Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Eventi in evidenza

Eventi in evidenza

“un s’bóta veja gnét”: progetto contro gli sprechi alimentari

Coinvolte anche alcune attività del centro storico nel progetto per il recupero in città delle eccedenze alimentari e per la prevenzione degli sprechi alimentari

Un s’bóta veja gnét, una vera e propria dichiarazione antispreco quella racchiusa in un detto dei nostri nonni che il Comune di Imola ha fatto proprio, promuovendo una campagna per il recupero delle eccedenze alimentari, in collaborazione con il Gruppo Hera e Last Minute Market, società spin off dell’Università di Bologna.

Il progetto che ha coinvolto trasversalmente i tre assessorati Ambiente, Politiche Sociali e Sviluppo Economico con il doppio obiettivo di prevenire e ridurre la produzione di rifiuti alimentari e, allo stesso tempo, sostenere gli enti del territorio che assistono le fasce deboli della comunità, è realizzato grazie al contributo e all’impegno indispensabile di aziende ed enti no profit locali.

Nella fase sperimentale sono state recuperate 5 tonnellate di prodotti

L’iniziativa prevede di recuperare le eccedenze alimentari a favore di enti no profit del territorio che si occupano di persone in stato di difficoltà. I donatori sono i diversi attori della filiera alimentare, ad esempio esercizi commerciali, mense aziendali, aziende di produzione. Questi, aderendo al progetto, si impegnano a gestire correttamente gli alimenti e i beni donabili, in particolare per quanto riguarda corretto stato di conservazione, trasporto, deposito e utilizzo degli alimenti. I beneficiari s’impegnano a destinare, in forma gratuita, le eccedenze alimentari ricevute, idonee al consumo umano, prioritariamente a favore di persone indigenti.

Una prima fase di sperimentazione si è appena conclusa con il coinvolgimento di tre aziende e due enti no-profit con un esito molto positivo. Da gennaio a giugno 2022 sono state, infatti, recuperate 5 tonnellate di eccedenze alimentari perfettamente utilizzabili, tra cui 1.600 porzioni di pasti pronti al consumo, donate dalle attività Interspar ed Ecu localizzate ad Imola, a cui si aggiunge il recupero nell’ambito dell’iniziativa Cibo Amico di Hera, che dona da 12 anni i pasti cotti non serviti presso la mensa aziendale di Via Casalegno.

Grazie ai donatori che hanno già aderito all’iniziativa si stima di arrivare a recuperare oltre 10 tonnellate di eccedenze entro fine anno, evitando così l’anidride carbonica emessa per la produzione di altrettanti nuovi alimenti, ed equivalente a circa 30 tonnellate, pari a 250 viaggi in auto da Milano a Napoli.

Le eccedenze alimentari distribuite a famiglie in difficoltà, persone invalide e anziani

I due enti no-profit del territorio che al momento sono stati coinvolti in questa prima fase sono la Coop.Soc. Mano Tesa e Associazione No Sprechi Odv: il primo si occupa di accoglienza di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale e di minori, nonché di sostenere le persone in stato di fragilità sociale. In particolare, si occupa di anziani autosufficienti o semi- autosufficienti e di housing sociale temporaneo. In questo caso, i prodotti recuperati sono destinati alla struttura di Co-Housing per anziani a Sesto Imolese, che assiste in maniera costante 6 ospiti; il secondo ente ha lo scopo di reperire e rendere disponibili gratuitamente viveri a persone in stato di disagio sociale. L’associazione collabora in rete con le Associazioni A.N.T.E.A.S, AUSER, Croce Rossa, San Vincenzo de' Paoli, Santa Caterina, Caritas e Trama di Terre, operanti sul territorio imolese. Grazie alla distribuzione dei pacchi viveri per 3 volte a settimana l’associazione assiste oltre 600 famiglie in difficoltà economica e 1 volta a settimana attraverso la consegna a domicilio assiste persone in stato di invalidità, grandi anziani e persone in quarantena.

Si amplia la rete dei soggetti coinvolti

Ora che il processo è stato rodato, l’obiettivo è aumentare il numero dei soggetti coinvolti, creando una rete di solidarietà sempre più ampia. Inizieranno in queste settimane con le donazioni anche altri punti vendita del territorio: CLAI con le Macellerie del contadino di Imola Pedagna e Imola centro storico, Natura sì, Crai di Sesto imolese, e i tre Conad di Imola in via Carducci (centro storico), via Baruzzi e via Montericco. Ha inoltre aderito anche l’Autodromo di Imola nell’ambito delle azioni dell’Imola Living Lab.

Ai donatori verranno messi a disposizione locandine e vetrofanie per fare conoscere ai cittadini l’iniziativa che, oltre ai benefici materiali, ha una forte valenza educativa per la diffusione di buone pratiche di riduzione dello spreco, che in campo alimentare conta numeri altissimi: basti pensare che, a fronte di stime della FAO per le quali un terzo del cibo prodotto a livello mondiale viene sprecato lungo l’intera filiera alimentare, nell’Unione Europea nel 2015 quasi un quarto della popolazione (119,1 milioni di persone) era a rischio di povertà o di esclusione sociale e 42,5 milioni di persone non potevano permettersi un pasto di qualità un giorno su due.

È quindi necessario agire ad ogni stadio della filiera per prevenire gli sprechi alimentari e attivare progetti di recupero consente di contribuire al raggiungimento del target previsto dall’Agenda 2030 dell’ONU di dimezzare entro il 2030 lo spreco alimentare globale pro-capite a livello di vendita al dettaglio e dei consumatori e ridurre le perdite di cibo durante le catene di produzione e di fornitura.

“Il progetto nasce dal lavoro trasversale dei tre assessorati, Ambiente, Politiche Sociali e Sviluppo Economico e si pone l'obiettivo di ridurre lo spreco e le perdite alimentari coniugando sostenibilità ambientale, sociale ed economica, in linea con gli obiettivi dell'agenda 2030, in particolare l'obiettivo 12, produzione e consumo consapevoli. Grazie alla collaborazione con Hera e Last Minute Market e in sinergia le associazioni del terzo settore che da anni si impegnano in questo ambito e le aziende del territorio che hanno dimostrato grande disponibilità e sensibilità abbiamo potuto aumentare la raccolta di eccedenze alimentari e permettere il loro utilizzo da parte di persone che vivono situazioni di fragilità. L'economia circolare ha questo grande valore: trasformare in risorsa ciò che andrebbe sprecato, con benefici economici, ambientali e sociali”, dichiarano le assessore Elisa Spada (Ambiente e Mobilità Sostenibile) e Daniela Spadoni (Welfare) e l’assessore Pierangelo Raffini (Sviluppo economico).

 

ultima modifica 28/09/2022 13:14

Divieto di consumo di bevande alcoliche nella zona del Centro Intermedio

Firmata dal sindaco un’ordinanza che riguarda l’area ricompresa tra via Casoni, via Andreini, via Nardozzi e viale Amendola. "La tutela della qualità e del decoro urbano è una priorità"

Dal Comune un ulteriore passo per contribuire a migliorare la situazione nella zona del centro Intermedio, in viale Carducci, limitando il più possibile episodi di degrado urbano ed episodi criminosi (come avvenuti nelle ultime settimane), sempre in collaborazione con le forze dell’ordine.

Nei giorni scorsi infatti il sindaco Marco Panieri ha firmato un’apposita ordinanza che stabilisce il divieto di consumo di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione su aree pubbliche e aperte al pubblico, dalle ore 00 alle ore 24, a decorrere dalla data di adozione della presente ordinanza e fino al 31 dicembre 2022, salvo eventuali proroghe, nelle area ricompresa tra via Casoni, via Andreini, via Nardozzi e viale Amendola. Si precisa che in questo perimetro vengono altresì ricomprese tutte le aree e zone fruibili e accessibili pubbliche o ad uso pubblico ad eccezione delle superfici di somministrazione autorizzate, plateatici autorizzati e dehors".

“Ho ritenuto necessario firmare questa ordinanza, come peraltro condiviso nel Consiglio comunale – dichiara il sindaco Marco Panieri – come ulteriore misura dopo i recenti episodi. La tutela della qualità e del decoro urbano, così come della vivibilità cittadina, contro ogni forma di degrado, è una priorità per questa Amministrazione comunale. L’ordinanza, che è stata condivisa con le forze dell’ordine e con la prefettura di Bologna, si va ad aggiungere alle altre misure ed interventi messi in campo dal Comune in questi mesi per limitare il degrado dell’area attorno al Centro Intermedio ed alla adiacente fermata dell’autobus”.

