momento storico sfortunato. Da inizio maggio ho iniziato a organizzare nuovi viaggi, cominciando dall'Italia. La bellezza del nostro Paese e la varietà  delle mete offerte ha permesso a tutto il settore del turismo di restare in  piedi in mezzo a questa crisi. Ho visto subito un buon riscontro dei clienti, tutti i weekend ho avuto gruppi numerosi per le gite e i viaggi che proponevo. Quello che contraddistingue la mia offerta è l'organizzazione di viaggi in tutti gli aspetti e dettagli, andando incontro alle esigenze di ogni persona, dando a chi ne ha necessità un accompagnatore in ogni fase. Il semplice volo + hotel lo possono offrire in tanti ma non è la tipologia di prodotto preferita da A.PI STUIDIO, che privilegia un'assistenza globale al turista". 

Con l'apertura dell'agenzia in centro a Imola, a inizio luglio, un ulteriore passo in avanti: "Sono in una zona tranquilla e poco trafficata, vicinissima alla piazza. I clienti entrano anche per un saluto, per fare due chiacchiere su idee e suggestioni per i nuovi viaggi. Mi avvalgo di una collaboratrice e proprio nella vetrina accanto c'è un'altra agenzia di viaggi ma non ci facciamo concorrenza, anzi collaboriamo tra noi per migliorare e completare reciprocamente la nostra offerta".

Anche il sindaco di Imola, Marco Panieri, ha voluto sottolineare l'apertura dell'agenzia facendo visita a Annalisa e alla sua collaboratrice. “Ho portato un saluto all'inaugurazione - ha commentato sulla sua pagina Facebook il sindaco -. Una nuova apertura, anch'essa in centro storico, dove prosegue un cammino di #ripartenza con nuove attività che rendono il nostro centro sempre più attrattivo e dinamico”.

 

ultima modifica 23/07/2021 15:31

Più sicurezza sulle strade: al via i nuovi lavori

Si parte il 22 luglio. Il dettaglio di tutti gli interventi previsti dall’amministrazione. L’assessore Raffini: “Risposte concrete, a partire dalla zona Pasquala"

Da giovedì 22 luglio via ad una serie di lavori di moderazione del traffico, che hanno l’obiettivo di migliorare la sicurezza sulle strade imolesi.

A questo scopo, nelle scorse settimane il Comune ha approvato i progetti e finanziato, a proprio carico, lavori di ristrutturazione di alcune strade, con un investimento complessivo di circa 100mila euro.

Gli interventi, che sono stati progettati da Area Blu, sono relativi alla realizzazione di lavori di moderazione del traffico e messa in sicurezza di infrastrutture stradali; al completamento di percorsi ciclabili e pedonali; alla messa in sicurezza di attraversamenti pedonali e ciclabili e alla ristrutturazione di incroci; ad opere di completamento quali la realizzazione di segnaletica orizzontale e verticale.

“Questi interventi nascono a seguito del lavoro della conferenza traffico composta da Amministrazione comunale, Area Blu e Polizia Locale, che ha preso in esame criticità anche evidenziate da cittadini e ha trovato le soluzioni per affrontarle. In due casi in particolare, via Pasquala e via Luzzi, sono stati fatti incontri online con cittadini e cittadine per condividere le problematiche e le soluzioni individuate prima di procedere con la progettazione definitiva”, dichiara l’assessore alla Mobilità, Elisa Spada.

“Con l’avvio di questi lavori, intendiamo dare risposte concrete a diverse situazioni, prima fra tutte quella della zona Pasquala, per porre in maggiore sicurezza diversi punti stradali nella città che riguardano sia la circolazione degli autoveicoli sia quella lungo le ciclabili. Una volta realizzati gli interventi, sarà nostra cura attivare un sistema di monitoraggio, per verificare l’efficacia delle soluzioni adottate”, commenta l’assessore ai Lavori pubblici, Pierangelo Raffini.

Gli interventi nel dettaglio

Via Pasquala
I lavori di modifica della viabilità su via Pasquala comprendono l’istituzione di due sensi unici contrapposti tra via Pasquala e via Spallicci e tra via Prampolini e la via Spallicci. Questi interventi vengono realizzati in via sperimentale al fine di moderare la velocità su via Pasquale e impedire il traffico improprio di attraversamento tra la via Lasie e la Via Cooperazione. Contestualmente verrà istituito un tratto di senso unico anche in via Spallicci, in modo da impedire manovre di inversione di marcia in prossimità dell’incrocio con la via Pasquala. Inoltre, verrà istituita una “Zona 30” su via Pasquala, tra via Ortignola e via Prampolini e su via Spallicci nel tratto posto a senso unico.

Vie Luzzi, G.C. Croce, e Odofredo II
I lavori di modifica della viabilità in corrispondenza degli incroci tra la via Amendola e le vie Luzzi, G.C. Croce, e Odofredo II consistono nella chiusura dello spartitraffico sulla via Emilia al fine di impedire le manovre di svolta a sinistra sia in entrata che in uscita dalle suddette vie. I lavori comprendono la modifica della segnaletica orizzontale e verticale e anche in questo caso vengono realizzati al fine di moderare l’utilizzo di tali strade da un traffico improprio di attraversamento verso l’interno del quartiere Cappuccini e verso il quartiere Pedagna.

Via Tiro a Segno
I lavori di moderazione del traffico su Via Tiro a Segno interessano il tratto corrispondente alla zona dall’ingresso del Tiro a Segno alla via Delle Lastre. In questo caso saranno posizionati dei dissuasori al centro della strada, tali da impedire fisicamente il “taglio delle curve” a forte velocità, causa di diversi incidenti avvenuti negli ultimi anni.

Via Montericco
I lavori di moderazione del traffico su Via Montericco interessano il tratto posto in prossimità dell’incrocio con la via Battisti. In questo caso saranno installati nuovi cartelli con limite di velocità, lampeggianti luminosi a radar e bande sonore di rallentamento.

Via Banfi
I lavori di moderazioni del traffico in via Banfi comprendono la ridefinizione della sosta, la realizzazione di bike stripe tali da collegare la ciclabile di via Graziadei con la via Campanella. Sarà inoltre sistemato l’attraversamento pedonale su via Graziadei, che collega i due tratti della ciclovia del Santerno al fine di migliorarne la sicurezza: l’intervento comprende la ridefinizione degli allineamenti del guard-rail esistente e l’installazione di un sistema di segnalazione e illuminazione per passaggi pedonali che si attivano con segnali luminosi alla presenza di pedoni o ciclisti in prossimità dell’attraversamento. Infine, verrà inoltre migliorata anche la segnaletica orizzontale con l’applicazione di vernice plastica bicomponente su platea rialzata di 5 centimetri.

