Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Eventi in evidenza

Eventi in evidenza

“Amaro è…” e “Porzioni abbondanti”: le mostre del Baccanale nel cuore di Imola

Passeggiate di gusto con due belle e suggestive mostre. Possibili le visite guidate già a partire da domenica 31 ottobre

Le piazze del centro storico di Imola diventano palcoscenico del Baccanale “Amaro”, con due mostre ideate appositamente.

“Porzioni abbondanti. Il gusto nell’illustrazione concettuale”: Paolo Beghini, giovane artista imolese e illustratore di quest’anno, decora il porticato di piazza Gramsci.   “Porzioni abbondanti” è una raccolta di illustrazioni concettuali che hanno il cibo come comune denominatore. Abbondanti perché le dimensioni delle opere selezionate, che solitamente trovano vita a margine di un articolo di giornale o di un blog, sull’ordine di grandezza di millimetri e pixel, qui sventolano appese in grande formato nel centro cittadino.

“Porzioni abbondanti perché – afferma Beghini - mi piace pensare a questa mostra come a un piatto di portata che servo alla mia città”.

In piazza Matteotti sarà allestita “Amaro è…”, mostra nata prendendo spunto dalla celeberrima linea di manifesti della Campari, brand che ha saputo rendere l’amaro un’icona del gusto italiano. E' stata quindi condotta una ricerca in importanti archivi fotografici, fra cui la Fondazione Alinari per la Fotografia di Firenze e le Civiche Raccolte “A.Bertarelli” di Milano, che ha prodotto un’interessante selezione di immagini tratte da campagne pubblicitarie storiche e aventi ad oggetto vari prodotti amari (cacao, caffè, birra, ecc.). Accanto ad esse sono state selezionate una serie di foto d’epoca che conducono il visitatore alla scoperta dei luoghi di produzione tradizionali di questi prodotti o più semplicemente che riconducono all’universo gustativo e sensoriale dell’amaro, un sapore generalmente sottovalutato e che, al contrario, è caratteristico di alcuni cibi molto amati come la birra, il cacao e il caffè.

VISITE GUIDATE

Sarà possibile partecipare a una visita guidata a entrambe le mostre nelle prime tre domeniche della manifestazione (31 ottobre, 7 e 14 novembre), alle ore 11 (primo turno) e alle ore 11.30 (secondo turno).

Info e prenotazione obbligatoria App ioPrenoto/Eventi oppure attivita.culturali@comune.imola.bo.it

Per approfondimenti

 

 

ultima modifica 29/10/2021 15:09

È tempo di Baccanale 2021: sabato 30 al Teatro Stignani l’inaugurazione

Ci siamo, il conto alla rovescia sta per terminale. Il Baccanale 2021 vi aspetta, con tanti eventi nel centro storico. La cerimonia d’inaugurazione, curiosità in evidenza e tutte le informazioni utili

Dopo “Imola il centro ri-fiorisce ad agosto” un altro grande evento animerà per circa un mese la città, con un’attenzione tutta particolare al centro storico. Parliamo dell’edizione 2021 del Baccanale, rassegna culturale ed enogastronomica dedicata alla cultura del cibo e alla valorizzazione dei prodotti del territorio.

La cerimonia inaugurale, in programma il 30 ottobre alle ore 18 presso il Teatro comunale “E.Stignani”, alla presenza del Sindaco di Imola, Marco Panieri, degli Assessori Giacomo Gambi (Cultura, Politiche giovanili e Legalità) e Pierangelo Raffini (Lavori pubblici, Centro Storico e Attività Produttive), avrà come ospite d’eccezione lo storico dell’alimentazione Massimo Montanari (Università di Bologna) con la sua introduzione storica al tema dell’anno dal titolo Amaro, un gusto italiano”.

IN EVIDENZA

Tra le tante opportunità della manifestazione, eccone alcune da non perdere.

Ingresso omaggio ai Musei civici

Nelle domeniche della manifestazione si entra gratis con i biglietti distribuiti da pubblici esercizi e ristoranti aderenti al Baccanale. Gli ingressi ai musei sono contingentati ed è vivamente consigliata la prenotazione.

Info Musei civici 0542 602609,

Per non rimanere con l’amaro in bocca

Le Farmacie comunali di Imola partecipano al Baccanale regalando un kit di prodotti cosmetici o integratori, a fronte di una spesa minima. I farmacisti di S.F.E.R.A saranno disponibili per fornire utili consigli e consulenze personalizzate.

Le conserve del monastero a tema Baccanale: marmellate amare

Il tradizionale mercatino di beneficienza delle Clarisse incontra il gusto “amaro”. Durante il periodo del Baccanale sarà possibile richiedere il catalogo dei prodotti a tema realizzati dalle Clarisse e ordinarli via mail all’indirizzo: nel periodo compreso tra il 6 e il 28 novembre

Proverai come è amaro il cibo altrui

Anche in occasione del Baccanale 2021, l’Associazione “Insieme per un futuro migliore” presenterà, come ogni anno, l’opuscolo con ricette a tema dalla Bielorussia.

CLAI – La vittoria del piatto amaro

CLAI organizza un concorso tra i suoi foodblogger che si sfideranno nella preparazione di ricette a tema Baccanale. I piatti, frutto del loro estro, dovranno essere legati alla cultura popolare e al patrimonio gastronomico della propria terra. Votando sui social, il pubblico deciderà il vincitore della sfida ottenendo in questo modo sconti nei punti vendita delle Macellerie del Contadino/CLAI.

AppU

Il programma completo e i menu del Baccanale 2021 sono consultabili su smartphone, tablet, iPhone e iPad grazie all’applicazione gratuita AppU Imola che consente anche di localizzare tutti i luoghi degli eventi.

#Plastic-freER Emilia-Romagna 2030

Il Baccanale, con riferimento all’ordinanza del Sindaco 42/2019 in materia di riduzione della plastica in occasione di eventi pubblici, aderisce alla campagna che prevede la riduzione dell’incidenza delle plastiche sull’ambiente e il passaggio all’impiego di materiali biodegradabili e compostabili.

  • PER MAGGIORI DETTAGLI: il programma completo e tutti i menu sono online sul sito www.baccanaleimola.it e grazie all’applicazione gratuita visitARe, sarà possibile consultare il programma e tutti i menu dei ristoranti direttamente sul proprio smartphone. Per essere sempre aggiornati sulle iniziative si possono visitare le pagine Facebook e Instagram: Baccanale Imola.
  • PER INFORMAZIONI E APPROFONDIMENTI: Servizio Attività culturali, tel. 0542 602300 - - - www.comune.imola.bo.itwww.baccanaleimola.it www.imolacentrostorico.it
  • PER PRENOTARE: per non perdere nessun evento, sarà possibile prenotare seguendo le modalità specificate nei singoli eventi in calendario e indicate sul sito del Baccanale.

Per gli eventi in programma presso gli spazi comunali, sarà possibile utilizzare l’App ioPrenoto (scaricabile gratuitamente) nell’apposita sezione “Eventi”.

 

ultima modifica 28/10/2021 12:54

Attività “slot free”, fino al 2 novembre per richiedere il contributo

La richiesta può presentarla anche chi è già "slot free’, oltre a coloro che rimuovono gli apparecchi. Tutte le informazioni utili

C’è tempo fino al 2 novembre per presentare la domanda di contributo che viene assegnato dal Comune alle attività che non hanno o a quelle che tolgono dalla propria sede gli apparecchi da gioco videolottery/slot machine.

L’avviso pubblico è pubblicato all’albo pretorio.  

Il bando fa riferimento, come già annunciato nelle scorse settimane, alla delibera del Comune che prevede appunto un sostegno alle imprese che rimuovono gli apparecchi da gioco videolottery/slot machine, erogando un contributo economico alle attività economiche “slot free”. In totale, il Comune mette a disposizione 18.000 euro che sono stati trasferiti a tal proposito dal Nuovo Circondario Imolese, sulla base di fondi che la Regione Emilia-Romagna ha messo a disposizione con l’apposito fondo gioco d’azzardo patologico (Gap).

A chi è destinato il sostegno 

Il bando ha l’obiettivo di contrastare i fenomeni di dipendenza dal gioco d’azzardo e ridurre l’impatto e le ricadute sulla collettività in termini di costi, sicurezza e legalità. Possono accedere al contributo (500 euro per ogni impresa) sia i titolari di pubblici esercizi, esercizi commerciali, gestori di circoli, di altri luoghi deputati all’intrattenimento con sede nel Comune di Imola, già assegnatari del marchio Slot Free ER o che chiedano l’iscrizione al registro Slot Free ER contestualmente alla partecipazione al presente bando, sia i suddetti titolari che rimuovano tutte le apparecchiature “per il gioco d’azzardo lecito” presenti nei loro locali, pena la decadenza del contributo stesso e chiedano l’iscrizione al registro comunale delle attività “slot free”.