Il sindaco ricorda inoltre gli interventi attuati e previsti fin qui, “a cominciare dall’impegno nel sostegno sociale verso i soggetti con difficoltà di integrazione, per proseguire con la recente installazione di due telecamere e la progettazione di una nuova pensilina e relative sedute, che è attualmente al vaglio della struttura tecnica. Inoltre, abbiamo già stabilito che a breve verrà implementato il supporto e la presenza degli street tutor e sarà intensificato il passaggio di pattuglie della Polizia Locale oltre a rafforzare la sinergia con le forze dell’ordine, che ringrazio per il lavoro quotidiano che svolgono, a tutela della sicurezza”.

ultima modifica 20/09/2022 14:20

Baccanale 2022, una fetta di torta “ripiena” disegnata da Joey Guidone è l’illustrazione simbolo

Conto alla rovescia verso il Baccanale 2022, la rassegna dedicata alla cultura del cibo in programma a Imola dal 22 ottobre al 13 novembre, con il tema “Ripieni”

Una fetta di torta che nasconde al suo interno una grotta, un “tesoro” da scoprire per esploratori muniti di torcia, alla ricerca dei segreti dei ripieni che normalmente puoi gustare ma non vedere.

Joey Guidone è il giovane artista italiano che ha disegnato l’illustrazione del Baccanale 2022 dedicata ai “Ripieni”.

Nato a Ivrea nel 1985, la sua formazione artistica include lo IED di Torino e il Mimaster di Milano. Dal 2015 lavora come illustratore freelance per riviste e giornali, agenzie pubblicitarie, editori, compagnie, istituzioni.

Tra i suoi clienti Adobe, The New YorkTimes, The Economist, Die Zeit, The Wall Street Journal, Barilla UK, Feltrinelli e molti altri. Uno degli ultimi lavori per Einaudi è la copertina del libro Autosole di Carlo Lucarelli. Il festival di Gorizia èStoria gli ha recentemente commissionato il manifesto del festival dedicato quest’anno alle dittature in Europa nel novecento. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali.

Chiarezza, semplicità, originalità sono i tre fattori chiave del suo approccio all’illustrazione. Giocando liberamente con le metafore visive miscela i concetti sorprendendo l’osservatore e liberandolo dai rigidi confini del pensiero.

Il suo stile sintetico ha un forte impatto comunicativo “con l’intento – spiega Joey Guidone - di essere potenzialmente comprensibile a tutti, un’arte democratica che tutti capiscono al di là del contesto sociale e del background culturale. L’immagine non deve avere uno scopo decorativo ma ci deve raccontare una storia”.

Una selezione dei lavori realizzati dall'artista negli ultimi anni sarà esposta nel portico di Piazza Gramsci per tutto il periodo del Baccanale.

ultima modifica 19/09/2022 13:09

Imola partecipa con 13 monumenti e luoghi a Wiki Loves Monuments

Le immagini dei monumenti imolesi andranno ad arricchire l’enciclopedia online più grande al mondo. C’è tempo fino al 30 settembre per prendere parte al contest fotografico

Wiki Loves Monuments: anche quest’anno i Musei Civici intendono contribuire a valorizzare il patrimonio artistico e culturale del Comune di Imola aderendo al più grande concorso fotografico al mondo, nato con l’obiettivo di tutelare la memoria dei monumenti e renderli accessibili a tutti attraverso le enciclopedie web Wikipedia e Wikimedia Commons.

Giunto all’undicesima edizione, la grande novità di quest’anno è la scelta di un tema privilegiato: protagonisti del concorso saranno i castelli e le fortificazioni, grazie alla collaborazione con Istituto Italiano dei Castelli.

Ovviamente la Rocca Sforzesca è inserita nell’elenco ma questo non significa che le altre tipologie di monumenti saranno tenute in disparte.

I 13 monumenti e luoghi di Imola che partecipano sono: Palazzo Comunale; Palazzo Tozzoni; Rocca Sforzesca; Museo di San Domenico; ex Chiesa di San Francesco - Biblioteca Comunale; Monumento ad Ayrton Senna; Monumento ai Caduti della prima guerra mondiale; Monumento al II Corpo d'Armata Polacco; Parco delle Acque Minerali; Parco Tozzoni; Piazza Ulivo (Piazza della Conciliazione); Sculture di Germano Sartelli nella rotonda di viale d’Agostino; Teatro Comunale Ebe Stignani.

Le fotografie dei monumenti imolesi, andranno così ad arricchire l’enciclopedia online più grande al mondo favorendo la diffusione della cultura italiana all’estero.

“Wiki Loves Monuments è un concorso fotografico, ma è anche qualcosa di più, un modo nuovo e creativo per conoscere i monumenti della nostra città e per farli conoscere ed amare ad un pubblico più vasto”, sottolinea Giacomo Gambi, assessore alla Cultura e alle Politiche giovanili.

Wiki Loves Monuments, rappresenta un’opportunità per la diffusione, promozione e tutela del patrimonio culturale e ha permesso d’incrementare esponenzialmente la banca dati libera di Wiki Media Commons, alla quale chiunque voglia diffondere cultura e conoscenza, può attingere liberamente. L’edizione italiana si conferma un prezioso strumento collaborativo di documentazione digitale dei monumenti: dal 2012, circa 8.750 partecipanti hanno caricato su Wikimedia Commons più di 165.000 fotografie, scegliendo tra oltre 17.300 monumenti e beni culturali fotografabili, ancora più numerosi nel 2022.

Organizzato in Italia da Wikimedia Italia insieme a Istituto Italiano dei Castelli, con la collaborazione di FIAF e il patrocinio di Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, ANCI, ICOM Italia ed Europa Nostra.

La partecipazione al concorso è gratuita e aperta a tutti: per tutto il mese di settembre è possibile caricare le foto su Wikimedia Commons, anche dal cellulare con l’app Wiki Loves Monuments.

Il bando del concorso è scaricabile dal seguente link: https://www.wikimedia.it/news/partecipa-a-wiki-loves-monuments-2022/

Informazioni possono essere richieste ai Musei civici di Imola, tel. 0542-602609 musei@comune.imola.bo.it, www.museiciviciimola.it

(Immagine DiLeoTommasoFabi per WLM)

 

ultima modifica 13/09/2022 13:43

Imola in Musica, un successo! 106 appuntamenti, 70mila presenze

Un bilancio davvero positivo per l’evento che nei primi giorni di settembre ha riempito e animato, ancora una volta, l’intero centro storico tra musica, kermesse e tanto altro

106 appuntamenti, di cui 96 concerti live. Una media di circa 15.000 visitatori nelle giornate dall’1 al 4 settembre, con punte stimate di affluenza intorno alle 20.000 nelle serate di venerdì, con Dj set, e sabato, con Giusy Ferreri. Sono solo alcuni dei i numeri che certificano il successo dell’edizione 2022 di Imola in Musica.

Organizzata dal Comune, Imola in Musica è patrocinata da Regione Emilia-Romagna e Città Metropolitana di Bologna ed ha ottenuto ancora una volta l’importante riconoscimento europeo di EFFE (Europe for Festivals, Festivals for Europe), la rete che raggruppa oltre mille tra i migliori festival culturali europei.

Imola in musica in cifre

Dalle primissime note del concerto all’alba, fino alle ultime di Nino Rota in tarda serata con l’Orchestra senza spine, da domenica 28 agosto a domenica 4 settembre, sono stati esattamente 106 gli appuntamenti di Imola in musica 2022, di cui 96 concerti live.

Un cartellone eterogeneo di eventi, estesi dalle tipologie musicali più classiche alle più insolite: classica, folk, pop, rock, dj set, blues, etnica, jazz senza tralasciare contaminazioni curiose e affascinanti. Ed oltre alla musica, il festival ha vissuto di mostre, spettacoli, dibattiti e suggestioni artistiche a 360 gradi. Da sottolineare anche che sono stati coinvolti gli esercenti del centro storico che hanno organizzato oltre trenta eventi in cartellone.