Via Pisacane
Per quanto riguarda l’attraversamento pedonale di via Pisacane, in prossimità del cartello del centro abitato di Imola, i lavori comprendono (come per via Graziadei), l’installazione di un sistema di segnalazione e illuminazione per passaggi pedonali che si attivano con segnali luminosi alla presenza di pedoni o ciclisti in prossimità dell’attraversamento. Sarà inoltre migliorata la segnaletica orizzontale che sarà realizzata su platea rialzata di 3 centimetri. Per questo intervento i tempi saranno un po' più lunghi, in quanto il Comune di Imola è in attesa che ANAS predisponga la relativa ordinanza di limite di velocità nel tratto di viabilità di sua competenza, in modo da moderare la velocità delle auto in ingresso ad Imola e aumentare i livelli di sicurezza del nuovo attraversamento previsto.

 

ultima modifica 19/07/2021 12:35

“Le modifiche in via Cavour una risposta alle richieste di cittadini e commercianti”

Si inverte il senso di marcia tra via Orsini e viale Carducci. I lavori in programma dal 26 al 28 luglio. I commenti degli assessori Raffini e Spada

Dal 26 luglio, e presumibilmente per tre giorni, fino al 28, sono in calendario i lavori per l’inversione del senso unico di marcia di via Cavour, nel tratto tra via Orsini e viale Carducci: l'intervento adeguerà l’attuale viabilità della via Cavour al Piano Generale Urbano del Traffico di Imola che prevede la direzione di marcia della via Cavour a senso unico, in uscita dal centro storico.

La decisione è stata presa dall’Amministrazione comunale dopo avere verificato che la sperimentazione dell’inversione del senso di marcia del suddetto tratto di via Cavour - voluta dalla precedente Amministrazione dal settembre 2019 -, dal punto di vista viabilistico non ha prodotto le migliorie ipotizzate, ma viceversa, continuano a segnalarsi fenomeni di elevata velocità e condizioni di pericolosità e interferenza tra la pista ciclabile e il parcheggio a lato strada.

Le lavorazioni comporteranno il rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale, la cancellazione della vecchia segnaletica e il ripristino di tutta la segnaletica di indicazione, compresa quella relativa alle attività commerciali.

Progettati da Area Blu, i lavori comporteranno una spesa complessiva di 25mila euro.

Inversione del senso unico di marcia di via Cavour tra via Orsini e viale Carducci

Il nuovo senso unico sarà in uscita dal centro storico; verrà mantenuta la sosta sul lato attuale della strada mentre la corsia ciclabile sarà risistemata in direzione centro, lato giardini pubblici; sarà ripristinato lo ‘stop’ su via Cavour all’altezza delle vie Verdi e Manfredi.

Saranno ripristinati 6 posti auto tra via Manfredi e via Sacchi, mantenendo liberi gli spazi davanti agli ingressi delle scuole Carducci prospicenti la via Cavour, che saranno riservati agli utenti del plesso scolastico, fornendo migliori condizioni di sicurezza e permettendo la salita e la discesa dagli scuolabus.

Inversione di marcia di via Cairoli nel tratto compreso tra viale Carducci e via Cavour

Il nuovo senso di marcia sarà in direzione centro e all’incrocio con via Cavour sarà obbligatorio svoltare a destra in uscita dal centro storico; i parcheggi saranno mantenuti nella posizione attuale mentre cambierà di senso anche la pista ciclabile per permettere il collegamento verso la via Carducci.

Inversione di marcia della via Orsini nel tratto compreso tra piazza Savonarola e via Cavour

Il nuovo senso di marcia sarà con direzione in entrata al centro storico e all’incrocio con via Cavour sarà obbligatorio svoltare a sinistra su via Cavour.
Anche in questo caso i parcheggi rimarranno nella posizione attuale.

Modifiche a favore della sicurezza stradale

“Questa modifica al senso di marcia, che va a favore della sicurezza stradale per le utenze deboli, in particolare pedoni e ciclisti, ha reso necessario modificare il percorso del trasporto pubblico che per motivi di dimensioni e di spazi di manovra non può entrare in centro storico ma ne rimane tangenziale. Le fermate più prossime al centro storico sono Andrea Costa e Carducci - Savonarola a nord e Bianconcini e Porta Mazzini a sud presenti sia sulla linea 1 che sulla linea 2”, commenta l’assessore alla Mobilità, Elisa Spada.

Da parte sua, l’assessore al Centro storico e Lavori pubblici, Pierangelo Raffini precisa: “i lavori che verranno eseguiti vanno incontro a richieste precise emerse in campagna elettorale da parte dei cittadini e delle attività commerciali. Sono state condivise costantemente tutte le informazioni con le associazioni di categoria per permettere anche alle attività economiche presenti di organizzarsi al meglio”.

ultima modifica 19/07/2021 12:14

Baccanale 2021 nel segno di “Amaro”. Il Comune: avanti con le proposte

Il Comune di Imola invita associazioni, enti, aziende agricole e vinicole, ristoranti e pubblici esercizi interessati a essere presenti con proprie iniziative. Partecipazione gratuita per i ristoratori

“Amaro”. Sarà questo il tema del “Baccanale 2021”, l’annuale rassegna sulla cultura del cibo organizzata dal Comune di Imola in programma da sabato 30 ottobre a domenica 21 novembre.

Come tradizione, il programma prevederà incontri, degustazioni, visite, spettacoli, mostre, menu a tema e tanto altro ancora.

Come spiega il prof. Massimo Montanari, storico dell’alimentazione “amaro è il sapore a cui non si pensa quando sono in ballo il gusto, il piacere, la gastronomia. Eppure, se andiamo a elencare i prodotti che in un modo o nell’altro lo richiamano, ci accorgiamo che la sua presenza è molto più cospicua di quanto non possa sembrare. Soprattutto fra le risorse vegetali, l’amaro impera: radicchi, cicoria, rucola, carciofi, cardi, fave, asparagi… Ma non dimenticheremo il caffè, l’olio, gli agrumi (il pompelmo!) e cento altre cose di cui ogni giorno facciamo esperienza”.

 L’amaro sembra godere di una forte attenzione soprattutto nella tradizione italiana. “È in Italia che si inventa un dolce chiamato amaretto, una bibita come il chinotto che è la versione nostrana della più dolce coca-cola; è in Italia che si sviluppa una cultura straordinaria dell’amaro (il liquore) diffusa dalle Alpi alla Sicilia. Per non parlare dei vari Campari e Bitter, o di vini che ci è piaciuto chiamare Amarone o Dolceamaro”, aggiunge il prof. Montanari.

 Perché questa attenzione molto italiana a un sapore così complesso e difficile? Un sapore che, non a caso, si apprezza soprattutto in età adulta?

 “Un ruolo decisivo – chiarisce il prof. Montanari - deve averlo avuto l’importanza della cultura popolare nella costruzione del patrimonio gastronomico italiano. Perché cultura popolare vuol dire soprattutto capacità di valorizzare le piante, anche quelle selvatiche, le più ricche di questo gusto amaro, che la lingua italiana 'addolcisce' chiamandolo 'amarognolo', espressione difficilmente traducibile in altre lingue”.