Le domande di ammissione al contributo devono essere presentate utilizzando lo schema allegato al bando; la domanda deve essere firmata digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa richiedente ed inviata esclusivamente tramite PEC all’indirizzo: suap@pec.comune.imola.bo.it specificando nell’oggetto: “denominazione impresa – Bando Slot Free ER – domanda ammissione contributo”.

Come fare: le informazioni utili

Chi non ha slot machine - I titolari di pubblici esercizi, esercizi commerciali, edicole comprese, gestori di circoli, di altri luoghi deputati all’intrattenimento con sede nel Comune di Imola, già assegnatari del marchio Slot Free ER o che chiedano l’iscrizione al registro Slot Free ER in quanto privi di videolottery/slot machine devono comunque presentare domanda per il contributo.

Chi ha slot machine - I titolari di pubblici esercizi, esercizi commerciali, edicole comprese, gestori di circoli, di altri luoghi deputati all’intrattenimento con sede nel Comune di Imola che hanno nei loro locali apparecchiature “per il gioco d’azzardo lecito” devono rimuoverle tutte o impegnarsi a farlo entro 30 giorni dalla data di assegnazione del contributo, chiedere l’iscrizione al registro comunale delle attività “slot free” e presentare domanda per il contributo.

Va ricordato, fra l’altro, che le attività con sede entro 500 metri dai luoghi sensibili (istituti scolastici di ogni ordine e grado, luoghi di culto, impianti sportivi, strutture residenziali o semi residenziali in ambito sanitario o socio sanitario, luoghi di aggregazione giovanile e oratori) al cui interno sono installate slot machine sono comunque obbligate dalla normativa regionale a dismetterle entro il 2022.

Un impegno rafforzato contro il gioco d'azzardo patologico

“Il nostro impegno per contrastare il “Gioco d’azzardo patologico” e favorire le imprese “slot free” si rafforza con le decisioni che abbiamo assunto come Amministrazione comunale - commenta Giacomo Gambi, assessore alla Legalità ed alle Politiche giovanili del Comune di Imola -. In questa nostra azione, un altro aspetto molto importante è rappresentato dal fatto che oggi queste iniziative sono pensate e organizzate in modo più organico, in un’ottica di Circondario Imolese, grazie al lavoro del Tavolo circondariale della Legalità, senza per questo perdere la capacità di rispondere in modo puntuale alle specifiche esigenze dei singoli Comuni”.

Materiali

 Per approfondire

 

ultima modifica 26/10/2021 13:05

Servizi al cittadino: dal 30 ottobre anagrafe aperta anche il sabato mattina

Potenziati i servizi alla persona. Invariati gli orari di apertura negli altri giorni della settimana

A partire dal 30 ottobre i Servizi per il Cittadino  saranno aperti al pubblico anche il sabato mattina, dalle ore 9 alle ore 12,30.

Oltre al front-office, saranno disponibili il rilascio carte di identità, l'URP (protocollo, anagrafe canina, SPID, raccolta firme, tesserini caccia, funghi e pesca), lo sportello matrimoni e/separazioni, lo sportello decessi.

Rimangono invariati gli orari di apertura negli altri giorni della settimana:

  • lunedì, mercoledì e venerdì ore 9.00-12.00
  • martedì ore 9.00-17.30 orario continuato
  • giovedì ore 9.00-12.00 e 14.00-17.30

L'accesso è su appuntamento che può essere fissato on line https://www.comune.imola.bo.it/servizi-online  o telefonicamente al numero 0542 602215.

“La riapertura al sabato mattina dell’Anagrafe era un obiettivo che ci eravamo prefissati fin dall’inizio del mandato, per andare incontro alle tante richieste dei cittadini. Ringrazio i dipendenti comunali, le parti sindacali e l’assessore Penazzi che si sono coordinati in modo da poter garantire questa nuova apertura che non solo risponde ad un bisogno espresso dall’utenza, ma che qualifica ulteriormente i nostri servizi, garantendo una maggiore flessibilità nei confronti delle esigenze dei cittadini. Questo risultato è il frutto anche degli investimenti che abbiamo fatto sia sul piano tecnologico che su quello delle risorse umane, che ha visto nelle scorse settimane prendere servizio 6 nuove unità di personale”, sottolinea il sindaco Marco Panieri.

“Abbiamo dovuto aspettare che la situazione pandemica ce lo permettesse, ma finalmente arriva l'apertura dei Servizi per il Cittadino tutti i sabato mattina, tanto attesa e richiesta dagli imolesi. Ringrazio tutto il personale e auspico che il nuovo orario, insieme all'apporto dei nuovi assunti, possa rendere l’Anagrafe un servizio sempre più accessibile”, commenta Elena Penazzi, assessore ai Servizi al Cittadino.

ultima modifica 25/10/2021 14:46

Baccanale 2021 dedicato all’ amaro: oltre 100 eventi, centro storico protagonista

Un nuovo programma tutto dedicato all’amaro: è il Baccanale 2021, dal 30 ottobre al 21 novembre. Protagonista il centro storico con mostre, palchi del gusto e tanto altro. Ecco gli eventi nel dettaglio

L’appuntamento è per sabato 30 ottobre, alle ore 18 presso il Teatro comunale Ebe Stignani, con l’inaugurazione del Baccanale 2021, evento tra i più attesi nel panorama culturale della città e di tutto il circondario. Il taglio del nastro della manifestazione si volgerà alla presenza del sindaco Marco Panieri, degli assessori Giacomo Gambi (Cultura, Politiche giovanili e Legalità) e Pierangelo Raffini (Lavori pubblici, Centro Storico e Attività Produttive), con la partecipazione dello storico dell’alimentazione Massimo Montanari (Università di Bologna) che introdurrà il tema 2021 con un intervento dal titolo “Amaro, un gusto italiano”.

Da segnalare, tra i momenti di maggior significato, la Premiazione del Garganello d’oro, in programma martedì 16 novembre alle ore 18 sempre presso il Teatro Stignani. Il premio sarà conferito dal sindaco Panieri alla Fondazione Banco Alimentare Emilia-Romagna, alla presenza dell’Assessore Turismo e Commercio Regione Emilia-Romagna, Andrea Corsini.

Il programma culturale

Numerosi gli eventi che sono proposti sia dall’Amministrazione comunale ma anche da enti ed associazioni imolesi.

Gradito ritorno ad Imola quello di Simonetta Agnello Hornby, scrittrice di fama internazionale che, in occasione della pubblicazione di “Punto pieno”, nuovo romanzo della trilogia inaugurata da “Caffè amaro”, dialogherà con Massimo Montanari dei temi a lei più cari (in programma domenica 31 ottobre - Teatro Stignani alle 17.30). L’autrice inaugurerà, con la propria partecipazione, un ciclo di conferenze ed incontri che costituiscono uno dei nuclei centrali del Baccanale, grazie ai quali sono offerte al pubblico numerose opportunità di approfondimento culturale del tema dell’anno. Tema che, per la sua originalità e trasversalità, consente un approccio pluridisciplinare al fine di cogliere a pieno le molteplici sfaccettature dell’amaro.

L’Accademia italiana della cucina propone un incontro dal titolo “Tortelli dolci, tortelli salati, tortelli amari” che si svolgerà venerdì 5 novembre alle 18 con la presenza di Massimo Montanari e Luca Cesari, collaboratore de Il Sole 24 ore, critico gastronomico e autore di “Storia della pasta in dieci piatti: dai tortellini alla carbonara”.

Simone Mosca, giornalista de “la Repubblica”, sarà protagonista di una conferenza dal titolo “La città agra. Storia dell’amaro a Milano nel Novecento”, in programma giovedì 11 novembre alle ore 17.30 presso palazzo Tozzoni.

L’Università di Bologna, sede di Imola, propone una serie di incontri con i docenti, tra i quali venerdì 12 novembre, a partire dalle ore 18 “Ma se è amaro non ingrassa? Dalla percezione agli effetti metabolici”, con Alessandro Bordoni, docente del Dottorato in Salute, sicurezza e sistemi del verde, seguito da Giovanni Burgio e Maria Luisa Dindo, Docenti del corso di laurea in Scienze e tecnologie per il verde e il paesaggio che condurranno a quattro mani l’incontro Liquori&insetti: affogare (con giudizio…) le amarezze nel dolce”.