Mentre sono stati 7 i palchi allestiti (Piazza Matteotti, Gramsci, Medaglie d’oro, Ulivo, Verziere delle Monache, Rocca, Parco Tozzoni), con il lavoro costante di 25 tra rigger, scaffholder, vigilanza e facchini. Audio e luci sono stati seguiti da ulteriori 20 tecnici tra fonici, macchinisti ed elettricisti.

Importante anche il fronte sicurezza. Oltre alla collaborazione con le forze dell’ordine, il piano di sicurezza ha impegnato 26 addetti alla security per garantire il sereno svolgimento degli eventi.

Tutti i servizi del Comune hanno collaborato per la riuscita di questa edizione di successo che, nella stima delle presenze, ha superato quella delle stagioni precedenti.

Migliaia di visitatori hanno affollato il centro storico di Imola, andando a determinare il successo al di là di ogni aspettativa di un’edizione fra le più apprezzate e premiate dal favore del pubblico di sempre, con una media di circa 15.000 visitatori per sera nelle giornate dall’1 al 4 settembre, con punte stimate di affluenza intorno alle 20.000 nelle serate di venerdì (Dj SET) e sabato (Giusy Ferreri), per un totale stimato di circa 70 mila presenze complessive, a cui si aggiungono le presenze alle anteprime dal 28 agosto al 31 agosto.

I commenti

Giacomo Gambi, assessore alla Cultura: “quando abbiamo iniziato a programmare Imola in Musica ci siamo dati come obiettivo quello di riempire le piazze di giovani e giovanissimi. Immaginare un programma che li rendesse protagonisti, organizzare assieme a loro. In queste sere le nostre piazze erano piene di energia. Questa è la fotografia di una grande novità per Imola. Inoltre, i giovani sono stati coinvolti anche nella redazione della web radio che ha fatto riprese ed interviste, nello sviluppo della app e nei talk diffusi in città nella settimana. Il festival si conferma, quindi, sperimentazione e condivisione. Rappresenta una comunità che si ritrova nella musica e l'invito a vivere il centro storico fino a tarda sera è stato ben accolto: ciascuno ha trovato la risposta che cercava tra i numerosi palchi allestiti in città. Tutto questo è stato possibile anche grazie ai numerosi sponsor che hanno investito nella musica e nella cultura, cosa non facile né scontata in questo periodo. Ma questa, appunto, è la conferma della consapevolezza diffusa di quanto Imola in musica rappresenti una comunità che si ritrova nell'arte. Capace di garantire ricadute economiche molteplici: oltre alle più evidenti come il lavoro per i bar ed esercizi pubblici, anche l'occasione di lavoro per i professionisti dello spettacolo e un modo per aiutare i giovani a inserirsi in questo settore. Perché Imola in Musica non è solo occasione di spettacolo e divertimento per il pubblico ma è anche seminare per far crescere nuove passioni e, perché no, nuovi professionisti del settore”.

Marco Panieri, sindaco di Imola: “dopo la conclusione del festival, prima di tutto rivolgo un sentito ringraziamento all’organizzazione, ai volontari, ai dipendenti comunali, ai tecnici, agli addetti alla sicurezza, agli sponsor che hanno supportato, alle nostre Forze dell’Ordine, oltre al nuovo Dirigente area Servizi per la Cultura Luca Rebeggiani e a tutti coloro che hanno contribuito a portare musica nella nostra città, soprattutto in un momento complesso e difficile come quello attuale. La musica e la cultura sono gli strumenti giusti per affrontare con speranza il dialogo fra le persone e per contribuire a costruire una comunità coesa e solidale. Sono tantissimi gli artisti che si sono esibiti nel cuore della nostra città, non solo nelle piazze ma anche in altri luoghi, anche insieme alle attività economiche, rendendo partecipato tutto il centro storico. Tutto questo in un weekend in cui nel nostro Autodromo si sono svolti importanti eventi sportivi, creando un abbinamento che serve a rinforzare sempre di più quel rapporto stretto fra la città e l’Enzo e Dino Ferrari. La novità principale dell’edizione 2022, fra le altre, è stata la serata speciale di venerdì, dedicata a tutte le generazioni ma in particolare rivolta a quelle più giovani con l’organizzazione di un dj set in Piazza Matteotti. I colori, i suoni e la musica hanno portato a ballare le differenti fasce d’età in una situazione inclusiva e sicura, inserita poi in una cornice più ampia del festival che ha valorizzato gran parte delle discipline musicali: una bella occasione, considerando i due anni di duro stop dovuti all’emergenza pandemica per i lavoratori del pubblico spettacolo. Inoltre è stata una piacevole serata quella dedicata, il giovedì, a “Guida e basta”, insieme alla Regione Emilia-Romagna e all’Assessore regionale Andrea Corsini, che ha valorizzato non solo la musica, ma anche la responsabilità individuale e l’importanza di comportamenti corretti e sicuri quando si è in strada. Infine, voglio esprimere un forte apprezzamento per la numerosa partecipazione che si è registrata nelle nostre piazze e strade durante la manifestazione, che ha rappresentato un segnale di rilancio e positività davvero importante che intendiamo continuare a valorizzare. Consapevoli anche delle importanti ricadute economiche per le attività del centro storico. In sintesi, si può concludere affermando che Imola in Musica ha registrato un cambio di passo notevole e questo significa un patrimonio aggiuntivo per tutta la città. Un ringraziamento speciale lo rivolgo, quindi, all’assessore alla Cultura, Giacomo Gambi, che ha coordinato insieme alla squadra tutto il lavoro per questa edizione, ribadendo ancora gratitudine ai tantissimi artisti nazionali e locali che sono stati protagonisti di questa edizione”.

 

ultima modifica 06/09/2022 15:37

Biblioteca comunale, settembre di tanti appuntamenti con i libri

Ancora eventi culturali nel cuore della città: ecco il ricco calendario di presentazioni di libri a cura della BIM. Si comincia martedì 6. Ingresso gratuito

Non si è ancora spenta l’eco del successo di Imola in Musica che il centro storico ospita un’altra serie di appuntamenti di grande interesse: la Biblioteca comunale, infatti, nel mese di settembre offre un ricco calendario di presentazioni di libri, ad accesso libero.

Martedì 6 settembre ore 20.30

Il programma prevede martedì 6 settembre ore 20.30 la presentazione del libro di Lisa Laffi L’erborista di corte (Tre60, 2022).

Napoli 1414, figlia di Salvatore Calenda, priore della famosa Scuola di medicina di Salerno, Costanza è stata la prima donna laureata in medicina nel mondo, impegnata a combattere per esercitare l’arte medica e per potersi affermare in un mondo che la vuole solo moglie e madre. Alla corte della regina Giovanna II, Costanza è libera di esercitare la professione restando sempre accanto alla sovrana, costretta in un matrimonio infelice e vittima d’intrighi. Costanza farà tutto ciò che è in suo potere per difendere la sovrana, colpevole solo di essere donna e di desiderare l’amore.

L’autrice ne parlerà con Michela Tarozzi, giornalista.

Lisa Laffi, laureata in Conservazione dei Beni Culturali, lavora come docente. Ha pubblicato i romanzi storici “L’ultimo segreto di Botticelli” (Tre60 e TEA) e“La regina senza corona” (Tre60) giunto al secondo posto al concorso de “La Repubblica” come migliore biografia del 2020.

Sabato 10 settembre ore 10.30

Ziodon

Presentazione del libro di Lia Giberti Sarti (Echos Edizioni, 2022).

Ricevere in eredità un prete sarebbe una sorpresa per molti ma per Benedetta è davvero spiazzante. Come farà a rapportarsi a un sacerdote ultraottantenne una come lei che, tendenzialmente atea, all’età di trentaquattro anni rimane aggrappata all’adolescenza? Eppure don Giacomo in punta di piedi entra a far parte della sua vita, resa amara da un sogno infranto, un lavoro frustrante e un amore impossibile. Un processo di crescita difficile narrato in stile ironico e con leggerezza.

L’autrice ne parlerà con Gabriella Pirazzini, giornalista e scrittrice. Letture a cura di Anna Darchini.

Lia Giberti Sarti è di Imola. Ha esordito nel mondo letterario con la raccolta di racconti “L’eredità di una ragazza dentro” (La Mandragora). In seguito è approdata al romanzo con “Inevitabili bugie e mezze verità” (La Mandragora) e “La sua Australia” (Echos edizioni). Questo è il terzo romanzo.