 L’invito del Comune a formulare proposte ispirate al tema

 Per le sue prerogative e per l’impatto economico che gli è da sempre stato riconosciuto, il Baccanale vuole contribuire alla ripresa delle attività produttive del settore turistico, agroalimentare e della ristorazione del territorio imolese, valorizzandolo e promuovendolo come sempre ha fatto.

 Il Comune di Imola invita pertanto associazioni, enti, aziende agricole e vinicole, ristoranti e pubblici esercizi interessati a partecipare con proprie iniziative alla rassegna, a formulare proposte ispirate all’argomento prescelto che possano arricchire e qualificare l’evento. Le modalità di presentazione delle proposte saranno rese note attraverso il sito della manifestazione www.baccanaleimola.it. Tali proposte dovranno pervenire entro il 31 agosto 2021.

 È gratuita la partecipazione dei ristoranti

 “Proprio in considerazione della particolarità della situazione, con la pandemia che ha costretto per molti mesi i ristoranti a rimanere chiusi, quest’anno il Comune ha stabilito che i ristoratori avranno l’opportunità di partecipare gratuitamente al Baccanale, proponendo menu a tema e scuole di cucina o altri eventi di approfondimento del tema” sottolineano gli assessori alla Cultura, Giacomo Gambi e allo Sviluppo economico, Pierangelo Raffini. Ai ristoratori aderenti sarà richiesto anche quest’anno di inviare una video ricetta. Tutte le video ricette raccolte saranno visibili nel sito del Baccanale e divulgate attraverso i social.

Per ampliare l’offerta e la partecipazione di un maggior numero di attività economiche il Comune di Imola apre quest’anno le porte del Baccanale anche a bar, caffetterie, enoteche e pizzerie, che potranno partecipare gratuitamente proponendo una colazione, un aperitivo, una pizza ecc. ispirati al tema “Amaro” e realizzati appositamente per questo Baccanale.

Le adesioni dei pubblici esercizi potranno essere comunicate secondo le modalità riportate nel sito baccanaleimola.it entro il 31 luglio 2021 mentre l’invio delle proposte e dei menu è richiesta entro il 31 agosto.

Per informazioni: - tel. 0542 602433/ 602300 – attivita.culturali@comune.imola.bo.it

 

ultima modifica 16/07/2021 10:55

Lavori teleriscaldamento per palazzo Calderini: cambiano viabilità e sosta

Proseguono gli interventi: dal 19 al 31 luglio in programma lavori nell'incrocio tra via Cavour e via Orsini. Tutte le informazioni nel dettaglio.

In via Cavour – sottolinea Hera - proseguono i lavori per l’estensione della rete di teleriscaldamento cittadina al servizio di palazzo Calderini (in via Cavour 84), richiesta dal Comune di Imola. Complessivamente saranno posati circa 350 metri di condotta, a partire dalle scuole Carducci già allacciate al teleriscaldamento, per collegare un palazzo storico del centro che si aggiungerà ad altri edifici “simbolo” della città già teleriscaldati. Tra questi, oltre appunto alle Carducci, ci sono l’Ospedale Vecchio e Nuovo, la piscina comunale e il Palazzetto dello sport, il Teatro Comunale, il Municipio, il Duomo e alcune chiese, il Teatro Osservanza, il Convento dei Cappuccini, la Comet, il centro Leonardo e diversi istituti scolastici.

Da lunedì 19 luglio partirà la seconda fase dei lavori, che coinvolgerà per circa 15 giorni l’incrocio tra via Cavour e via Orsini e che proseguirà successivamente nel tratto di via Cavour fino all’incrocio con via Appia.

Per l’esecuzione dei lavori sarà necessario modificare la viabilità dalle ore 8.30 di lunedì 19 luglio alle ore 19 di sabato 31 luglio (ne sarà data informazione in anticipo tramite il recapito di un’apposita lettera ai residenti e alle attività economiche coinvolte).

via Cavour

  • Chiusura al transito veicolare in corrispondenza dell’intersezione con via Manfredi, ad esclusione dei veicoli di residenti, aventi titolo, Forze dell’Ordine e Soccorso;
  • Istituzione del doppio senso di circolazione, per i soli veicoli di residenti, aventi titolo, Forze dell’Ordine e Soccorso, nel tratto compreso tra via Manfredi e via F. Orsini, con uscita obbligatoria in via Manfredi;
  • Istituzione del doppio senso di circolazione, per i soli veicoli di residenti, aventi titolo, Forze dell’Ordine e Soccorso, nel tratto compreso tra via F. Orsini e via Appia, con entrata da via Appia e uscita in via Cavour direzione Faenza oppure uscita in via Appia (per i soli autorizzati muniti di apposito contrassegno a percorrere quest’ultima);
  • Istituzione del divieto di sosta con rimozione veicoli nel tratto compreso tra via Manfredi e via F. Orsini e tra via F. Orsini e via Appia.

via Manfredi

  • Inversione del senso unico di circolazione nel tratto compreso tra via Cavour e viale G. Carducci.

via Appia

  • Apertura in deroga all’Ord. n. 738 del 02/10/2017, dell’Area Pedonale in via Appia, nel tratto compreso tra via Galeati e via Cavour per i soli veicoli di residenti ed aventi titolo di via Cavour del tratto compreso tra via Orsini e via Selice, via Alidosi, via Giudei, via Calatafimi, via Ettorri e via San Pier Grisologo del tratto compreso tra il civ. 19 e il civ. 31 e tra il civ. 24 e il civ. 38.

via Quarto

  • Chiusura al transito veicolare in corrispondenza dell’intersezione con via Verdi, ad esclusione dei veicoli di residenti e aventi titolo di via Quarto, via Orsini (tratto tra via Appia e via Cavour), via Cerchiari, vicolo Pighini, Forze dell’Ordine e Soccorso.

via Orsini

  • Inversione del senso unico di circolazione nel tratto compreso tra via Quarto e via Emilia per i soli veicoli di residenti e aventi titolo di via Quarto, via Orsini (tratto tra via Emilia e via Cavour), via Cerchiari, vicolo Pighini e via Troni, Forze dell’Ordine e Soccorso, con uscita obbligatoria dal Centro Storico voltando a sinistra in via Emilia, proseguendo a destra in via XX Settembre, via G. Garibaldi e via G. Mazzini;
  • Istituzione del doppio senso di circolazione per i soli veicoli di residenti e aventi titolo di via Orsini (tratto tra via Cavour e via Quarto), via Cerchiari, vicolo Pighini e via Troni, Forze dell’Ordine e Soccorso, nel tratto compreso tra via F. Orsini e via Quarto, con uscita obbligatoria proseguendo in via Orsini in direzione via Emilia.
  • Istituzione del divieto di sosta con rimozione veicoli nel tratto compreso tra via Quarto e via Cavour e tra via Cavour e via Valeriani;
  • Istituzione dell’obbligo di “dare la precedenza” ai veicoli provenienti da Piazza Savonarola, all’intersezione con via Valeriani e dell’obbligo di voltare a destra verso via Valeriani.

via Valeriani

  • Inversione del senso unico di circolazione nel tratto compreso tra Piazza Savonarola e via Orsini.