Domenica 14 novembre alle 17.30 (presso la Biblioteca Comunale), Gabriella Morini, Ricercatrice in Scienze del Gusto e del Cibo dell’Università di Pollenzo, metterà al centro della sua conferenza, “Amore amaro”, la chimica dell’amaro e il rapporto con questo gusto così complesso.

Dalla chimica alla letteratura, il Professor Gino Ruozzi (Università di Bologna) ci condurrà in un viaggio alla scoperta del rapporto tra l’amore e l’amaro nel corso dell’incontro dal titolo “Le mandorle amare e il destino degli amori”, previsto per sabato 20 novembre alle ore 17.30 presso il Teatro comunale “E. Stignani”.

Alle ore 18.30 del 20 novembre si parlerà di “Raccolto non più amaro: “pure in carcere lo sanno fa”, e altri orizzonti di caffè buono e solidale”, occasione per approfondire il ruolo di Libera Terra nei territori confiscati alle mafie (presso il centro sociale La Tozzona).

A conclusione del ricco programma di incontri del Baccanale 2021, Gaia Cottino, Professore a contratto presso l’Università degli studi di Milano Bicocca, affronterà, con un taglio antropologico, la stretta relazione che intercorre tra sistemi alimentari e sistemi sociali, titolo della conferenza “L’amaro in bocca. Appunti antropologici dal mondo dei codici gustativi”; in programma sabato 27 novembre alle ore 17.30 presso la Biblioteca comunale.

Al fine di valorizzare i prodotti del territorio, due sono i convegni proposti: sabato 6 novembre Confagricoltura Bologna propone, alle 10.30, un incontro dal titolo “Turismo immersivo, le nuove vie del gusto… dell’amaro”, che presenterà le nuove frontiere del turismo: enoturismo, oleoturismo, agristreetfood, agriristoro, piante officiali e cicloturismo.

Venerdì 19 novembre, nell’ambito di “Olimola”, il Frantoio Valsanterno, ci condurrà alla scoperta delle sfumature amare dell’olio extravergine d’oliva (dalle 18).

Le novità dell’edizione 2021

Ogni anno il Baccanale mantiene il suo format originale ma si rinnova. La continuità con le edizioni precedenti è testimoniata dalla riproposizione di eventi che costituiscono da sempre il nucleo centrale della manifestazione: le mostre-mercato, il Banco di Assaggio, la collaborazione con ristoranti e pubblici esercizi. L’esigenza però di rinnovare un formato, certo di successo, ma sempre in cerca di nuovi spunti e sollecitazioni, si è concretizzata quest’anno nel portare la rassegna anche “fuori” dagli spazi che lo hanno da sempre ospitato.

Il desiderio di avvicinare il Baccanale ai cittadini, di permettere loro di fruirne in maniera diversa, si manifesta in due assolute novità di questa edizione 2021: le Mostre in centro e i Palchi del gusto, saranno più che mai le piazze di Imola il palcoscenico del Baccanale.

Le mostre in centro

Piazza Gramsci ospiterà “Porzioni abbondanti. Il gusto nell’illustrazione concettuale di Paolo Beghini”, mostra che raccoglie alcuni dei lavori di Paolo Beghini, giovane illustratore imolese, autore dell’illustrazione del Baccanale 2021.

Piazza Matteotti accoglierà la mostra “Amaro è…” un percorso per immagini che, attraverso alcuni esempi visivi di ciò che è amaro, racconta il tema del Baccanale 2021.

È prevista una visita guidata alle mostre nelle prime tre domeniche della manifestazione (31 ottobre, 7 e 14 novembre).

Palchi del gusto

I Palchi del gusto, presenti nelle quattro piazze principali del centro storico, saranno vere e proprie vetrine temporanee dei prodotti “amari” delle imprese del territorio.

Piazza Caduti per la libertà ospiterà i prodotti di CACI Società Agricola, main sponsor della manifestazione.

Piazza della Conciliazione (dell’Ulivo) accoglierà, per ogni weekend della manifestazione, un ospite diverso: i birrifici del territorio imolese (Birrificio Non Retorico, Birrificio Hopinion e Birrificio Claterna), il Frantoio Valsanterno che introdurrà la filiera olivicola del territorio e infine il Consorzio vini di Romagna, che proporrà una selezione di vini.

Protagonista in Piazza Medaglie d’oro sarà lo scalogno di Romagna IGP, presentato dal Consorzio dello Scalogno di Romagna (che ospiterà ugualmente il Consorzio dell’aglio di Voghiera).

Piazza Mirri ospiterà l’associazione turistica Pro Loco Imola con un percorso tra i prodotti dell’imolese che presentano diverse intensità di amaro.

Per scoprire (ed assaggiare!) i prodotti amari, grazie alla Palchi del gusto Card" si potrà ottenere la speciale sportina “Amaroinborsa”, ideata appositamente per il Baccanale 2021.

I prodotti del territorio e i mercati

Ogni anno il Baccanale costituisce un momento privilegiato per promuovere la cultura enogastronomica del territorio imolese e del circondario attraverso la riproposizione delle mostre-mercato, occasione per i produttori locali di presentare i frutti del proprio lavoro.

Torna dopo l’interruzione forzata del 2020 un’eccellenza del territorio, il Banco di assaggio dei vini e dei prodotti agroalimentari dell’imolese, occasione per degustare le oltre cento etichette frutto del lavoro e della ricerca dei produttori locali (in programma venerdì 12, sabato 13 e domenica 14 novembre).

I fine settimana della manifestazione ospiteranno le mostre-mercato di prodotti del territorio: in piazza Matteotti il Mercato agricolo in centro, nelle domeniche 31 ottobre e 14 novembre, e il Mercato della terra slow food in centro sarà ugualmente presente in questa seconda data.

Sabato 6 e domenica 7 novembre verrà riproposto nella Galleria del centro cittadino dall’Associazione turistica Proloco “Sapori e saperi di oggi e di ieri”. Domenica 7 novembre è in piazza Matteotti la “Giornata del ringraziamento imolese della Coldiretti Bologna”, mentre il weekend conclusivo della manifestazione ospiterà, nella Galleria del Centro cittadino, “Olimola”, mostra mercato dell’Olio extravergine di oliva prodotto in Emilia-Romagna.

L’amaro in bocca - degustazioni per tutti i gusti

Non solo incontri e conferenze in un Baccanale che mette al centro il gusto amaro, ma tante degustazioni proposte da enti e associazioni che permetteranno di “sperimentare” in prima persona l’amaro e i suoi molteplici volti: cacao, caffè, amari, birre e vini saranno al centro di tali esperienze sensoriali. I dettagli e le modalità di partecipazione nel programma giorno per giorno.

I ristoranti e i pubblici esercizi

Numerose le adesioni dei ristoratori e pubblici esercizi che hanno aderito entusiasti al tema di quest’anno.

42 tra ristoranti, osterie e agriturismi hanno scelto di cimentarsi con il tema “Amaro” proponendo le proprie ricette.

Tra le novità di questa edizione, i Fuorimenu, che comprendono proposte originali di colazioni, brunch, aperitivi e tante altre specialità realizzate appositamente da 12 pubblici esercizi della città in occasione della manifestazione. Modi diversi per sperimentare l’Amaro in tutte le sue sfaccettature.

Le attività proposte sono davvero per tutti i gusti. L’ampia offerta degli eventi previsti ad Imola e nel Nuovo Circondario Imolese è in linea con il percorso tematico in cui dialogano cultura e alimentazione, con la partecipazione di numerosi ospiti. Non soltanto quanto detto finora (incontri, degustazioni, mostre) ma anche tante altre opportunità di incontro e approfondimento nel territorio. Visite guidate, ricostruzioni storiche, laboratori e spettacoli, pensati per coinvolgere adulti e bambini.

I titolari delle attività provvederanno a verificare il possesso della certificazione verde Covid-19 (Green Pass).

Il Baccanale è organizzato dal Comune di Imola con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e della Regione Emilia-Romagna.

La manifestazione gode del sostegno di enti pubblici e privati: Città metropolitana di Bologna Destinazione Turistica, Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, CACI Società Agricola, CLAI, Confcommercio Ascom Imola, Confesercenti Territorio Imolese, CNA Imola, Confartigianato Imprese, BCC Credito Cooperativo Ravennate Forlivese e Imolese.

Il sindaco Panieri: “Un nuovo slancio per i luoghi della città”

“Siamo di nuovo insieme, in questa grande occasione di incontro che è il Baccanale, una manifestazione storica per Imola, che mette al centro la valorizzazione dei prodotti e del territorio, a cominciare dalle tante attività che aderiscono – ha sottolineato il sindaco Marco Panieri durante la presentazione ufficiale della rassegna -. Il Baccanale rappresenta una grande opportunità per far vivere con nuovo slancio i luoghi della città e di rilancio delle opportunità economiche e culturali. Auspico che questa edizione, con i suoi oltre 100 eventi in 23 giorni, prosegua nel solco della storia tracciata dalla rassegna e chiuda un anno difficile, causa la pandemia, per aprirne uno nuovo nel quale vivere di più i prodotti e i luoghi del nostro territorio, favorendo il dialogo e l’incontro fra le persone”.