Martedì 13 settembre ore 17.30

Queer. Storia culturale della comunità LGBT+

Presentazione del libro di Maya De Leo

L’associazione Per Le Donne Imola in collaborazione con l’associazione Oltre la siepe presenta il libro di Maya De Leo, docente di storia dell’omosessualità – Università di Torino.

L’autrice dialoga con Elisa Rossi, docente di sociologia – Università degli studi di Modena e Reggio Emilia.

Maya De Leo studiosa di storia LGBT+ e teoria queer, ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Storia presso l'Università degli Studi di Pisa con una ricerca dedicata alle rappresentazioni dell'omosessualità tra Otto e Novecento. Ha pubblicato numerosi contributi su riviste scientifiche

Sabato 17 settembre ore 10.30

Alberi e nuvole in viaggio

Presentazione del libro di Rosarita Berardi e Matteo Sabbatani (Il Ponte Vecchio, 2022)

Quando nella vita si chiude una delle pagine che ci hanno offerto per sempre l’esperienza della felicità e il deserto pare il solo orizzonte del nostro destino, può accadere che la resa sia l’unica soluzione. Può accadere tuttavia che la parola ci salvi, specie quella della poesia. Così avviene in questo libro, in uno dei suoi percorsi centrali, nel quale la fine di un amore diventa occasione di una intensa, multanime ricerca intorno al significato del vivere

Rosarita Berardi vive e lavora a Faenza. Poetessa, scrittrice e trainer di laboratori di scrittura è anche operatrice culturale e editor. Matteo Sabbatani, nato a Imola, è poeta. Lavora in veste di consulente per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Martedì 20 settembre ore 18

Auroville e dintorni

Presentazione del libro di Mauro Casadio Farolfi (Gabrielli, 2022)

Il racconto dell’esperienza vissuta da Mauro che, dopo avere conosciuto i testi di Sri Aurobindo e Mère, ha deciso di approfondirne la visione direttamente alla “fonte” recandosi ad Auroville, in India. Un primo viaggio nel ’79 a cui ne sono seguiti molti altri, grazie ai quali è stato testimone dello sviluppo di questa “città universale” inaugurata il 21 febbraio 1968 e che incarna gli ideali indicati da Mère. Il diario di viaggio è ricco anche di aneddoti, e contributi di amici, alcuni residenti da decenni ad Auroville e altri che come Mauro e la compagna Roberta hanno creato un legame stretto con quella città utopica pur continuando a vivere nel loro Paese. Ma oltre a questo il libro è una fonte di interessanti approfondimenti ed analogie riguardo al pensiero di Adriano Olivetti, imprenditore visionario, che da subito ha affascinato Mauro e che nel suo percorso di ricerca interiore ed ha avuto un peso notevole intrecciandosi con gli insegnamenti di Sri Aurobindo e Mère. Auroville e dintorni, diario di utopie vissute: un’autobiografia, scrive Mauro “il risultato di una vera e propria trama interiore: quella di gran parte della nostra vita”.

L’autore ne parla con Antonio Castronuovo, scrittore. Sarà presente Vivaskan, praticante di yoga integrale.

Mauro Casadio Farolfi vive a Imola, ha svolto per anni attività di comunicazione ed organizzazione eventi. Appassionato di viaggi ha visitato diversi Paesi per realizzare reportage fotografici riportati nei i libri “Click in giro” e “Sadhu ad Arunachala” Ed. La Mandragora. Ha costituito ad Imola l’associazione “Città dell’Uomo” e a Bologna l’associazione “Olivettiana”. Ha realizzato il libro “Quattro anni con Olivetti” Ed. La Mandragora e il docufilm “Una trama ideale d’impresa: la visione di Olivetti fra comunità e cooperazione”. Ha partecipato alla fondazione dell’Associazione “Socialy Corretct” di Roma.

Venerdì 23 settembre ore 18

Dal cortile al Mundial: storia di una passione

Presentazione del libro di Giuseppe Tassi (Minerva, 2022)

A quarant'anni dal trionfo del Bernabeu delll'11 luglio 1982 l'epopea di quel Mundial è ancora viva. Giuseppe Tassi, Editorialista di QN (il Resto del Carlino, La Nazione, il Giorno) ha deciso di raccontarla alla sua maniera. Dal cortile al Mundial (Minerva edizioni) è una storia di passione e di amore per il giornalismo. Una vocazione coltivata nei cortili degli anni Sessanta, imitando il mitico Lev Yashin e culminata con il trionfo di Madrid, narrato nella veste di giovane inviato. Nel mezzo i grandi eventi di quegli anni intensi: il Bologna che vince lo spareggio del '64 all'Olimpico, la notte di Benvenuti-Griffith, la conquista della Luna, l'indimenticabile corrida di Italia-Germania 4-3. Ma anche la rivolta studentesca del 77 e la strage della stazione di Bologna 1980, documentata nei panni del giornalista. Fino all'epilogo del Mundial '82, dove il sogno di quel bambino cresciuto nel cortile si realizza come per magia: mentre Rossi firma il trionfo dell'Italia di Bearzot, il presidente Pertini esulta in tribuna con l'orgoglio di un tifoso innamorato. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con l’Associazione Nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia sezione di Imola.

Giuseppe Tassi (Castel di Serravalle, Bologna 26 ottobre 1956) è un giornalista italiano editorialista di QS, la testata sportiva del Quotidiano Nazionale (Il Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno).

Laureato in Lettere Moderne all'Università di Bologna, ha percorso l'intera carriera al Resto del Carlino- Quotidiano Nazionale. Dal 2010 è responsabile della rubrica Motori di QN e partecipa ai principali saloni internazionali dell'auto. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti giornalistici, come il premio Gianni Brera una penna per lo sport, il premio Ussi per la cronaca sportiva e il Premio Cinque Stelle per la sua attività nel Settimanale. Ha scritto il libro ''Razza Juve'' con i colleghi Mario d'Ascoli e Federica Cappelletti e il testo universitario ''La lettura strategica'' con Graziella Tonfoni. E' stato presidente dei Gergs (Gruppo emiliano-romagnolo del giornalisti sportivi) e vicepresidente nazionale dell'Ussi (l'Associazione italiana dei giornalisti sportivi).

Sabato 24 settembre ore 10.30

Pillole di terra. Storie di vita contadina

Presentazione del libro di Monica Marocchi (Bacchilega, 2022)

Conoscere la storia del proprio paese è come dare le fondamenta ad una costruzione. Sapere ciò che è avvenuto nel passato significa valorizzare il presente, far parlare luoghi e cose. Questo è lo spirito di questa raccolta di brevi articoli pubblicati sul periodico «Il Sesto Miglio», felice esperienza di editoria locale.

«Pillole di terra» parla di tradizioni e storie romagnole, un mondo contadino, in cui spirito guida è l’orgoglio. Come si legge nella prefazione: «La frase “Non si è romagnoli per nascita ma per orgoglio” testimonia non tanto una precisa area geografica, ma un sentire, un appartenere che contraddistingue la nostra gente». Monica Marocchi converserà con Manuela Zanelli, bibliotecaria.

Monica Marocchi imolese di nascita, dopo aver svolto il lavoro di insegnante, ora è bibliotecaria presso la Biblioteca comunale di Sesto Imolese.

Informazioni

Tel. 0542/602619-602655

bim.comunicazione@comune.imola.bo.it, www.bim.comune.imola.bo.it

 

ultima modifica 05/09/2022 14:40

Il centro storico assoluto protagonista di “Imola in Musica”

Da oggi al 4 settembre un ricco calendario di appuntamenti a ingresso gratuito, con oltre 100 iniziative nel cuore della città. Gli eventi clou e le curiosità

Un calendario davvero di prim’ordine quello dell’edizione 2022 di Imola in Musica. Il centro storico della città sarà assoluto protagonista della manifestazione, catalizzatore di una serie numerosissima di appuntamenti di qualità. Imola in musica è dunque l’occasione per ritrovarsi, come comunità, lasciandosi trasportare dalla musica nelle strade, nei cortili, nei palazzi, nei teatri e nei musei della città. Organizzata dal Comune, la manifestazione vuole valorizzare tutto il centro storico, come cuore del tessuto sociale e simbolo della comunità.