Una volta terminati i lavori sull’incrocio, quest’ultimo e il tratto di via Cavour attualmente chiuso saranno riaperti al traffico mentre sarà chiuso dall’1 al 31 agosto il tratto di via Cavour tra le vie Orsini e Appia.

Hera assicura che i lavori per tutta la loro durata verranno svolti con la massima attenzione, per arrecare il minor disturbo possibile.

 

ultima modifica 15/07/2021 12:21

“Lo scarabocchio”, nuovo asilo nido a qualificare il centro storico

Inaugurato il nuovo servizio educativo “Lo scarabocchio”, in via XX Settembre, realizzato rigenerando gli spazi che hanno ospitato il ristorante e albergo “Moderno”

“È stato un piacere visitare questa realtà, che ha rigenerato uno spazio del centro storico che era chiuso da tempo, contribuendo quindi a riqualificare l’area, aprendo un servizio che è sempre più richiesto dalle famiglie e che sarà molto utile sia per chi abita in centro sia per chi vi lavora”. Così il sindaco Marco Panieri nel corso della recente inaugurazione del Piccolo Gruppo Educativo “Lo Scarabocchio”, nella sede di via XX Settembre 22, in pieno cuore cittadino.  Con il sindaco erano presenti l’assessore alla Mobilità, Elisa Spada, e la direttrice del nido, Veronica Cremonini.

Il nido privato, che è aperto ad un massimo di 8 bambini e bambine dai 3 mesi ai 3 anni, con un’educazione mirata da parte delle 3 educatrici, è stato ricavato ristrutturando i locali chiusi da tempo che in passato hanno ospitato il ristorante e albergo “Moderno”.

Al piano terra la struttura, molto luminosa, presenta l’ingresso, lo spazio giochi, la cucina e la stanza nanna, oltre ad un piccolo cortile interno.
Ai piani superiori, dalle camere sono stati ricavati alloggi, pensati in particolare per studenti universitari fuori sede.

Il Piccolo Gruppo Educativo “Lo Scarabocchio” - sottolinea l'amministrazione comunale - è stato realizzato in centro storico perché mancava in questa area della città questo tipo di servizio.

 

ultima modifica 13/07/2021 12:46

Rilancio delle attività economiche: due nuove misure dell'amministrazione comunale

Le agevolazioni sulla concessione suolo pubblico per pubblici esercizi e per attività artigianali del settore alimentare prorogate fino al 31 dicembre prossimo. Raffini: "Ulteriore segnale di attenzione per il centro storico"

Nei giorni scorsi la giunta comunale ha approvato due nuovi provvedimenti per il rilancio delle attività economiche. Il primo provvedimento consiste nella proroga fino al 31 dicembre 2021 delle misure straordinarie in materia di canone concessione suolo per i pubblici esercizi. Queste misure sono state introdotte per la prima volta nel maggio del 2020 e poi in seguito prorogate, con provvedimenti successivi, fino al 30 giugno scorso.

Il secondo provvedimento è relativo alla proroga delle misure straordinarie per consentire l’occupazione di suolo pubblico per spazi all’aperto annessi ad attività artigianali del settore alimentare, anche in deroga temporanea a regolamenti ed ordinanze comunali. Queste misure sono state introdotte per la prima volta nel luglio 2020 e poi in seguito prorogate, con provvedimenti successivi, fino al 30 giugno scorso.

“Abbiamo confermato, prima della scadenza del DCPM, l’impegno che ci eravamo assunti sia come giunta sia come consiglio comunale con tutti gli esercizi pubblici della città di mantenere fino al 31 dicembre di quest’anno le condizioni di favore per l’utilizzo del suolo pubblico includendo, come già nel DPCM, anche tutte le attività artigianali. Anche questo è un segnale di attenzione e di interesse per il nostro centro storico e per tutti i locali pubblici della città”, sottolinea Pierangelo Raffini, assessore alle Attività produttive e centro stori

Proroga esenzione canone unico pubblici esercizi

La giunta ha approvato (anche in deroga temporanea ai regolamenti comunali vigenti) la proroga sino a fine anno delle misure inizialmente previste fino al 30 giugno scorso.

Si tratta del “piano straordinario” relativo all’occupazione di suolo per gli spazi di ristoro a servizio dei pubblici esercizi. In questo modo, l’Amministrazione comunale dà continuità alla propria azione di sostegno del rilancio delle attività economiche e mantiene l’impegno assunto nei mesi scorsi di prorogare fino al termine del 2021 questa forma di esenzione.

Nello specifico, ecco le misure prorogate:

  1. l’esenzione dal pagamento del canone unico previsto per le attività di somministrazione alimenti e bevande per superfici fino a 30 mq e di durata inferiore a 180 giorni situate in centro storico è estesa a tutte le attività (di somministrazione) del territorio comunale;
  2. non è dovuto il canone unico per l’installazione di sistemi di gestione della fila e fornitura alla clientela di dispositivi per la prevenzione del contagio (esempio gel mani e guanti monouso);
  3. l’ampliamento dei dehors per l’adeguamento alle norme sul distanziamento sociale è possibile fino ad un massimo del 50 % della superficie attualmente concessa, mentre le nuove concessioni di spazi dedicati alla somministrazione sono possibili per massimo mq 50, integrabile del 50 %.
  4. la proroga al 31 dicembre 2021 delle concessioni è concessa sulla base di una semplice comunicazione inviata dalle ditte interessate agli uffici di Area Blu Spa.

Le occupazioni, in riferimento ai punti citati, sono consentite nel rispetto delle norme in materia di sicurezza e della circolazione e con la salvaguardia dei diritti delle proprietà e delle attività limitrofe.

Sempre in tema di Cosap (ora Canone unico), ricordiamo che per quanto riguarda il 2020, il Comune con un’apposita delibera ha abbuonato 150mila euro di oneri ai pubblici esercizi e attività economiche.

Proroga disposizioni per attività artigianali del settore alimentare

La giunta ha approvato (anche in deroga temporanea ai regolamenti ed ordinanze comunali vigenti) la proroga fino al 31 dicembre 2021 della possibilità, per le attività artigianali di produzione del settore alimentare, che svolgono nella stessa sede legittimamente anche l’attività di vendita al dettaglio di prodotti alimentari quale esercizio di vicinato, di occupare suolo pubblico da utilizzare per il consumo sul posto senza servizio assistito, previa concessione rilasciata da Area Blu Spa, per la posa di arredi destinati al consumo, senza sottrarre spazio al transito ciclabile e agli stalli di sosta delle auto. La suddetta concessione è consentita per massimo di mq 50 nel rispetto delle norme in materia di sicurezza e della circolazione e con la salvaguardia dei diritti delle proprietà e delle attività limitrofe.

Il provvedimento non compromette il mantenimento degli equilibri di bilancio di Area Blu S.p.A.