“Imola, che è il trattino che unisce l’Emilia con la Romagna, mette al centro la voglia di uno sguardo più ampio, che attraverso la promozione delle peculiarità del suo territorio può ben figurare sul piano regionale e nazionale” ha aggiunto il sindaco Panieri, che ha poi ringraziato “i dipendenti comunali che hanno messo una voglia in più di rilanciare la manifestazione, le associazioni di categoria, le tante aziende e attività che aderiscono, a cominciare da ristoranti, pubblici esercizi e attività commerciali e gli sponsor. Un grazie particolare all’artista che ha disegnato l’immagine del Baccanale 2021, Paolo Beghini, che è un giovane imolese, già riconosciuto a livello internazionale”.

“Un riconoscimento dovuto, specie dopo un anno particolare come quello che ci lasciamo alle spalle, il conferimento del premio ‘Garganello d’Oro’, per la promozione della cultura del cibo, alla Fondazione Banco Alimentare Emilia-Romagna”.

 Per approfondimenti

 Informazioni

Servizio Attività culturali
tel. 0542 602300
attivita.culturali@comune.imola.bo.it

Quando previste, le modalità di prenotazione sono specificate nei singoli eventi in calendario, e indicate sul sito del Baccanale
Gli eventi in programma presso gli spazi comunali sono prenotabili anche con lApp ioPrenoto (scaricabile gratuitamente)

Informazioni turistiche
www.visitareimola.it - iat@comune.imola.bo.it - app turistica VisitARe

 

ultima modifica 21/10/2021 11:53

Il Bocconcino, nuova apertura in centro: “La nostra mozzarella piace anche ad Hamilton…”

Inaugurato il secondo punto vendita, al mercato coperto Il Borghetto. “Solo prodotti artigianali e Dop qui da noi: la gente ha voglia di tornare nei negozi”

“Crediamo in quello che facciamo e cogliamo le opportunità. Il mercato coperto Il Borghetto di via Rivalta, in centro storico, siamo convinti sia la collocazione ideale per il nostro secondo punto vendita qui a Imola”. Emanuela Turrese è la titolare de “Il Bocconcino” che, nei giorni scorsi, dopo quella di via Croce Coperta, ha aperto il secondo negozio, che gestisce assieme al marito,stavolta nel cuore della città.

“E vorremmo non fermarci qui… Vendiamo solo prodotti tipici del Sud a marchio Dop – prosegue Emanuela -. Formaggi, salumi, mozzarella di bufala: arte e sapori del meridione, in prevalenza campani. Il mercato coperto e il centro storico danno grande visibilità al nostro marchio, da qui la scelta.  La nostra è una storia particolare. Siamo tornati da poco più di un anno, dopo 12 trascorsi in Lussemburgo. Abbiamo fatto un’analisi semplice: i prodotti artigianali, i cibi soprattutto, sono i più venduti sul web. Dunque, c’è grande richiesta. Ma noi vogliamo far tornare la gente nei negozi, perché il cibo va guardato, annusato, apprezzato di persona, come si faceva una volta. Gli imolesi hanno premiato la proposta. E non solo loro. Lo dico con orgoglio: la nostra mozzarella di bufala è stata scelta, tra altre 46, per Hamilton e tutta la squadra Mercedes in occasione del Gran Premio di Formula 1. E Hamilton, grande appassionato di mozzarella, è uno che se ne intende davvero…”.   

ultima modifica 19/10/2021 15:52

Baruzzi, cinquant’anni e non sentirli dedicati alla bellezza in centro storico

Un negozio storico, specializzato in prodotti per la cura dei capelli, delle mani e delle unghie. “La nostra è una clientela mista, con anche tanti uomini”

Cinquant’anni, o quasi, e non sentirli. “Siamo nati nel 1973 come profumeria, in via Cererie, oggi ci presentiamo come Baruzzi srl qui in via Galeati, dove ci siamo trasferiti nel 1984”, spiega Anna Saffi, la titolare. Con lei il marito, che cura anche l’amministrazione, e quattro dipendenti.

“Siamo un negozio di prodotti di bellezza concessionario, in particolare, di marchi leader per la cura dei capelli, delle mani e delle unghie. Vendiamo sia all’ingrosso che al dettaglio. Siamo rimasti fedeli alla nostra tradizione da quando abbiamo abbandonato la profumeria, specializzandoci nel resto. Un tempo esisteva un modello di lima per unghie, oggi sono almeno 15, di qualità e forme differenti. La nostra è una clientela mista; sono tanti gli uomini, per così dire, ‘vanitosi’. Il lockdown l’abbiamo sentito, certo. Chiusi due mesi l’anno scorso, ma anche questa primavera la flessione negli affari c’è stata. Ora siamo tornati quasi alla normalità, anche se la gente sta molto attenta a quello che spende. Qualità, cortesia e professionalità ci contraddistinguono. Siamo sempre stati in centro storico, in via Galeati abbiamo trovato la nostra giusta dimensione. Parcheggi, movimento di persone, attrattività. Qui nel cuore cittadino stiamo benissimo, del resto noi siamo imolesi doc…”. 

ultima modifica 18/10/2021 12:28

Emozioni e suggestioni di “Imola il centro ri-fiorisce ad agosto” in un video

Aspettando il Baccanale e gli eventi di un Natale che sarà ricco di soprese, ecco l’emozionante video finale di “Imola il centro ri-fiorisce ad agosto”

Le immagini, più delle parole. Ecco il video finale di “Imola il centro ri-fiorisce ad agosto”, manifestazione che ha segnato la ri-partenza degli eventi nel cuore della città, il 28 agosto scorso. L’emozione di ritrovarsi, socializzare, divertirsi, degustare assieme e assistere a una miriade di spettacoli, con protagonisti le attività commerciali, l’associazionismo, le società sportive imolesi, migliaia di cittadini.

Un segnale atteso, una “festa degli acquisti” e della cultura voluta e organizzata dall’assessorato al Centro storico ed alle Attività produttive del Comune insieme alle Associazioni di categoria Confcommercio Ascom Imola, Confesercenti Territorio Imolese, Confartigianato Imprese Bologna Metropolitana e Cna Imola Associazione Metropolitana.

Fin dal mattino il commercio, i pubblici esercizi, il mercato ambulante e l’artigianato di servizio hanno accolto clienti, cittadini e visitatori nei loro negozi, per poi accompagnarli con un ricchissimo programma pomeridiano nel clou della festa serale.

Spazio anche alla sicurezza con il camper per le vaccinazioni anti-Covid dell’Ausl di Imola in Piazza Matteotti.

Le piazze del centro, per un’intera giornata e in piena sicurezza, si sono quindi animate accogliendo migliaia di imolesi, e non solo. I mercatini creativi a cura di ArtigiaMano handmade Lab in piazza Caduti per la Libertà; sax e dj in piazza Medaglie d’Oro; musica e spettacoli no-stop in Piazza Gramsci; il due tutto Okea nel pomeriggio per i più piccoli in Piazza Matteotti, prologo alla serata, in cui è scattata la comicità con Leonardo Manera, I PanPers, Gabriele Cirilli.

Un ulteriore, sentito ringraziamento da parte dell’amministrazione comunale a tutti i protagonisti di “Imola il centro ri-fiorisce ad agosto”. Le associazioni di categoria, il mondo del commercio, tutte le attività, l’associazionismo, le realtà sportive, gli artisti,  i tantissimi che hanno aderito e partecipato. 

L’estate 2021 di “rinascita” del centro storico è stato solo l’inizio: ora altri grandi eventi ci aspettano. Dal Baccanale (30 ottobre-21 novembre, sul tema “Amaro” - https://www.baccanaleimola.it/ ) al Natale, ricco di sorprese ed eventi. Che vi presenteremo e racconteremo, naturalmente, sul nostro sito Imola Centro Storico.

Continuate dunque a seguirci e, nel frattempo, riguardate e godetevi le emozioni di “Imola il centro ri-fiorisce”

 

ultima modifica 15/10/2021 15:05

Photo Time: “Avanti con la riqualificazione, nuove vetrine devono accendersi in centro storico”

Photo Time, in via Galeati, un’attività ormai storica nel centro di Imola. “La ripresa c’è. Proseguire nella valorizzazione del cuore della città”

“Gente chiama gente. Il centro storico di Imola è rinato, ma occorre incentivare ulteriormente le attività e le presenze. Sono ancora troppi, a nostro avviso, i negozi sfitti e le vetrine vuote. Dopo la pandemia, che in un settore come il nostro si è fatta sentire, la ripresa c’è e si vede. Qui in via Galeati siamo in un’ottima posizione, le persone arrivano, se la riqualificazione e la valorizzazione del cuore cittadino proseguiranno ne trarremo tutti nuovi benefici”.