L’artista di punta dell’edizione 2022 sarà Giusy Ferreri (nella foto), con il concerto di sabato sera, 3 settembre, in Piazza Matteotti; stasera, giovedì 1, appuntamento con Irene Grandi, Gemelli Diversi, Marco Ligabue, Gero Riggio e Antonio Mezzancella per la campagna della Regione “Guida e basta”; venerdì 2 settembre in Piazza Matteotti Dj-set con guest-star a sorpresa; domenica 4 settembre in Piazza Matteotti, gran finale con l’Orchestra Senzaspine

Oltre 100 appuntamenti, che spaziano fra tutti i generi musicali

In questa cornice, dall’1 al 4 settembre il festival musicale offre un ricco programma di eventi, tutti a ingresso gratuito, con oltre 100 appuntamenti, che si alterneranno nelle principali piazze e vie del centro storico, estesi dalle tipologie musicali più classiche alle più insolite: classica, folk, pop, rock, dj set, blues, etnica, jazz senza tralasciare contaminazioni curiose e affascinanti e il ritorno dei buskers e musicisti di strada. Un cartellone che, oltre alla musica, spazierà tra mostre, spettacoli, dibattiti e suggestioni artistiche a 360 gradi.

Fra le novità di quest’anno, oltre alla nuova veste grafica, anche una nuova App di Imola in musica che sarà completamente gratuita e disponibile per tutti i dispositivi mobile su AppStore e PlayStore e l’attivazione di Cav’on air, la webradio del Centro giovanile Ca’ Vaina, con una redazione di ragazzi tra i 18 e i 25 anni che documenterà tutta la manifestazione.

Altra novità è la mostra diffusa curata dal collettivo di giornalisti Fada e dal Centro giovanile Ca’ Vaina, intitolata Fada: storie e suoni. 10 luoghi del centro storico, 10 fotografie nelle strade della città che riportano con sguardo attento a fenomeni complessi che spesso si intersecano.

Fra le mostre, da segnalare (fino all’11 settembre) alla Salannunziata, Gottarelli - L’arte che vive, esposizione di opere di Tonino Gottarelli, curata da Mariana Campean e Valter Galavotti.

Imola in Musica è patrocinata da Regione Emilia-Romagna e Città Metropolitana di Bologna ed ha ottenuto ancora una volta l’importante riconoscimento europeo di EFFE (Europe for Festivals, Festivals for Europe), la rete che raggruppa oltre mille tra i migliori festival culturali europei.

Di seguito un riepilogo dei concerti di maggior rilievo nelle piazze della città.

Giovedì 1° settembre

In Piazza Matteotti si comincia con un evento promosso dalla Regione Emilia-Romagna: Guida e basta. #Guida e Basta: no alla distrazione al volante! è una campagna di sensibilizzazione della Regione Emilia-Romagna per prevenire e ridurre gli incidenti stradali. La serata mira a portare l’attenzione dei giovani sulla necessità di rimanere concentrati alla guida per non causare danni a se stessi e agli altri. A partire dalle ore 21, interverranno: Irene Grandi, Gemelli Diversi, Marco Ligabue, Gero Riggio e Antonio Mezzancella. Nella stessa serata in Piazza Medaglie d’Oro largo alla musica cantautorale con Anicestascrivendo e Consorzio alimentare, mentre in Piazza della Conciliazione si esibiranno i Gramophone 4et. Alle ore 21, all’interno della Rocca sforzesca al via il tradizionale appuntamento con i Canterini e Danzerini Romagnoli, con lo spettacolo E vien la sera, canterini e cante di Romagna. Nel Verziere delle Monache si terrà un concerto della Banda Città di Imola (Filarmonica imolese) con 200 anni al servizio della città (si ripete il 2 settembre). Infine, in piazza Gramsci, alle 21 ritorna la Imola Big Band con lo show Play different music live.

Venerdì 2 settembre

La serata di venerdì 2 settembre sarà dedicata in Piazza Matteotti, dalle ore 18, a un grande Dj-set per il pubblico più giovane, con dj locali e guest-star a sorpresa. In piazza Gramsci, alle 21, si esibiranno i Voodoo Sound Club, con un concerto tra funky, afrobeat, jazz, gnawa music, afrocuban music, psichedelia e canzoni di lotta. Si passa poi a un Omaggio al pianista americano Dave Frishberg con il Silvia Valtieri Trio che si esibirà in Piazza dell’Ulivo, alle 21, mentre per gli amanti del post-rock in piazza Medaglie d’Oro, dalle 21, si esibiranno le band Sonogiove (chitarra classica, indie, pop e lo-fi), The floating ensemble (rock, folk & blues), e Junkfood quartet (post-rock strumentale, musica da film, improv e psichedelia). Un appuntamento nuovo di questa edizione è quello con i Colchester Strings, musicisti provenienti dalla cittadina inglese di Colchester, gemellata con Imola dal 1997, che si esibiranno nella Nuova Scuola di musica Vassura Baroncini nelle sere del 2 e 3 settembre (ore 21).

Sabato 3 settembre

Anche quest’anno una star del panorama musicale italiano sarà protagonista del concertone del sabato sera, alle 21,30 in Piazza Matteotti: l’artista di punta dell’edizione 2022 sarà Giusy Ferreri, una delle interpreti più popolari e amate degli ultimi anni, dalla vocalità inconfondibile che ha contraddistinto tante hit estive. Una serata tutta la femminile anche in piazza Gramsci, dove si esibiranno due artiste: alle ore 20 Giada Maragno (in arte Jade) cantante rock imolese, reduce dai quarti di finale dello show televisivo The voice Francia; alle ore 22 sarà la volta di Leydis Mendez y Carrettera Central, cantautrice cubana che propone un viaggio alle origini della sua terra, dalle antiche tradizioni al Bolero e al Cha. Atmosfere gitane caratterizzeranno invece il palco di piazza dell’Ulivo, alle 21, con Martirani Gipsy Swing, quartetto acustico gipsy/jazz. In piazza Medaglie d’Oro, alle 21, si terrà infine la rassegna ska-punk di band emergenti intitolata Skaizoku Summer Festival, con esibizioni di Brenza Boi, Erezione continua, Leskee Goda e Iesse.

Domenica 4 settembre

Nell’ultima serata, in piazza Matteotti, alle ore 21, il gran finale di Imola in Musica è affidato al concerto dell’Orchestra Senzaspine, che si esibirà in La Sinfonica fuori genere con musiche di Mozart, Vivaldi, Piazzolla, Gershwin, Morricone e Dalla. Diretta da Tommaso Ussardi e Matteo Parmeggiani, e composta da musicisti under 35, Senzaspine mira a riconsegnare la musica classica all’amore del grande pubblico e ad offrire ai giovani orchestrali concrete opportunità professionali. Il tema della serata di Piazza Medaglie d’Oro, alle 21, sarà la musica indie con gli artisti Feat Esserelà (prog-rock e sperimentale) e HorseLoveFat (garage rock n roll di plastica). In piazza dell’Ulivo, infine, alle 21 si esibiranno i Cantodiscanto, band di origine napoletana di musica popolare, che presenta il nuovo progetto Pandemusica.

Altro appuntamento tradizionale è quello con la finale del contest per band emergenti Gocce di musica per la solidarietà, giunto alla quattordicesima edizione e previsto per domenica 4 settembre (piazza Gramsci, ore 20,30). Nella stessa giornata, alle ore 17.30, torna Il Grillo D’oro a Imola in Musica - Galattica, uno spettacolo per tutti i bambini con primo raduno dei cori della Galassia dell’Antoniano, a cura di Associazione Il Grillo d’Oro, che si svolgerà all’interno della Rocca Sforzesca.

Il sindaco Panieri: “La musica ridà forza e cultura al centro storico”

“È bello ripartire dalla musica, ridare forza alla cultura e slancio al centro storico, in un anno difficile. ‘Imola in Musica’ ritorna piena di novità e di voglia di stare insieme, confermando la data di settembre, sperimentata per la prima volta l’anno scorso, con successo. Vogliamo accendere i riflettori sul settore della musica, uno dei più colpiti dalla crisi e rimettere al centro la cultura e la musica come strumenti per rilanciare la socialità, per unire le persone”, dichiara il sindaco di Imola, Marco Panieri.

L’assessore Giacomo Gambi: “Protagonisti i giovani”

“Imola in Musica quest'anno vedrà un coinvolgimento dei più giovani non solo in termini di performances artistiche ma anche di coordinamento, di logistica e di promozione, anche tramite la Web Radio del centro giovanile Ca' Vaina. Gli spettacoli musicali e di danza, le mostre ed i talk ci invitano a muoverci dall'alba fino a tarda sera tra i luoghi della nostra città, valorizzando pienamente il centro storico e il nostro patrimonio culturale anche in chiave turistica, con un’attenzione anche sul versante sociale, con il coinvolgimento dei centri sociali e delle case di riposo”, sottolinea Giacomo Gambi, assessore alla Cultura del Comune.