La decisione è stata presa considerando che persiste, tuttora, lo stato d’emergenza da Covid-19 (prorogato dal governo fino al 31.07.2021) e che si ritiene che l’ampliamento temporaneo delle attività economiche su aree esterne, per lo stazionamento ed il consumo da parte della clientela, sia una misura utile al contrasto della diffusione del Covid-19, in attesa della “immunità di gregge” della popolazione.

Nella foto: una delle recenti inaugurazioni di nuove attività nel centro storico alla presenza del sindaco Panieri e dell'assessore Raffini

 

 

ultima modifica 07/07/2021 12:22

Panieri: “Sicurezza, riqualificazione del centro storico, nuove attività. Ecco i nostri progetti”

Dagli “street tutor” alla riqualificazione del centro storico agli interventi sociali, culturali, economici. Intervista al sindaco Marco Panieri.

Sindaco Panieri, partiamo dagli “street tutor”: Imola, con Bologna, è città pilota nel proporre queste nuove figure professionali. Da quando e con quali compiti e obiettivi, in particolare nel centro storico?

Sicurezza e rilancio del centro storico sono temi strettamente intrecciati. Gli “street tutor”, che al momento stanno completando la formazione e a Imola presumibilmente entreranno in funzione a fine agosto, sono nuove figure professionali per la prevenzione dei rischi, la mediazione dei conflitti, per favorire la ripresa dello stare insieme. Attraverso il dialogo, la persuasione, la sollecitazione al rispetto delle norme. Nel centro storico dedicheranno particolare attenzione a piazza Matteotti e piazza Gramsci, a via San Pier Grisologo, a Vicolo Giudei, al Centro Intermedio in viale Carducci; poi. fuori dal centro storico, alla zona della stazione ferroviaria e al quartiere Pedagna (in particolare a piazza Mozart). L’obiettivo è valorizzare, rafforzare ed integrare i progetti di sicurezza urbana già in campo per una città ancora più vivibile, aperta e inclusiva, dove sicurezza e socialità procedano insieme. Quello degli “street tutor” è un progetto pilota che coinvolge Bologna – rivolto essenzialmente alla zona universitaria – e appunto Imola, dove funzionerà da supporto ai sistemi già impiegati. Queste nuove figure si inseriscono dunque nel progetto più complessivo legato al ‘sistema integrato per la sicurezza’, che passa dalle nuove telecamere a presidio della città al pattugliamento a piedi del centro storico da parte della polizia locale, fino alla collaborazione con tutte le forze dell’ordine nel controllo delle grandi aree.

La riorganizzazione del mercato ambulante è solo l’ultima di una serie di azioni dell’amministrazione comunale per rivitalizzare il cuore della città come centro commerciale naturale. Quali i progetti in campo e quali i risultati attesi?

Per Imola il tema del mercato ambulante è di assoluto rilievo. Con la riorganizzazione non abbiamo penalizzato nessuno, ma ottimizzato gli spazi, reso il mercato più compatto e funzionale per riaffermarne la sua centralità come elemento essenziale nel centro storico inteso come centro commerciale naturale. Con la conseguente possibilità, per le numerose attività che si affacciano sulle aree mercatali, di poter mantenere sempre attivi i dehors all’aperto. La riorganizzazione del mercato va anch’essa vista in un’ottica complessiva di qualificazione degli spazi, a partire da cortili, giardini, portici particolarmente presenti nel centro storico. Che si accompagna ad un’intensa attività di salvaguardia e valorizzazione del decoro urbano: attraverso un’attenta e costante opera di pulizia di strade, piazze e portici, la regolamentazione che riguarda le vetrine, la riqualificazione dell’ala su via Appia del palazzo comunale

Assieme all’assessore Raffini, di recente, ha fatto un tour per salutare l’apertura di una serie di nuove attività che hanno aperto nel centro storico. Quali le impressioni nell’incontrare queste realtà?

Abbiamo adottato questa modalità di andare a portare il saluto ufficiale a tutte le attività che aprono in città. Sono numerose e, oltre ai doverosi auguri e alla vicinanza dell’amministrazione comunale, intendiamo riconoscere il valore di queste inaugurazioni in un momento che pure resta complesso. Vediamo, in tutti, il coraggio e il desiderio di fare impresa, di investire e di essere un volano al grande ritorno della socialità, a partire dal centro storico. Quello che colpisce è lo spirito di iniziativa, l’ottimismo e l’amore per la città. Da tutti è venuta la richiesta di impegnarci ancora di più per il centro storico e la città. Ed è proprio questa la strada che stiamo percorrendo.

Le misure legate alla Tari sono solo l’ultimo esempio in ordine di tempo: quali altre azioni come amministrazione comunale metterete in campo per favorire la ripresa economica e produttiva? 

Abbiamo stanziato oltre 1,1 milioni di euro di ristori sulla Tari 2021 a tutte le attività colpite dalle chiusure causa l’emergenza Covid. I ristori andranno dal 70% fino al 100% della quota variabile 2021. Una somma doppia rispetto allo scorso anno, dove pure l’amministrazione comunale aveva messo a disposizione 550mila euro. Stiamo lavorando su altri sgravi, organizziamo manifestazioni di qualità come Imola in Musica e il Baccanale senza chiedere alcuna quota di partecipazione, abbiamo illuminato la città per Natale senza alcun onere per esercenti ed attività, attivato importanti iniziative di beneficenza e solidarietà come l’asta per le luminarie con le parole di Ayrton Senna a sostegno di progetti per bambini, ragazzi e giovani duramente colpiti dall’ emergenza socio-sanitaria. Intendiamo quindi riprendere in mano il tema degli investimenti in modo corposo. Per la qualità del welfare, per lo sviluppo del sistema culturale, per la tutela del lavoro. Su quest’ultimo punto, è bene sottolineare come anche nel periodo di maggiori difficoltà durante la pandemia il territorio imolese ha tenuto, grazie alla qualità delle nostre attività e imprese e ai tanti eventi di livello internazionale – penso, ad esempio, alla Formula 1 e ai mondiali di ciclismo – che sono risultati trainanti. Ora si tratta di lavorare sull’attrattività di nuove imprese e sulla ulteriore salvaguardia e qualificazione del tessuto economico e produttivo del nostro territorio.

Per concludere: quale messaggio agli imolesi per l’estate?

Vaccinarsi, in primo luogo. E tenere alta l’asticella dell’attenzione. Dobbiamo convivere con una situazione ancora complessa, riscoprendo appieno, seppure gradualmente, la nostra socialità. Anzitutto, partendo dal vivere i luoghi, splendidi, che abbiamo nella nostra città: dai parchi alle attrattività del centro storico.

 

ultima modifica 06/07/2021 12:11

Raffini: “Il centro storico vivo è un patrimonio per tutta la città. Siamo sulla giusta strada”

Centro storico, nuove aperture, commercio, collaborazione con le associazioni. Intervista con l’assessore Pierangelo Raffini

Assessore Raffini, anche a Imola è di grande attualità il tema del centro storico cittadino da riqualificare e valorizzare come “centro commerciale naturale”. Di cosa parliamo e cosa significa esattamente per la città?