Francesco Giacomoni, dipendente di Photo Time di Aurea Tonini, racconta di un’attività ormai storica per Imola. “Siamo nati nel 1995, prima stavamo vicino al Teatro, in via Emilia; nel 2017 ci siamo trasferiti nell’attuale sede. Nei famosi locali di ‘Foto Gino’, per certi versi anche per dare continuità a un nome così prestigioso. Siamo specializzati in foto per matrimoni ed eventi, ma offriamo i nostri servizi a 360°, anche per attività industriali e commerciali, web, studi specializzati. Ci proponiamo anche come rivendita e assistenza per quanto riguarda materiale fotografico, cornici, album, ecc. La qualità è il nostro marchio”.    

ultima modifica 13/10/2021 12:15

Piazza Matteotti, un successo “Tieni in forma il tuo cuore”

Il sindaco Panieri: “Giornata molto ben riuscita di sensibilizzazione quella in centro storico sui rischi cardiovascolari”

“È stata una giornata molto ben riuscita, che ha visto tante cittadine e tanti cittadini raccogliere l’appello che, come sindaci del Nuovo Circondario Imolese, avevamo lanciato, per aderire a questa bella iniziativa promossa dalla Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con l’Ausl di Imola”.

Marco Panieri, sindaco di Imola e Presidente del Nuovo Circondario Imolese,  commenta così l’iniziativa “Tieni in forma il tuo cuore”, il progetto del servizio sanitario regionale di sensibilizzazione sui rischi cardiovascolari, che ha visto diverse tappe in tutta l’Emilia-Romagna, e che si è concluso domenica 10 a Imola, in piazza Matteotti, con la presenza anche dell’assessore regionale alla sanità, Raffaele Donini. Per tutta la giornata, L’Ausl di Imola ha allestito anche il centro vaccinale nell’ex Bar Bacchilega, proprio per rimarcare l’utilità del vaccino per superare la pandemia e favorire il ritorno a condizioni di normalità in tutte le attività.

"Investire nella prevenzione ci aiuta a combattere l’insorgere delle malattie e a favorire una migliore qualità della vita, contribuendo anche alla sostenibilità del nostro sistema sanitario - ha aggiunto il sindaco Marco Panieri, a nome dei sindaci del Nuovo Circondario Imolese -. Un ringraziamento, oltre all’assessore Donini, va anche a tutto il personale dell’Ausl di Imola che ha garantito l’effettuazione dei test e delle dimostrazioni in programma, alle Associazioni di volontariato presenti in piazza ed al Servizio di Protezione civile del Comune di Imola, che insieme ai volontari di Protezione civile ha fornito il supporto logistico per l’evento”.

ultima modifica 11/10/2021 10:29

“Riprese e montaggi, vi racconto come è cresciuto il mondo di Ciak”

Parla Michela Sartoni, titolare di Ciak. “Sono cresciuta e cambiata assieme alla mia professione. Qui nel centro storico di Imola sto benissimo”

“L’Accademia del Cinema di Bologna mi ha visto studiare regia e sceneggiatura. L’esperienza sul campo è iniziata lavorando sul set di diversi cortometraggi, come regista di alcune trasmissioni televisive locali e di format per il web. Oggi eccomi qui a Ciak, dove mi occupo di riprese, montaggi video e servizi fotografici. Da sola a gestire l’attività, ovviamente con numerosi collaboratori esterni per le varie produzioni”.

Ciak, fondata nel 2011, è Michela Sartori, nata a Faenza, imolese d’adozione. Dal 2015 in via Appia 92, in pieno centro storico.

“Dieci anni sono lunghi in una professione come questa, che è cambiata e si è evoluta assieme a me. Lavoro a Imola, in tutta la regione, in Toscana, ovunque mi chiamano. Più che il mestiere è cambiato il mio approccio. Diversificando l’offerta e rispondendo alle esigenze di molteplici clienti. Dagli eventi privati (matrimoni, cresime, battesimi) ai concerti e alle sfilate, fino ai video per le aziende. Certo, durante il lockdown è stata dura, cerimonie ed eventi erano ‘spariti’. Ora la ripresa c’è, e si vede. Soprattutto nel mondo dell’intrattenimento c’è grande voglia di ripartire e di farsi vedere. Mi trovo benissimo a Imola in centro storico, tra tante attività nuove e altre consolidate; la socialità è viva e le occasioni davvero non mancano”.

ultima modifica 08/10/2021 12:57

Alce Nero, il biologico sbarca in pieno centro storico

Inaugurato in via Orsini il nuovo store Alce Nero. Il sindaco Panieri: “Un bel segnale, il cuore di Imola diventa sempre più attrattivo”.

“È sempre un bel segnale quando viene aperta una nuova attività. Lo è tanto più quando questo avviene da parte di due donne, che dimostrano competenza e intraprendenza, e quando questa attività, legata a un marchio storico, si abbina alla volontà di diffondere anche la cultura di un’alimentazione sana e sostenibile, proprio alla vigilia della nuova edizione del Baccanale. Tutto questo contribuisce a qualificare ulteriormente il centro storico, che continua a rilanciarsi e a diventare sempre più attrattivo”. Così il sindaco Mario Panieri all’inaugurazione in pieno centro a Imola (in via Felice Orsini 7/A) del nuovo negozio monomarca Alce Nero.

“Abbiamo voluto portare in città una proposta di biologico autentico, per chi sceglie ogni giorno una dieta equilibrata, pensata per il proprio benessere senza dover rinunciare al gusto. Per questo abbiamo scelto Alce Nero. Cercheremo di non portare solo il cibo in città, ma anche la cultura di un’alimentazione che pensa alle persone e al futuro del nostro pianeta” , hanno detto Raffaella Cantagalli e Alessia Panichi, le imprenditrici di Logica Bio.

Lo store è aperto dal lunedì al sabato dalle 9 alle 13:30 e dalle 16 alle 19:30, con chiusura alla domenica. Ma non solo, il punto vendita sarà già uno dei protagonisti di Baccanale 2021 che ha per tema “L’Amaro”. In occasione dell’evento che ogni anno colora di gusto la città, il negozio Alce Nero proporrà un percorso tra le materie prime e le ricette che valorizzano tutto il buono dell’amaro grazie a piccole degustazioni e alla presenza di un Food Truck (in collaborazione con Olive Food Truck) dove lo chef Simone Salvini interpreterà L’amaro buono che fa bene: attraverso ricette 100% vegetali e biologiche preparate con gli ingredienti Alce Nero sarà possibile gustare preparazioni d’alta cucina in vero stile street food.

Il nuovo negozio, voluto dalle due imprenditrici, proporrà tutta la gamma di prodotti del marchio, dalla linea classica a quella fresca, dai prodotti surgelati a quelli pensati per i piccolissimi: pasta e riso, passate e polpe, bevande vegetali, frollini, composte, succhi e nettari di frutta; caffè, cioccolate e zucchero certificati Fairtrade e ancora il baby food, gli yogurt e le zuppe fresche, le pizze, le verdure e i gelati surgelati, tutto questo e molto altro, garantito dall’affidabilità che Alce Nero ha saputo costruire in 43 anni di storia. A questi, si aggiungeranno birre e vini di produttori selezionati, latte fresco, ricotte, mozzarelle e formaggi, per una proposta food completa e coerente.

All’inaugurazione, oltre al sindaco erano presenti Raffaele Donini, assessore regionale alle Politiche per la salute, Pierangelo Raffini, assessore alle Attività produttive e al centro storico di Imola, Elisa Spada, assessore all’Ambiente, Elena Penazzi, assessore ad Autodromo, eventi e turismo e Giacomo Gambi, assessore alla Politiche giovanili. Sono inoltre intervenuti anche Sergio Zavatti, direttore generale della Banca di Imola, Massimo Monti, ad di Alce Nero, e Arturo Santini, presidente di Alce Nero.

 

 

 

ultima modifica 04/10/2021 13:13

“Si brinda solo con vini del nostro territorio qui alla nuova Enoteca del Piolo”

Tra le attività inaugurate di recente nel centro storico c’è anche l’Enoteca del Piolo. “Solo vini del territorio imolese qui da noi”

“Tre Monti, Ferrucci, Poderi delle Rocche, La Casetta, Monticino Rosso, Cesari. Solo vini del nostro territorio per la nuova Enoteca del Piolo. Abbiamo inaugurato da meno di una settimana, ma siamo assolutamente soddisfatti. La gente viene, apprezza la qualità dei nostri vini e i prezzi competitivi del menù”.