 

ultima modifica 01/09/2022 10:56

Votiamo la fontana di Palazzo Tozzoni tra "I Luoghi del Cuore FAI"

Un Comitato di cittadini imolesi ha presentato la candidatura della storica fontana che necessità di un restauro. Si può votare online fino al 15 dicembre

In occasione dell'undicesimo censimento "I Luoghi del Cuore", campagna nazionale per i luoghi italiani da non dimenticare promossa dal FAI, un Comitato di cittadini imolesi ha presentato la candidatura della fontana del cortile di Palazzo Tozzoni con l'obiettivo di riscoprire e valorizzare la fontana stessa e recuperarne il fascino settecentesco.

La fontana del cortile di Palazzo Tozzoni, splendida casa museo nel cuore della città, è stata ricostruita nel 1792, ammodernando una vasca più semplice che preesisteva.

Attualmente la fontana non ha la possibilità di essere riempita per problemi di infiltrazione e anche la muratura richiederebbe un restauro manutentivo per poter recuperare la sua bellezza settecentesca, cosa che arricchirebbe il cortile e ripristinerebbe, grazie alla presenza viva dell’acqua, il senso di piacevolezza di un cortile vissuto com’era quello di Palazzo Tozzoni.

Tutti possono votare fino al 15 dicembre 2022 per sostenere la candidatura della fontana di Palazzo Tozzoni come Luogo del Cuore, offrendo la possibilità di entrare in lizza per poter ottenere un finanziamento che ne renda possibile il restauro.

Per scoprire come votare, clicca qui

Locandina “vota la fontana di Palazzo Tozzoni”

 

ultima modifica 25/08/2022 13:39

Gelato e vino, così nasce una “gustosa” collaborazione...

Una significativa sinergia tra imprese del territorio: Cremeria Cavour e Azienda Agricola Giovannini. Ecco cosa ha prodotto nel centro storico

Uniti dalla passione per il gelato, il vino e… la sperimentazione. Monica e Jacopo, titolari rispettivamente della Cremeria Cavour di Imola e dell’Azienda Agricola Giovannini, hanno recentemente “inaugurato”, assieme al sindaco Marco Panieri e all’assessore alle attività produttive e centro storico, Pierangelo Raffini, un nuovo gusto di gelato, “L’Imola”, in onore della città.

Una significativa e “gustosa” sinergia tra imprese del territorio.

Monica Liverani, titolare della Cremeria Cavour: “Sono anche sommelier e ci tenevo tantissimo a dedicare un gusto specifico alla città che mi ospita. L’incontro con l’Azienda Agricola Giovannini è stato prezioso. Il loro vino Albana passito ‘Senza Paura’ faceva proprio al mio caso. Il nuovo gusto prevede ingredienti molto semplici: crema all’uovo mantecata appunto con l’Albana e ciambella tostata sbriciolata sopra. Il risultato è un prodotto fresco e gradevole”.

“Volevamo collegare la vigna al centro storico – sottolinea Giovannini – e ‘Senza Paura’ è proprio l’unione ideale tra gelato e vino. Parliamo di un passito di Albana, una delle uve più tipiche della Romagna e specialmente di Imola. Questo nuovo gusto è una concentrazione assoluta del profumo dell’Albana. È una bellissima esperienza, si è creato un prodotto di qualità e sono convinto che abbiamo dato un ottimo esempio di come i prodotti tipici della zona si possano e debbano unire sotto il segno della collaborazione e dell'eccellenza”.  

ultima modifica 12/08/2022 13:10

Raffini: “Promuovere il centro storico per rafforzare l’identità della città”

L’assessore al centro storico e alle attività produttive parla del nuovo progetto “Imola in pole position”. Il disegno, gli obiettivi, i percorsi possibili e gli orizzonti futuri. "Così intendiamo spingere ancora sull'acceleratore..."

Assessore Raffini, in quale contesto si inquadra il progetto “Imola in pole position”?

“Imola vanta una consolidata esperienza di governo strategico del cuore cittadino attraverso il ‘Tavolo del centro storico’ (nato nel 1998) in cui da molti anni si confrontano l’Amministrazione comunale e le associazioni di categoria più rappresentative del commercio, dei servizi, del terziario e dell’artigianato, recentemente esteso alla presenza di Pro Loco di Imola, allo scopo di analizzare, individuare e porre in essere le azioni strategiche più opportune per la valorizzazione del centro storico, nonché di informare e coordinare con i privati gli interventi promossi dal Comune. È in questo contesto che nasce anche 'Imola in pole position'. Questo progetto, nell’ambito della Legge Regionale 41/97, segue dunque  i precedenti per il quali il comune di Imola vanta una tradizione ventennale e si pone l’obiettivo ambizioso di spingere sull’acceleratore, nella consapevolezza che investire tempo e risorse nella valorizzazione del centro storico, significa rafforzare ulteriormente l’identità della città intesa come comunità”.

E' prevista una convenzione con le Associazioni di categoria: quali i tratti essenziali?

"Il progetto ha un costo complessivo di 80.000 euro.  Si basa sulla collaborazione con le associazioni di categoria Cna, Confartigianato Imprese Associazione Provinciale Bologna Metropolitana, Confcommercio Imprese per l’Italia - Ascom Imola, Confesercenti Territorio Imolese, con le quali il Comune sta per sottoscrivere un’apposita convenzione allo scopo di realizzare questo progetto di promozione e marketing che valorizzi la funzione commerciale del centro storico. ll Comune e le Associazioni si impegnano a individuare le azioni strategiche per la valorizzazione del centro storico da realizzare nell’ambito del Tavolo di Piano d’Area. Per la realizzazione e il coordinamento, nonché il monitoraggio del progetto, il Comune si riserva la facoltà di assegnare il servizio a soggetti esterni secondo le modalità previste dal bando. Le Associazioni si impegnano a coinvolgere gli operatori del centro storico per la realizzazione partecipata del progetto stesso. In particolare si impegnano ad organizzare incontri informativi con i propri associati sugli interventi da realizzare".

Quali gli obiettivi del progetto?

"La strada è già avviata, ma, visto il momento storico caratterizzato da seri problemi congiunturali, occorre sostenere ancora di più convintamente il centro storico inteso come centro commerciale naturale. Il centro storico svolge un ruolo insostituibile per la città, dove si vive e si lavora, dove si fa la spesa di qualità e dove ci si può divertire o beneficiare dei tanti eventi culturali che la città si pregia di ospitare o di organizzare. Il centro storico, inoltre, svolge un ruolo fondamentale di trait d’union fisico tra il polo ferroviario e l’autodromo, asset strategico di rilievo nazionale, quindi biglietto da visita della città, nei confronti dei numerosi turisti che arrivano a Imola per i grandi eventi con il trasporto pubblico. Con questo progetto intendiamo quindi sviluppare, in collaborazione con le associazioni di categorie e gli operatori economici e insieme agli assessorati all’Autodromo ed alla Cultura, ulteriori politiche di valorizzazione delle risorse del centro storico attraverso una programmazione condivisa unitaria, riconoscendo alle attività economiche ivi insediate un ruolo fondamentale per la crescita economica, sociale e culturale della città. La strategia complessiva di questo progetto mira a mantenere la residenza e favorire il mix funzionale e le riconversioni degli immobili, conservando però la testimonianza e la memoria del passato. Inoltre, vogliamo incrementare la mobilità sostenibile, mantenere e rinnovare i servizi pubblici nell’area di riferimento. Il progetto intende quindi integrare la strategia con azioni di marketing urbano che mantengano la vocazione accogliente del centro commerciale naturale. Quindi eventi e manifestazioni che animino il centro e valorizzino anche la sua vocazione enogastronomica”.