Ci riferiamo ai tratti distintivi di moltissimi centri storici, con caratteristiche e particolarità che rendono uniche nella loro bellezza tante città italiane. Anche in Emilia-Romagna il centro storico, cuore della comunità, è quasi ovunque caratterizzato da borghi, portici, vie di transito e passeggio dove insistono numerose attività commerciali, artigianali, esercizi pubblici e servizi. Imola è un centro commerciale naturale per storia – come luogo di attività commerciali di assoluta importanza – e per costituzione, in virtù della sua pianta romana. Come amministrazione comunale siamo impegnati oggi per rendere il nostro centro storico sempre più vivibile, accogliente, sede di attività commerciali e di servizi. Non possiamo ignorare le realtà dei grandi centri commerciali né la crescente importanza dell’e-commerce, ma è nella natura delle persone socializzare, vivere la propria città direttamente, riscoprirne le bellezze. Un centro storico vivo e sicuro è un patrimonio per l’intera città e motivo d’orgoglio per tutti gli imolesi.

In questo contesto, la riorganizzazione del mercato ambulante come “elemento trainante dell’economia del centro storico” è solo l’ultima, in ordine di tempo, delle misure prese dall’amministrazione comunale…  

La riorganizzazione del mercato ambulante, nelle sue sedi di Piazza Matteotti, Piazza Gramsci e via Rivalta, è stata un’azione sentita e doverosa. Frutto di una forte collaborazione con ANVA e FIVA, giusto riconoscimento per l’importanza che i tre mercati rivestono per l’economia del centro storico e per l’impegno profuso dagli imprenditori. Non abbiamo soppresso alcun posto di lavoro, ma dopo 11 anni reso il mercato più fruibile e funzionale. La pandemia e l’età avanzata di alcuni ambulanti avevano creato vuoti e disomogeneità che avrebbero potuto disincentivare la presenza degli imolesi. Ora abbiamo dato vita a un processo di riorganizzazione che garantisce tutti i posti al coperto. Occorre visione strategica: il cuore della città deve essere popolato e centro d’interesse. La riorganizzazione del mercato è un asset importante per risaltare il protagonismo del centro storico.  

Quali altre iniziative avete in programma?

È stata nominata la nuova commissione per il decoro del centro storico, intendiamo incentivare l’apertura di altre attività eno-gastronomiche così come, invece, disincentivare la presenza di negozi sfitti o non utilizzati. Siamo inoltre contrari ad attività che porterebbero solo il depauperamento del centro storico o potrebbero favorirne il degrado. Fortunatamente i segnali incoraggianti ci sono: ad esempio, hanno aperto recentemente nuovi locali per giovani, ma anche luoghi di ritrovo per adulti e famiglie.

Proprio sul sito “imola centro storico” abbiamo dato la parola a numerosi nuovi imprenditori che hanno aperto in questi mesi nel cuore cittadino. L’amore per Imola e il coraggio di fare impresa i tratti distintivi di tutti. Un “patrimonio” importante su cui fare leva per il futuro?

Con il sindaco Panieri abbiamo preso l’abitudine di portare il saluto e l’augurio dell’amministrazione comunale a tutte le nuove imprese che aprono. Nel centro storico il tour è stato ampio e interessante. L’idea è anche quella di richiamare l’attenzione sugli aspetti positivi che caratterizzano la vita di una città. Nel nostro centro storico la possibilità di fare impresa, di mettersi in gioco esiste, è concreta e sostenuta dalle istituzioni. Abbiamo visto il coraggio di investire unito all’amore per la città di questi nuovi imprenditori. Si tratta di sostenerli e agevolarli favorendo la vivibilità, il decoro, la manutenzione, la creazione di servizi, la ristrutturazione e la riorganizzazione di sedi ed edifici.

La ripresa economica c’è davvero a Imola o si è ancora in una situazione di difficoltà?

Siamo in cammino, in una fase di start up. Ci troviamo di fronte a molte richieste di aperture di attività, stiamo lavorando anche sugli ex circoli, la gente ha voglia di stare fuori. Noi dobbiamo offrire flessibilità e opportunità agli imprenditori che hanno resistito e a quelli che intendono cominciare adesso: per questo abbiamo promosso gli incentivi legati alla Tari e confermata la gratuità per i dehors in centro storico fino al 31 dicembre prossimo, al di là di quella che sarà la decisione del Governo dopo il 31 luglio. Stiamo quindi predisponendo, attraverso la commissione decoro, nuove norme che faciliteranno anche economicamente l’apertura dei cantieri per le ristrutturazioni di abitazioni e locali. Vogliamo riportare la gente a vivere e a lavorare in centro così come trasferiremo in un unico grande edificio i servizi comunali legati a urbanistica, mobilità, commercio, anche per rendere più agevoli le procedure e le pratiche per i cittadini.

Dal “Tavolo delle imprese” alla recente collaborazione, relativa alla riorganizzazione del mercato, con le associazioni quali ANVA e FIVA: a Imola sembra esserci una forte tensione verso un’azione condivisa…

La necessità di “fare sistema” è sentita da tempo. Il centro storico è un “bene” per la città, per le associazioni, per i cittadini, per tutti. Per questo l’amministrazione comunale ha intrapreso il percorso di un dialogo serrato e costante con l’insieme delle associazioni. Ci si confronta sulle idee e sui progetti, ciascuno porta il suo importante contributo. L’impegno di rilanciare la città, dopo il periodo di stasi e di commissariamento, ci accomuna. L’amministrazione ha la responsabilità di essere hub e lanciare sfide per il futuro della città, cabina di regia che controlla e indirizza i progetti. Ma è l’unione che fa la forza. Non solamente in termini di risorse economiche, ma anche umane e di creatività, di cui c’è davvero un grande bisogno. Coinvolgimento e partecipazione sono la giusta strada”.

ultima modifica 06/07/2021 11:50

Sicurezza delle strade, investimenti per 100mila euro: lavori da luglio

Dalla seconda metà del mese al via il nuovo pacchetto di interventi approvato dall’amministrazione comunale. Tutte le strade interessate

Moderare il traffico per migliorare la sicurezza delle strade imolesi. È l’obiettivo che ha spinto l’amministrazione comunale ad approvare, nei giorni scorsi,  i progetti esecutivi relativi ad una serie di interventi di ristrutturazione di alcune strade, con un investimento complessivo, a carico del Comune, di circa 100 mila euro.

I lavori, che sono progettati da Area Blu, saranno realizzati a partire dalla seconda metà del mese di luglio.

Parliamo di: interventi di moderazione del traffico e messa in sicurezza di infrastrutture stradali; completamento di percorsi ciclabili e pedonali; messa in sicurezza di attraversamenti pedonali e ciclabili e alla ristrutturazione di incroci; opere di completamento quali la realizzazione di segnaletica orizzontale e verticale; sostituzione di cordoli e parti di pavimentazione ammalorati ed il rifacimento di scivoli per l’abbattimento di barriere architettoniche.