Oscar Cenni è particolarmente orgoglioso della sua nuova enoteca di via Appia 84, nel centro storico. Per l’inaugurazione ha ricevuto anche la visita del sindaco Marco Panieri e dell’assessore al commercio e centro storico, Pierangelo Raffini.

“Un’occasione presa al volo l’apertura della nuova attività che si configura, di fatto, come una ‘ vetrina’ dell’osteria attiva già da quattro anni all’interno della torre quattrocentesca. Una scelta voluta proporre unicamente produzioni delle zone imolesi in enoteca, così come piatti tipici della cucina romagnola nel ristorante. Perché sono convinto sia importante, così come il centro storico di Imola, che è rinato a nuova vita, è il posto ideale. La ripresa si vede, siamo contenti”.  

ultima modifica 30/09/2021 11:33

Centro cittadino protagonista di “Ascoltarti”, storico compleanno di materne e nidi

Un ricco calendario di manifestazioni, numerose delle quali nel centro storico, dall’1ottobre al 20 novembre. Saranno 28 le iniziative per ricordare i 50 anni delle materne e i 45 dei nidi

Il Comune di Imola in 50 giorni, dall’1ottobre al 20 novembre, organizza 28 iniziative per festeggiare il 50° anniversario della prima sezione comunale di Scuola dell’infanzia e i 45 anni dall’apertura della prima sezione comunale di Nido d’infanzia ad Imola. Il tutto sotto il titolo “ascoltarti – 1971/2021 – 50 anni con i bambini delle Scuole dell’Infanzia e dei Nidi comunali a Imola”.

Nello specifico, parliamo di due mostre, 6 letture e laboratori per bambini, 8 iniziative di animazione per bambini, 3 incontri per gli adulti e 9 eventi pubblici, fra cui quello conclusivo, il 20 novembre nel teatro comunale “Stignani”, con la presenza, fra gli altri, del presidente della Regione, Stefano Bonaccini e dello scrittore Carlo Lucarelli, insieme al sindaco Marco Panieri e al vice sindaco e assessore alla scuola Fabrizio Castellari.

Il programma di eventi intende richiamare il tema dei diritti dell’infanzia, come prima ragione d’essere di questi servizi; coinvolgere nei vari appuntamenti tutta la comunità, con una particolare attenzione ai bambini e alle loro famiglie e tenere integrati i piani sociale, tecnico ed accademico anche attraversano l’organizzazione e la fruizione dei servizi per la prima infanzia. Inoltre, intende riproporre il ruolo dei servizi comunali come punto di riferimento all’interno del generale sistema integrato pubblico-privato nel settore 0/6 anni e rinnovare l’impegno del Comune nel continuare a farli crescere ed a rappresentare un presidio di grande qualità offerto alle famiglie sia oggi che in futuro.

“Si tratta di due importanti anniversari per i servizi comunali all’infanzia che rappresentano un traguardo molto significativo che qualifica i nostri servizi. Voglio esprimere un sincero e profondo ringraziamento a tutti coloro che, anche con grande coraggio, hanno lavorato e si sono impegnati per raggiungere questo traguardo, che è il frutto di un gioco di squadra che ha avuto per protagonisti i bambini, le famiglie e il personale comunale e che rappresenta l’occasione da un lato per condividere le radici della nostra storia e dall’altro per guardare al futuro dei servizi stessi, partendo dai diritti dei bambini”, commenta Marco Panieri, sindaco di Imola.

Per approfondimenti

 

ultima modifica 29/09/2021 12:11

“Dalle stanze del palazzo al mondo”: mostra e convegno a Palazzo Tozzoni

Imola si appresta a diventare la città della fotografia storica con due appuntamenti a Palazzo Tozzoni, convegno e mostra, di assoluto prestigio

Primo appuntamento, venerdì 1 ottobre a Palazzo Tozzoni, con il convegno dal titolo Fotografia storica a Imola e in Romagna. Appunti sul patrimonio fotografico in alcune Istituzioni pubbliche romagnole”.

Il convegno è in programma dalle ore 9 alle 17. Posti limitati su prenotazione, telefonando a numero 0542/602609 dal lunedì al venerdì ore 9-13.

In occasione della giornata di studi verrà presentato, inoltre, il patrimonio fotografico storico del Fondo Tozzoni, allargando lo sguardo ad alcune realtà romagnole istituzionali che conservano fotografie storiche come la stessa biblioteca di Imola e quelle di Cesena, Forlì, Rimini, Ravenna.

L’intervento è promosso e sostenuto dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea  del Ministero della Cultura, nell’ambito del bando “Strategia Fotografia 2020”, ed è il risultato della vittoria da parte dei Musei Civici di Imola del bando “Strategia Fotografia 2020” promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura

Si inaugura inoltre – 1 ottobre fino al 14 novembre - l’esposizione “Dalle stanze del palazzo al mondo. Vita quotidiana e vita pubblica attraverso le fotografie della famiglia Tozzoni”, un racconto dal grande impatto visivo che si avvale di 36 gigantografie delle fotografie storiche del fondo Tozzoni, che per la prima volta si mostrano al pubblico e che dialogano con l’architettura e gli arredi della casa museo, per ricordare le eleganti atmosfere di primo Novecento.

 

ultima modifica 28/09/2021 15:13

“Elena & Co: dal centro commerciale al cuore di Imola per una scelta di vita”

Elena Argnani racconta la decisione di aprire un nuovo negozio di abbigliamento per donna in pieno centro storico a Imola. “Qui mi trovo benissimo”

“Una scelta di vita. Dopo aver lavorato tanti anni al Centro Commerciale Leonardo, e prima ancora in Centri similari, ho deciso di cambiare completamente. Un'attività personale, tempi di vita e di lavoro differenti. Una rinascita. Così, qualche mese fa, con la mia omonima Elena, ex collega, abbiamo intrapreso questa avventura nel centro storico di Imola”.

Elena Argnani, titolare di “Elena & Co”, abbigliamento per donna in via Appia 47-49, ha ricevuto di recente la visita del sindaco Marco Panieri e dell’assessore al commercio e centro storico, Pierangelo Raffini. “Un brindisi e un gradito augurio da parte degli amministratori. Anche a loro ho espresso la mia soddisfazione. Siamo contente, l’attività sta prendendo piede: ritroviamo i nostri ‘vecchi’ clienti del Centro Leonardo, ne conosciamo di nuovi... Sono di Imola e vivo qui, non potevo pensare a un’attività mia che non fosse nel centro storico. Dicevano che stava decadendo, ora non è più così. È pieno di vita e di attività, tante inaugurate di recente. È la strada giusta”. 

ultima modifica 28/09/2021 16:26

Riecco “Giocamuseo”, quando la storia e l’arte diventa diventano magia

Un ricco programma autunnale per Giocamuseo 2021-22: laboratori, giochi e animazioni per bambine e bambini ai Musei Civici di Imola

Promossa dai Musei Civici di Imola, riecco Giocamuseo 2021-2022, la rassegna ideata per favorire un’esperienza unica e significativa con i musei e le loro collezioni. L’iniziativa promossa dalla Città di Imola e dai Musei Civici è stata realizzata con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio.

Il programma si inaugura sabato 2 ottobre a Palazzo Tozzoni (foto di Andrea Scardova) con un laboratorio dedicato alla fotografia storica, in occasione della mostra “Dalle stanze del palazzo al mondo. Vita quotidiana e vita pubblica attraverso le fotografie della famiglia Tozzoni, che sarà visibile nella casa museo dal 1° ottobre al 14 novembre.

Seguirà un calendario di appuntamenti pensati per avvicinare le bambine e i bambini alla storia in maniera divertente e giocosa, si viaggerà nel tempo dall’antichità al rinascimento, alla scoperta dei personaggi che popolano i musei. L’arte e la storia diventano coinvolgenti e magiche, ci cimenteremo nei panni di abili fotografi, artisti e ceramisti. Si giocherà scoprendo l’arte della cucina, i segreti delle antiche piante e le curiosità sulle misteriose creature degli abissi, le storie di dei, eroi e personaggi leggendari che animano le sale dei musei.

Posti limitati, è necessario prenotarsi entro il giorno prima tramite l’App “Io Prenoto” o telefonando al numero 0542-602609 dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13, precedenti alla data del laboratorio scelto. 

La partecipazione al laboratorio è di euro 4 a bambino.