 

ultima modifica 04/08/2022 13:08

“Imola in pole position”, il Comune accelera ancora per valorizzare il centro storico

Eventi, sicurezza, decoro, comunicazione: ecco il nuovo progetto di promozione e marketing dell'amministrazione, in collaborazione con le associazioni di categoria, selezionato dalla Città metropolitana

Si chiama “Imola in pole position” il progetto di promozione e marketing del centro storico messo a punto dal Comune di Imola e che la Città metropolitana di Bologna ha selezionato (4 in totale quelli scelti) e invierà alla Regione per ottenere (in parte o in toto) i finanziamenti richiesti nell’ambito delle risorse previste per la riqualificazione e valorizzazione della rete commerciale (L.R. 41/97).

Ha un costo complessivo di 80.000 euro e si basa sulla collaborazione con le associazioni di categoria Cna, Confartigianato Imprese Associazione Provinciale Bologna Metropolitana, Confcommercio Imprese per l’Italia - Ascom Imola, Confesercenti Territorio Imolese, con le quali il Comune sottoscriverà a breve un’apposita convenzione allo scopo di realizzare questo progetto di promozione e marketing che valorizzi la funzione commerciale del centro storico.

I 5 obiettivi del progetto

 Il primo è quello di un “un centro vivo tutto l’anno”. Il centro storico si trasformerà sempre di più un hub di riferimento in cui si potranno trovare offerte di qualità e diversificate, con una programmazione annuale delle iniziative pubblico-private in sinergia con l’Autodromo, che ospiterà eventi nazionali ed internazionali.

Il secondo obiettivo è la “promozione dei luoghi culturali in chiave turistica”. Un percorso che rientrerà all’interno di una programmazione più ampia, che l’Amministrazione comunale ha già iniziato e che prevede la riqualificazione del centro storico attraverso il recupero degli spazi urbani con particolare attenzione al decoro e al recupero ed eventuale rifunzionalizzazione di vari contenitori del patrimonio pubblico ivi collocati.

Il terzo obiettivo è costituito da “Eventi 2.0”.  Gli eventi sono la forza commerciale per mantenere e stimolare l’attrattività e per questo si intende rivedere e rielaborare gli appuntamenti tradizionali con programmi alternativi per stimolare nuove frequentazioni del centro, soprattutto trovare soluzioni per far vivere il centro alle nuove generazione sempre più smart e attratte dai nuovi costumi. Allo stesso tempo saranno da custodire gli eventi tradizionali e culturali che daranno la possibilità di costruire tutto l’anno percorsi urbani commerciali tematici.

Quarto obiettivo è la “ristrutturazione e restyling degli strumenti di comunicazione dell’immagine complessiva del CCN”. Siamo di fronte a un cambio epocale della comunicazione integrata, per cui l’orizzonte diventa sempre più quello della comunicazione online con maggiori contenuti digitali, video, materiale fotografico e intervista dei protagonisti di questo rilancio (visitatori, operatori economici e turisti).

Quinto obiettivo è “piazze e strade vive tutto il giorno: un mercato sempre più in sinergia con gli operatori economici in sede fissa”. In un’ottica di una migliore riqualificazione del centro storico, per aumentare la frequentazione dello stesso, realizzando una maggiore attrattività commerciale, si ritiene necessario concretizzare la collaborazione con gli operatori del mercato ambulante, rivedendo, riprogettando e promuovendo le aree mercatali, per consentire anche una migliore gestione degli eventi. Una sinergia anche con gli esercenti, soprattutto nell’ottica di promuovere e incentivare l’uso dei dehors che oramai svolgono una funzione sociale e di maggiore competitività dei locali, in modo da far vivere pienamente le Piazze e le strade del centro storico.

Le azioni in cui si articolerà il progetto

In relazione agli obiettivi individuati, sono state individuate 3 azioni nelle quali si articolerà il progetto.

La prima è rappresentata dalla realizzazione, promozione di eventi e manifestazioni, percorsi commerciali urbani tematici, nel centro commerciale naturale   Nello specifico si intende riproporre l’evento “Imola il centro fiorisce” edizione di maggio 2023 e maggio 2024 come evento teso alla valorizzazione del centro storico come centro commerciale naturale.

La seconda azione è costituita dall’attivazione di “servizi comuni a sostegno della sicurezza e decoro del centro commerciale naturale”. A questo proposito si pensa di integrare i servizi di vigilanza, nonché manutenzione e pulizia di aree ad uso pubblico a sostegno della sicurezza e decoro del CNN e dei suoi eventi, per migliorare alcuni angoli, vie e spazi di fruizione comune.

Infine, la terza azione riguarda gli “strumenti di comunicazione dell’immagine complessiva del Ccn”. A partire dal potenziamento del sito e dei social di Imola Centro Storico. Inoltre è prevista una nuova campagna di comunicazione per creare un brand o percorso commerciale dedicato alla qualità dell’offerta enograstronomica.

ultima modifica 03/08/2022 15:21

“Equo scuola”, confermati sconti e libri di testo gratuiti per le primarie

Comune, Confcommercio Ascom, Confesercenti, CNA e cartolibrai insieme a sostegno delle famiglie in vista del nuovo anno scolastico. Ecco l'elenco completo degli esercenti che aderiscono

“Anche per l’anno scolastico 2022/2023 viene confermato il progetto Equo scuola’”. L'annuncio è del vice sindaco ed assessore alla Scuola, Fabrizio Castellari e dell’assessore al Commercio, Pierangelo Raffini. Rivolta a tutti gli alunni e studenti che frequentano tutti gli ordini e gradi di scuola, l’iniziativa consente alle famiglie di usufruire dell’opportunità fornita dalle cartolibrerie aderenti di acquistare articoli scolastici a prezzi super scontati.

“Equo scuola” è un’iniziativa del Comune di Imola, in accordo con le Associazioni di categoria Confcommercio Ascom Imola, Confesercenti Territorio Imolese e Cna Imola Associazione Metropolitana ed i cartolibrai, ed è finalizzata a supportare le famiglie nel sostenere i costi connessi alla frequenza scolastica e si integra con gli altri interventi del Comune di Imola previsti in questo ambito.

Ad “Equo scuola” aderiscono le seguenti cartolibrerie imolesi: C. Arcangeli e Figli Snc (Via Emilia, 148); Cartoleria BluNotte (Via Cavour, 20); Edicola Montericco (Via Zaccherini, 32/B); Cartoleria Galeati srl (Via Romagnoli, 3); Cartolibreria Giotto (Via Pisacane, 70); Cartoleria Il Globo (Via Rossini, 21); Imola Ufficio Snc (Via Puccini, 42); Imola Libri Sas (Via Emilia, 71); Lanzoni Andreano (via Emilia 14); Cartoleria Marondoli (Via Emilia, 90); Cartolibreria Pambera (Via Pambera, 59/A); Pi Greco (Via Pacinotti, 10); Cartolibreria Snoopy (V.le Carducci, 107/A).

Gli esercenti che aderiscono all’iniziativa potranno esporre una vetrofania con il logo di “Equo scuola”, in modo da essere immediatamente identificabili da parte dei cittadini.

“Vogliamo ringraziare le associazioni di categoria e le cartolibrerie per avere reso possibile anche quest’anno l’iniziativa Equo scuola. Ancora una volta dimostrano la loro sensibilità e la loro piena disponibilità a collaborare tutti insieme, con il Comune, per essere vicino alle famiglie, in particolare in questo periodo e in specifico riguardo alla scuola, tassello fondamentale per la nostra comunità”, sottolineano Castellari e Raffini.

Fornitura gratuita libri di testo per chi frequenta le scuole primarie

Insieme ad "Equo scuola", anche quest’anno il Comune garantisce la procedura semplificata, per le famiglie, per la fornitura gratuita dei libri di testo nelle scuole primarie. Ricordiamo che sono oltre 3.100 gli alunni delle scuole primarie che ogni anno usufruiscono della fornitura gratuita dei libri, per una spesa a carico del Comune di Imola di 110.000 euro per il prossimo anno scolastico.

La possibilità di usufruire della procedura semplificata viene confermata grazie al Protocollo d’intesa, approvato dalla giunta comunale nel marzo scorso, tra la Città di Imola e la Confcommercio Ascom Imola, la Confesercenti Territorio Imolese e la Cna Imola Associazione Metropolitana, per gli anni scolastici 2022/2023, 2023/2024, 2024/2025. Il Protocollo conferma e dà continuità alla positiva collaborazione avviata fin dal 2016 tra l’Amministrazione comunale e le Associazioni di categoria.

Nello specifico, la procedura semplificata consente ai genitori dei bambini residenti a Imola di presentarsi direttamente nella cartolibreria prescelta per l’ordine fornendo i dati dell’alunno, che saranno successivamente comunicati agli uffici comunali per i necessari controlli.