“Con questa delibera ‘mettiamo a terra’ diverse situazioni, prima fra tutte certamente quella della zona Pasquala, che mirano a porre in sicurezza diversi punti stradali nella città che riguardano sia la circolazione degli autoveicoli sia quella lungo le ciclabili. È chiaro che per rendere pienamente fruttuosi gli interventi realizzati e le risorse impiegate da questa Amministrazione per garantire la sicurezza delle persone è necessario, al tempo stesso, un pari atteggiamento di massima responsabilità alla guida da parte di tutti i cittadini, soprattutto nei tratti più stretti o trafficati", sottolinea Pierangelo Raffini, assessore ai Lavori pubblici.

“Alcuni di questi interventi sono frutto di un percorso partecipato che ha visto il confronto diretto tra cittadini e cittadine, amministrazione e ufficio mobilità di Area Blu al fine di condividere le criticità presenti e le soluzioni da adottare. Al termine degli interventi, a partire dalla via Pasquala, attiveremo un sistema di monitoraggio per verificare l’efficacia delle soluzioni realizzate”, spiega  Elisa Spada, assessora alla Mobilità sostenibile e trasporti.

Le strade interessate dagli interventi

Via Pasquala (tra Via Ortignola e Via Ottoni): realizzazione di un sistema di sensi unici contrapposti tra Via Pasquala e via Ottoni, tale da evitare il passaggio diretto tra la Via Ortignola e la Via Ottoni stessa e disincentivare il traffico di passaggio tra la Via Cooperazione e la Via Lasie; saranno realizzati anche interventi di moderazione della velocità.

Vie Luzzi, G.C. Croce e Via Odofredo II: modifica dell’accesso, impedendo le manovre di svolta a sinistra tra la Via Emilia e le Vie Luzzi, G.C.Croce e Via Odofredo. Questa modifica permetterà anche in questo caso di impedire un traffico improprio di passaggio tra la Via Emilia e la Via Villa Clelia, che di fatto genera all’interno di dette strade situazioni di pericolo.

Via Pisacane: messa in sicurezza dell’attraversamento ciclopedonale posto sulla via Pisacane, in corrispondenza del limite del centro abitato di Imola, tale da rendere accessibile in sicurezza il tratto di pista ciclabile esistente in fregio alla via Pisacane direzione centro anche ai ciclisti provenienti da Est, lungo la Via Emilia stessa (Zello, Via Gratusa).

Via Banfi: ridefinizione della segnaletica orizzontale mediante l’eliminazione della sosta sul lato Nord e l’inserimento delle bike stripe tra la Via Graziadei e la Via Campanella; in questo modo si otterrà una moderazione del traffico e il collegamento ciclabile tra la Ciclovia del Santerno e la Via Camapanella, verrà inoltre posto in sicurezza l’attraversamento pedonale su Via Graziadei .

Via Emilia Est, Via Emilia Ovest, Via Montanara Sud, Via Selice Nord, Via Lughese Nord, Via Togliatti nord, Via Romagnoli Est, Via Punta sud: installazione di cartelli di segnaletica stradale verticale “Attenzione – strada frequentata da ciclisti”, che rientrano fra quelli previsti dalla campagna sulla sicurezza dei ciclisti, per un sorpasso ad un minimo di un metro e mezzo di distanza dell’automobilista rispetto al ciclista.

Via Sminatori, Via Amendola, Via Cartesio, Via Selice: interventi di abbattimento di barriere architettoniche su marciapiedi e piste ciclabili presenti su dette strade.

 

 

ultima modifica 28/06/2021 13:55

Riorganizzazione del mercato ambulante, c’è il via libera. “Elemento trainante dell'economia del centro storico”

Approvata dal Consiglio comunale la nuova pianta organica. Intensa collaborazione tra Associazioni di Categoria ANVA e FIVA e l’Amministrazione cittadina

Rafforzare il ruolo del mercato ambulante

A undici anni dalla definizione dell’attuale disposizione, l'Amministrazione riorganizza la pianta organica del mercato ambulante trisettimanale, presente nelle piazze e strade del centro storico e, con l’obiettivo di rafforzare il ruolo del mercato ambulante, ha previsto la revisione del numero e della disposizione delle bancarelle, dando vita ad una pianta dei posteggi più compatta, che rafforzi le sinergie tra commercio in sede fissa, pubblici esercizi e mercato e che complessivamente sia più funzionale.

Questa revisione porta ad una riduzione degli stalli oggi disponibili, che passano dagli attuali 113 ai 91 previsti il martedì e il giovedì e 95 il sabato.

La nuova pianta dei mercati operativa entro luglio

La nuova pianta organica dei mercati è il risultato di un intenso lavoro comune che ha visto operare insieme le Associazioni di Categoria ANVA e FIVA e l’Amministrazione Comunale: prevede di passare dal totale attuale di 113 posteggi presenti in ognuno dei tre giorni (martedì, giovedì e sabato) e 1 posteggio il venerdì, a un totale di 91 posteggi il martedì e il giovedì e 95 il sabato.

Il mercato sarà così articolato.

  • Piazza Matteotti con 39 posteggi, di cui 4 riservati alla vendita di fiori (oggi sono 43 di cui 6 riservati alla vendita di fiori).
  • Piazza Gramsci con 15 posteggi (sono 19).
  • Via Rivalta con 26 posteggi il martedì e il giovedì e 30 il sabato (sono 33 tutti e tre i giorni).
  • Il Borghetto con 11 posteggi (sono 15 posteggi).

Vengono eliminati i 3 posteggi attualmente presenti in piazza Conciliazione (dell’Ulivo) perché scarsamente utilizzati. Approvata anche la pianta dei posteggi alternativi a piazza Matteotti, in viale Dante, da utilizzare in caso di eventi.

Questa revisione diventerà operativa entro luglio.

L'assessore Raffini: “Confronto positivo con le Associazioni di categoria”

“Dopo 10 anni riorganizziamo i mercati delle attività ambulanti: è un'azione sentita e doverosa per l'importanza che i mercati rivestono per questa città e per l'impegno profuso da questi imprenditori che hanno mantenuto una presenza continua nonostante la pandemia, che negli ultimi due anni ha aggravato la situazione – spiega Pierangelo Raffini, assessore al Commercio ed al Centro storico -. Ringrazio ANVA e FIVA per la fruttuosa collaborazione nel raggiungere questo primo obiettivo che ci ha permesso di fare una valutazione complessiva sul centro storico guardando al suo futuro. Sottolineo come oggi il confronto e la riflessione con tutte le associazioni d'impresa siano costanti e ci sia un coinvolgimento di tutta la Giunta nelle rispettive deleghe degli assessori, per permettere di trovare soluzioni insieme per il futuro del centro storico e della città”.

 

ultima modifica 28/06/2021 13:58

"Street Tutor", prevenzione e mediazione a favore dei cittadini anche nel centro storico

Imola protagonista di un progetto pilota assieme a Bologna. Le nuove figure professionali diventeranno operative nei prossimi giorni

Piazza Matteotti, piazza Gramsci, via San Pier Grisologo, Vicolo Giudei, Centro Intermedio di viale Carducci. Sono le principali aree del centro storico dove, assieme alla zona della stazione ferroviaria e al quartiere Pedagna (in particolare piazza Mozart), dai prossimi giorni saranno impiegati gli “Street Tutor”.