Le attività verranno svolte nel rispetto delle normative anti Covid19 in vigore.

Il CALENDARIO

Sabato 2  ottobre – Domenica 14 novembre

Ore 16.30 - Palazzo Tozzoni

Quando il bisnonno fotografava

La macchina digitale e il cellulare ancora non esistevano e le fotografie erano rare e preziose! Ma allora, come fotografava il nostro bisnonno? Tra le stanze di Palazzo Tozzoni andremo alla scoperta di antiche fotografie e scopriremo storie di curiosi personaggi… riusciremo a raccontare una nuova ed originale storia per immagini tuffandoci nel passato?

Età consigliata 7-11 anni

Domenica 17 ottobre

Ore 16.30 - Palazzo Tozzoni

Tutti in posa a palazzo!

Gli antichi abitanti di Palazzo Tozzoni ci hanno lasciato preziose fotografie che li ritraggono nelle sale e nei giardini del loro palazzo. Ora tocca a noi! Sapremo ricreare queste antiche immagini indossando i panni e scoprendo le storie dei personaggi ritratti? Le immagini più belle saranno condivise sui social del Museo!

Età consigliata 3-6 anni

Domenica 7 novembre

Ore 16.30 - Museo di San Domenico

Anfore in viaggio. Sapori romani da terre lontane

I grandi cuochi dell’antica Roma usavano spezie e cibi saporiti che provenivano da tutte le terre dell’Impero. Anche a Imola arrivavano bevande e cibi sopraffini dentro le anfore, speciali vasi da trasporto. Scopriamo come erano fatti questi contenitori! Realizziamo una piccola anfora con l’argilla da portare a casa!

Età consigliata 7-11 anni

Domenica 21 novembre

Ore 16.30 - Museo di San Domenico

Saporito, Piccante… Amaro! Tutti i gusti delle erbe

Tra le erbe e le piante conservate nell’Erbario del Museo, alcune si possono mangiare! Ma… che sapore avranno? Impariamo a conoscerle! Costruiamo il nostro ricettario/erbario da portare a casa!

Età consigliata 3-6 anni

Domenica 19 dicembre

Ore 16.30 - Palazzo Tozzoni

Evento speciale!

Dialoghi attorno al fuoco.Racconti e giochi in cucina a cura del Museo della civiltà contadina di Bentivoglio

Palazzo Tozzoni e il Museo della civiltà contadina di Bentivoglio, conservano due tesori affini: due antiche cucine, perfettamente conservate, che raccontano la vita domestica del passato.

Al centro di questi spazi domina il protagonista delle cucine di un tempo, il camino, utilizzato per tante attività e luogo... magico. Partendo dal camino racconteremo mille aneddoti e scopriremo il mondo dei nostri nonni e bisnonni, dalle tradizioni in cucina fino al mondo dei giochi contadini.

Osserveremo i giochi di un tempo e ci divertiremo provando e riproducendo un "frullo" che al termine dell’attività  i bimbi potranno portare a casa.

Età consigliata 7-11 anni

Domenica 9 gennaio

Ore 16.30 - Museo di San Domenico

FantaMuseo!

Il nuovo Museo Archeologico di Imola sta per nascere! E se anche noi provassimo a costruire un Museo tutto nostro, immaginandoci i reperti, le opere, le vetrine, le sale?

Al termine FantaVisita guidata per i genitori e chissà che tra i visitatori non arrivi anche… la Befana!

Domenica 23 gennaio

Ore 16.30 - Museo di San Domenico

Il mare sopra le montagne

Le sale del Museo Scarabelli si animano di misteriose creature degli abissi! Scopriamo bizzarre storie sugli animali marini del passato, andiamo in cerca di antichissime conchiglie fossili, poi costruiamo il nostro mare in bottiglia da portare a casa!

Età consigliata 3-6 anni

Domenica 13 febbraio

Ore 16.30 - Palazzo Tozzoni

Mi vesto… come un dio!

I quadri e gli affreschi di Palazzo Tozzoni nascondono tanti racconti mitologici: storie di dei, eroi e personaggi leggendari; andiamo alla scoperta delle loro storie e creiamo il nostro personale travestimento da divinità!

Età consigliata 7-11 anni

Domenica 27 febbraio

Ore 16.30 - Palazzo Tozzoni

I Conti Tozzoni al Gran Carnevale di Venezia

Per i Conti Tozzoni il Carnevale era uno dei momenti più piacevoli dell’anno! Infatti ci si trasferiva tutti a Venezia per partecipare a divertimenti e feste in maschera! Scopriamo aneddoti curiosi, visitiamo gli appartamenti nobili e prepariamo le nostre maschere per il Gran Carnevale!

Età consigliata 3-6 anni

Domenica  13 marzo

Ore 16.30 - Rocca Sforzesca

Una Rocca. Cento nomi

Io… Giovanni, Teresa, Giuseppe… Chi avrà scritto tutti questi nomi sopra le pareti della Rocca? Andiamo alla scoperta delle scritte e dei disegni che i prigionieri hanno lasciato sulle mura della Fortezza, a raccontare la storia del loro passaggio. Realizziamo la nostra lastra di argilla incisa con nome e disegni per creare la nostra originale traccia!

Età consigliata 7-11 anni

Domenica 27 marzo

Ore 16.30 - Rocca Sforzesca

Apprendista Cavaliere

Da grande voglio fare… il cavaliere! Ma come si fa a diventare cavalieri? Tra armi ed armature conservate nella fortezza scopriamo insieme tutte le tappe di questo percorso impegnativo e realizziamo spada, scudo ed elmo per mitiche battaglie d’altri tempi!

Età consigliata 3-6 anni

NOTTE AL MUSEO

Sabato 4 Giugno

Palazzo Tozzoni - Dalle 20.30 alle 8.30 del mattino successivo

Notte a Palazzo

Vieni a vivere l’emozione di una notte da Conte! Palazzo Tozzoni apre le sue porte per ospitare i nobili invitati  in una grande serata di festa nelle antiche stanze!

Età consigliata 8-11 anni

Per Informazioni
Musei civici di Imola - via Sacchi, 4 Imola
tel. 0542-602609 / fax 0542-602608

 

 

 

ultima modifica 27/09/2021 11:35

Dal Comune contributi economici alle attività commerciali “slot free”

Contro il gioco d’azzardo e a favore della legalità: dalla giunta sostegno a favore delle attività commerciali “slot free” e a scuole che promuovono progetti dedicati

Due delibere sono state di recente approvate dall’amministrazione comunale per contrastare il gioco d’azzardo e favore la legalità.

Sostegno alle imprese slot free

La prima delibera riguarda il sostegno alle imprese per la rimozione degli apparecchi da gioco videolottery/slot machine, erogando un contributo economico alle attività economiche “slot free”.

In totale, il Comune mette a disposizione 18.000 euro che sono stati trasferiti a tal proposito dal Nuovo Circondario Imolese, sulla base di fondi che la Regione Emilia – Romagna ha messo a disposizione con l’apposito fondo gioco d’azzardo patologico (Gap).

L’assegnazione di questi fondi, suddivisi fra le varie imprese che ne faranno richiesta, avverrà in base ad uno specifico avviso pubblico “Slot Free Er – misure di sostegno alle imprese per la rimozione degli apparecchi da gioco videolottery/slot machine”, che il Comune ha messo a punto nei giorni scorsi e che verrà pubblicato nei prossimi giorni.

A chi è destinato il sostegno

Il bando ha l’obiettivo di contrastare i fenomeni di dipendenza dal gioco d’azzardo e ridurre l’impatto e le ricadute sulla collettività in termini di costi, sicurezza e legalità.

Possono accedere al contributo, che è stato quantificato in 500 euro per ogni impresa, sia i titolari di pubblici esercizi, esercizi commerciali, gestori di circoli, di altri luoghi deputati all’intrattenimento con sede nel Comune di Imola, già assegnatari del marchio Slot Free ER o che chiedano l’iscrizione al registro Slot Free ER contestualmente alla partecipazione al presente bando, sia i suddetti titolari che rimuovano tutte le apparecchiature “per il gioco d’azzardo lecito” presenti nei loro locali, pena la decadenza del contributo stesso e chiedano l’iscrizione al registro comunale delle attività “slot free”.

Perché sostenere le imprese “slot free”

Occorre considerare che l’installazione di apparecchi videolottery/slot machine nei pubblici esercizi o nelle attività commerciali è oggetto di appositi contratti tra le imprese produttrici e i pubblici esercizi/attività commerciali ospitanti e che la scelta di non installare o di rimuovere gli apparenti per il gioco d’azzardo comporta una perdita di incassi per le imprese stesse.