Si tratta di nuove figure professionali che possono essere impiegate in attività di prevenzione dei rischi e di mediazione dei conflitti in spazi adiacenti ai locali e ai luoghi nei quali si svolgono eventi pubblici.

Fanno parte di un progetto pilota che rientra nell’ambito di un progetto di sicurezza integrato frutto di una collaborazione tra Regione Emilia-Romagna, Prefettura di Bologna ed i Comuni di Bologna e di Imola.

Le due città sono fra le prime a sperimentarlo in Italia.

“L’obiettivo è valorizzare, rafforzare ed integrare i progetti di sicurezza urbana che insieme al coordinamento di tutti gli enti, a tutti i livelli, mira a ridurre i rischi di problematicità e ad aumentare la mediazione dei conflitti in spazi pubblici”, dichiara il sindaco Marco Panieri. “La figura dello Street Tutor presidia il territorio, in sinergia con le forze dell’ordine e di polizia. Il suo compito è di assicurare l’attività di controllo e monitoraggio e prevenzione sul territorio senza dover arrivare ad interventi di polizia, che potranno essere attivati in un successivo momento, qualora si rendessero necessari. Quindi parliamo di un ruolo di sicurezza integrata e sussidiarietà” aggiunge il primo cittadino.

“Stiamo parlando di un progetto innovativo, che prosegue nel percorso intrapreso da questa Amministrazione comunale per garantire ai cittadini la sicurezza urbana, che da un lato si basa sul decoro della città, dall’altro su operatori e tecnologie per la prevenzione e la mediazione delle possibili situazioni problematiche”, spiega il sindaco Panieri. Che aggiunge: “nell’aprile scorso, infatti, il Comune ha presentato alla Regione il progetto ‘La ripresa della socialità rispettando le regole – Lo spazio pubblico quale primo luogo di convivenza civile’ con interventi in risorse umane, appunto gli Street Tutor, e tecnologie, fra cui nuove telecamere e la sostituzione di una parte di quelle installate con nuove più innovative, per un importo complessivo di 136 mila euro, che sarà con ogni probabilità finanziato all’80% dalla Regione stessa”.

“In sintesi – conclude il sindaco Marco Panieri -, parliamo di prevenzione e mediazione a supporto dei cittadini, per consentire la ripresa dello stare insieme, dopo il lungo periodo di distanziamento causato dalla pandemia, in sicurezza e in quel clima di socialità che caratterizza le comunità coese come la nostra. Perché una città più sicura è una città più vivibile, aperta e inclusiva e noi vogliamo che ad Imola sicurezza e socialità camminino insieme”.

 

ultima modifica 23/06/2021 09:06

Musei Civici di Imola: aperture speciali, visite ed esperienze d’estate

Dal 2 luglio al 12 settembre "Musei più aperti d'estate": un modo per avvicinare turisti e cittadini ai nostri luoghi della cultura più rappresentativi e affascinanti

Con l’arrivo della stagione estiva e dopo i mesi più difficili della pandemia i Musei Civici di Imola  propongono Musei più aperti d’estate, un modo per avvicinare turisti e cittadini ai luoghi della cultura più rappresentativi e affascinanti della città, offrendo occasioni di visita, di esperienza e di scoperta.

“Dal punto di vista comunicativo, l’iniziativa Musei più aperti d’estate sarà rappresentata con la formula M+A d’E=! che è la nostra formula d’arte per la città” sottolinea l’assessore Gambi che aggiunge “abbiamo in previsione, infatti, un ricco programma di aperture speciali e appuntamenti serali dal 2 luglio al 12 settembre”.

Estesi gli orari di apertura di Palazzo Tozzoni e Rocca Sforzesca

Dal 2 luglio al 12 settembre, Palazzo Tozzoni (Via Garibaldi 18 e viale Rivalta 93) e Rocca sforzesca (Piazzale G. Dalle Bande Nere), apriranno le loro porte anche il venerdì pomeriggio (dalle 15 alle 19) e le intere giornate di sabato e domenica (dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19); entrambi i musei saranno aperti il giorno di San Cassiano (13 agosto) ed a Ferragosto (15 agosto), sempre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.

Il Museo di San Domenico è attualmente chiuso per lavori legati al futuro Museo Archeologico.

In programma anche appuntamenti speciali

Oltre alle aperture estive si aggiungono diversi appuntamenti speciali dei mesi di luglio, agosto e settembre, con visite guidate ed aperture serali.

Luglio, Palazzo Tozzoni a lume di candela

Quattro nuovi appuntamenti serali nei giorni di mercoledì 7, 14, 21 e 28 luglio (dalle 21 alle 23) e una conversazione d’arte sul tema “La luce che svela: dipinti e vita quotidiana tra riflessi e penombra”. in queste occasioni sarà possibile visitare il palazzo in una veste particolarmente suggestiva, illuminata dagli affascinanti lumi delle candele.

Posti limitati con prenotazione obbligatoria entro il giorno prima dell’evento - Costo: biglietto speciale di € 1

Agosto, Racconti in Rocca sul far della sera

Quattro visite guidate per conoscere le storie e i luoghi mai raccontati dell’edificio più amato della città e per provare l’esperienza di ammirare il tramonto dall’alto del suo mastio.
Gli appuntamenti si terranno giovedì 5, 12, 19 e 26 agosto, con due turni di visite guidate alle ore 18.30 e alle ore 19.30.

Posti limitati con prenotazione obbligatoria entro il giorno prima dell’evento -  Costo: biglietto speciale di € 1

Settembre, Le vite degli altri

Si conclude l’estate con “Le vite degli altri”, due inediti appuntamenti a Palazzo Tozzoni in cui il pubblico sarà guidato all’interno della casa-museo lungo percorsi tra oggetti che raccontano i personaggi della famiglia Tozzoni, sulle tracce di alcuni dei personaggi che vissero quelle stanze scegliendone gli arredi e le suppellettili, costruendo così, giorno per giorno, l’intimità della loro vita quotidiana e lo splendore della loro vita sociale. Gli incontri si terranno venerdì 3 e 10 settembre alle ore 17.30.

Posti limitati con prenotazione obbligatoria entro il giorno prima dell’evento. - Costo: regolare biglietto di ingresso al museo.

Prenotazioni 

Tutti gli appuntamenti speciali saranno a posti limitati e a prenotazione obbligatoria, tramite l’App  Io prenoto* o telefonando al 0542.602609 ( lunedì e martedì, 9-13)

*gratuita, disponibile sugli store di riferimento

 Informazioni

Musei civici di Imola (Via Sacchi 4, Imola); tel. 0542-602609 - musei@comune.imola.bo.it - www.museiciviciimola.it

 

 

ultima modifica 21/06/2021 14:59

Azioni sul documento

ultima modifica 08/11/2013 12:44