Inoltre, le attività slot free contribuiscono alle azioni di contrasto e riduzione del rischio di “Gioco d’azzardo patologico” (Gap), in un’ottica di sussidiarietà verso le azioni poste in essere dalle istituzioni ed in particolare dai Comuni.

Va ricordato, fra l’altro, che le attività commerciali con sede entro 500 metri dai luoghi sensibili (istituti scolastici di ogni ordine e grado, luoghi di culto, impianti sportivi, strutture residenziali o semi residenziali in ambito sanitario o socio sanitario, luoghi di aggregazione giovanile e oratori) al cui interno sono installate slot machine sono comunque obbligate dalla normativa regionale a dismetterle entro il 2022.

Pertanto, un bando finalizzato all’erogazione di contributi economici alle imprese iscritte al registro comunale delle imprese “slot free” per la dismissione degli apparecchi videolottery/slot machine può fungere da stimolo a ridurre complessivamente il numero di luoghi deputati al gioco d’azzardo lecito sul territorio.
Inoltre, una tale iniziativa risponde all’interesse pubblico di contrasto, prevenzione e riduzione del rischio della dipendenza dal gioco patologico e dalle patologie e problematiche ad esso consequenziali.

Domande

Le domande di ammissione al contributo devono essere presentate utilizzando il fac-simile, allegato al bando, che sarà disponibile sul sito del Comune di Imola www.comune.imola.bo.it nei prossimi giorni.

La domanda deve essere firmata digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa richiedente ed inviata esclusivamente tramite PEC all’indirizzo: suap@pec.comune.imola.bo.it specificando nell’oggetto: “denominazione impresa – Bando Slot Free ER – domanda ammissione contributo”. Le domande potranno essere presentate entro il termine di 30 giorni dalla pubblicazione del bando.

Sostegno alle scuole per il contrasto al gioco d'azzardo patologico

La seconda delibera stabilisce di destinare € 3.150,00, alle Istituzioni scolastiche presenti nel Comune di Imola, a sostegno della realizzazione, nel corso dell’anno scolastico 2021-2022, di progetti finalizzati alla diffusione della legalità e/o al contrasto al gioco d’azzardo patologico.
Questa cifra rappresenta una quota parte dei “Fondi regionali politiche giovanili e contrasto al gioco d’azzardo patologico, anno 2021” che sono stati ripartiti dal Nuovo Circondario Imolese a ciascuno dei dieci Comuni associati.

I contributi verranno assegnati in via prioritaria agli Istituti Comprensivi Statali e paritari imolesi, prevedendo una quota orientativa per ciascuna istituzione scolastica di € 450,00.
Qualora le richieste degli Istituti comprensivi risultassero inferiori ai fondi disponibili, le risorse residue saranno rese disponibili per gli Istituti d’Istruzione Superiori di Imola, il Centro Permanente d’Istruzione degli Adulti di Imola e il CIOFS di Imola, per le medesime finalità.

L'assessore Gambi: "Il Comune in campo per contrastare il gioco d'azzardo e favorire la la diffusione della legalità" 

“Il nostro impegno per contrastare il “Gioco d’azzardo patologico” e favorire le imprese “slot free” si rafforza con le decisioni che abbiamo assunto come Amministrazione comunale, che si muovono in una duplice direzione. La prima è quella di sostenere le imprese che rinunciano agli incassi che derivano dall’avere apparecchi da gioco videolottery/slot machine o che non hanno mai installato questi apparecchi e sono quindi al nostro fianco nel contrastare e cercare di ridurre il rischio di “Gioco d’azzardo patologico”. La seconda è di agire con le scuole, per costruire anche un’educazione alla legalità ed al contrasto del gioco d’azzardo” commenta Giacomo Gambi, assessore alla Legalità ed alle Politiche giovanili del Comune di Imola.

Per Gambi “in questa nostra azione, un altro aspetto molto importante è rappresentato dal fatto che oggi queste iniziative sono pensate e organizzate in modo più organico, in un’ottica di Circondario Imolese, grazie al lavoro del tavolo circondariale della Legalità, senza per questo perdere la capacità di rispondere in modo puntuale alle specifiche esigenze dei singoli Comuni”.

 

ultima modifica 24/09/2021 12:07

“Pikaloha Pokè, la freschezza della cucina hawaiana nel centro storico”

Ennesima recente inaugurazione nel cuore della città. La scommessa di Thomas e Greta, due giovanissimi. “A Imola mancava un locale come il nostro”

“A noi piaceva e a Imola mancava”. In maniera sintetica quanto efficace Thomas Del Nobile, 23 anni, spiega perché nel centro storico di Imola, da qualche giorno, ha aperto Pikaloha Pokè, nuovo locale in via Emilia 185, a due passi da piazza Matteotti.

Thomas lo gestisce con una socia altrettanto giovane, Greta Tozzi, 22 anni, ma entrambi sono fiduciosi e determinati. “I primi giorni hanno dato risposte positive come affluenza. Clientela giovane soprattutto, ma anche gli adulti si avvicinano alle nostre particolari proposte culinarie. E ci è stato di grande sprone la visita e il saluto del sindaco Panieri e dell’assessore Raffini. Il centro storico di Imola sta rinascendo e va rivitalizzato: il nostro ristorante di Poke è l’ideale. Proponiamo composizioni adatte a tutte le esigenze e i gusti personali. Oltre ad avere la possibilità di scegliere la grandezza del proprio Poké, è possibile anche comporlo con ingredienti a piacere: riso, insalata, avocado, mais, edamame, anacardi, tartare di tonno, pollo e salse di ogni tipo!”.

Un piatto tipico hawaiano, Poke Bowl, dunque, con cui sperimentare e accontentare i gusti di tutti. Pikaloha Pokè è aperto a pranzo e a cena, da martedì a domenica, con anche possibilità di asporto e presto di consegna a domicilio. “La nostra ambizione è portare una ventata di freschezza nelle proposte gastronomiche della città, con il giusto abbinamento qualità-prezzo”, sottolinea Thomas.  

“E’ sempre bello, e ne abbiamo avuto riprova in numerose occasioni ultimamente, vedere nuove attività che aprono in centro storico – sottolineano il sindaco Marco Panieri e l’assessore al centro storico e commercio Pierangelo Raffini -. Un centro che intende essere sempre più attrattivo e diversificato, stavolta con il Poke Bowl.   Ancora più bello però è vedere due giovani, Thomas e Greta, scommettere su loro stessi, sulla nostra città e sul suo futuro”.

 

ultima modifica 22/09/2021 15:51

“Bar ai Giardini Imola, jazz e degustazioni di qualità nel cuore della città”

Jazz e caffè alternativi. “Una sala da degustazioni e per appassionati di musica”. In pieno centro storico ha riaperto il “Bar ai Giardini Imola”

“Siamo soddisfatti, certo. L’apertura è andata bene: tanta gente, curiosa, interessata e partecipe”. Lo storico “Bar ai Giardini Imola” ha riaperto i battenti lo scorso fine settimana: musica jazz e caffè alternativi, non solo il tradizionale espresso. Giacomo Galavotti, il titolare, suona la tromba; la moglie e socia, Giulia Mercuriali, ha la passione per le piante. Entrambi hanno un passato da dipendenti in locali cittadini, dunque l’esperienza non manca. Così come l’entusiasmo.

“Jazz ed estrazioni particolari di caffè, dal V60 al caffè filtro fino alle miscele monorigine - spiega Giacomo -. La nostra è una sala da degustazioni con concerti jazz ogni due settimane, a partire da sabato 25 con il trio Daniele Santimone. Per garantire la qualità, delle consumazioni e della musica. In famiglia le idee non sono mai mancate, sappiamo come si fa. e dopo oltre un decennio di lavoro nei bar di Imola adesso è venuto il momento di metterci personalmente in gioco. Il ‘Bar ai Giardini Imola’ è storia per la città, ma la sua memoria era andata quasi perduta. Vogliamo riportare il locale agli antichi fasti e poi è un posto ideale, con tanto spazio all’aperto”.

“Perché aprire oggi un’attività imprenditoriale in pieno centro storico a Imola? Ci piace vivere il cuore della città, abitiamo qui. Il centro storico ha ripreso vita in questi ultimi mesi e tanti posti che funzionano bene fanno bene a tutti. La gente ha raggiunto un nuovo equilibrio, si è abituata al contesto legato all'emergenza sanitaria e alle nuove regole per la sicurezza. Ora esce con maggiore tranquillità e viene nei locali con ordine e rispettando le norme. Sì, siamo ottimisti e se il buongiorno si vede dal mattino...”.

ultima modifica 21/09/2021 12:04

Azioni sul documento

ultima modifica 08/11/2013 12:44