In sostanza, le scuole non stamperanno più e non consegneranno le cedole librarie ai genitori, ma questi ultimi potranno recarsi direttamente nella cartolibreria prescelta: sarà così superata la tradizionale cedola cartacea, a favore di una modalità di gestione più snella ed informatizzata.

“L’Amministrazione comunale conferma la propria scelta di una maggiore semplificazione e una minore burocrazia. Una conferma importante quella che vede alcune migliaia di famiglie poter usufruire di questa gratuità in maniera veloce e semplificata”, concludono il vice sindaco ed assessore alla Scuola, Fabrizio Castellari e l’assessore al Commercio, Pierangelo Raffini, che aggiungono “desideriamo ringraziare le associazioni di categoria e gli esercenti delle cartolibrerie per avere rinnovato la disponibilità a snellire le procedure per la consegna dei libri di testo per le scuole primarie. La fornitura gratuita dei libri di testo nelle scuole primarie e l’iniziativa Equo scuola sono azioni che si vanno ad aggiungere alle agevolazioni tariffarie e ad ogni altro sussidio messo a disposizione dal Comune e rivolto alle famiglie con Isee più basso, per supportarle nel sostenere i costi connessi alla frequenza scolastica”.

 

ultima modifica 27/07/2022 12:18

Imola in Musica, maxi evento per “illuminare” nuovamente città e centro storico

La manifestazione trasformerà ancora una volta Imola e il suo centro storico in un unico grande palcoscenico tra piazze e strade, chiese e musei, cortili e palazzi, giardini e teatri

Concerti, dj-set, mostre, spettacoli, talk, dibattiti, artisti di strada... Torna Imola in Musica, più di cento appuntamenti dall'1 al 4 settembre, con anteprima il 28 agosto!

Protagonista, ancora una volta, il centro storico.

La manifestazione offre, come tradizione, un cartellone estremamente eterogeneo di appuntamenti estesi dalle tipologie musicali più classiche alle più insolite: classico, folk, pop, rock, blues, gospel, etno, lirica, sacra, jazz senza tralasciare contaminazioni curiose ed affascinanti.

Un ricco programma ad ingresso gratuito e musicisti di spessore a fianco di realtà giovanili ed esperienze didattiche.

Da non dimenticare la musica in strada, che porterà a Imola molti giovani talenti. Come molti saranno i locali imolesi che proporranno musica rock, blues, jazz.
Offerte enogastronomiche e molti altri appuntamenti paralleli.

Cuore del festival sarà senz’altro Piazza Matteotti. Giovedì 1° settembre è in programma “Guida e basta”, evento promosso dalla Regione per prevenire e ridurre gli incidenti stradali. Sul palco Irene Grandi, Gemelli Diversi, Marco Ligabue, Gero Riggio e Antonio Mezzancella.

Venerdì 2 grande dj-set, per i più più giovani, con performer locali e ospiti a sorpresa.

Protagonista del concertone di sabato 3, sarà Giusy Ferreri, una delle interpreti più popolari e amate degli ultimi anni

Domenica 4 gran finale affidato al concerto dell’Orchestra Senzaspine (diretta da Tommaso Ussardi e Matteo Parmeggiani, e composta da musicisti under 35) che si esibirà in ‘La Sinfonica fuori genere’ con musiche di Mozart, Vivaldi, Piazzolla, Gershwin, Morricone e Dalla.

Non mancherà, poi, il concerto all’alba, ormai diventato una piacevole consuetudine della kermesse. Il 28 agosto, alle 6, a parco Tozzoni, Gian Marco Verdone e il suo pianoforte accompagneranno coloro che avranno voglia di una sveglia particolarmente anticipata tra i grandi successi della film music. Concerto che si ripeterà la domenica successiva, il 4 settembre, sempre all’alba, a Villa Muggia, con gli Imola Brass Quintet e la possibilità di visitare gli esterni del sito (con tanto di colazione). 

Torneranno quindi i baskers:: dall’1 al 4 settembre le strade del centro saranno “invase” da musicisti di strada come Martin Navello, Solmeriggio, Minimal Jazz Orchestra, Duo Chiari, La frequenza di Tesla, Meg.

Il sindaco Marco Panieri: “E’ bello ripartire dalla musica, ridare forza alla musica, alla cultura e slancio al centro storico, in un anno difficile. Imola in Musica ritorna piena di novità e di voglia di stare insieme, confermando la data di settembre, sperimentata per la prima volta l’anno scorso, con successo. Vogliamo accendere i riflettori sul settore della musica, uno dei più colpiti dalla crisi e rimettere al centro la cultura e la musica come strumenti per rilanciare la socialità, per unire le persone, contro la guerra. E’ importante anche lo spazio per i giovani, con i dj set, in sinergia con le associazioni di categoria, sempre a sostegno del centro storico. A questo proposito voglio sottolineare l’abbinamento di Imola in Musica anche con l’autodromo, proprio per proseguire il nostro impegno nella condivisione di eventi tra l’Enzo e Dino Ferrari e il centro della città. In primo luogo, Imola in Musica è nel calendario di ‘The Sound Of Imola’, nell'ottica di un approccio condiviso dei grandi eventi di Imola; poi l’1 settembre l'evento “Guida e basta”, in piazza Matteotti, rientra nell’opera di sensibilizzazione di Imola Living Lab sul tema sicurezza stradale, grazie alla Regione e al suo assessore alla mobilità e trasporti, Andrea Corsini e all’Osservatorio Sicurezza e all’impegno degli assessori Elena Penazzi e Elisa Spada. Infine, ricordo che il 4 settembre i bambini del coro Il Grillo d’Oro, impegnati anche sui palchi di Imola in Musica, canteranno l'Inno Nazionale sulla griglia di partenza della gara principale GT in programma durante L'Aci Racing Week End. Tutto questo avviene in un gioco di squadra che vede insieme al Comune la Regione Emilia-Romagna, gli sponsor, i dipendenti comunali ed i volontari. A tutti loro va il mio ringraziamento”.

L’assessore alla cultura, Giacomo Giambi: “Torna Imola in Musica in questo 2022 che ha visto la nostra città capitale di musica e motori, all'interno del calendario di eventi che abbiamo chiamato The Sound of Imola. A più di ventisei anni dalla prima edizione, ecco il programma eterogeneo che ci permette, da una parte, di mantenere saldo il profondo valore di coesione collettiva e trasversalità che caratterizza il festival e, dall'altra, di mantenerci tra i migliori festival europei dell'etichetta EFFE. Tanti artisti impegnati in quasi 100 eventi che daranno spazio alla musica in tutte le sue 'chiavi': dalla classica al jazz, dal rock al blues, dal pop a sonorità folk, senza tralasciare affascinanti sperimentazioni. Imola in Musica quest'anno vedrà un coinvolgimento dei più giovani non solo in termini di performances artistiche ma anche di coordinamento, di logistica e di promozione, anche tramite la Web Radio del centro giovanile Ca' Vaina. Gli spettacoli musicali e di danza, le mostre ed i talk ci invitano a muoverci dall'alba fino a tarda sera tra i luoghi della nostra città, valorizzando pienamente il centro storico e il nostro patrimonio culturale anche in chiave turistica.

 Per approfondimenti

 

ultima modifica 26/07/2022 15:12

“Festival internazionale del folclore, occasione di pace e fratellanza fra i popoli”

Tra i momenti più suggestivi della manifestazione la sfilata dei gruppi nel centro storico e l’incontro con il sindaco Marco Panieri

Un bilancio davvero positivo per il 31° Festival internazionale del folclore a Imola. Nell’ampio programma che ha coinvolto l’intera città, e naturalmente anche il centro storico, da segnalare sabato 23 la sfilata, nel cuore cittadino dei gruppi ospiti: Troy O’ Herlihy Irish Dance Group – Irlanda (Cork); Kud Dimitrije Koturovic – Serbia (Belgrado); Gruppo Folkloristico Trevigiano – Italia (Treviso); insieme al gruppo imolese dei Canterini e Danzerini Romagnoli Turibio Baruzzi (che ha partecipato al Festival in veste di quarto gruppo a tutte e cinque le serate), che sono stati ricevuti in municipio, nella sala del Consiglio comunale, per il saluto ufficiale da parte del sindaco di Imola, Marco Panieri.

“A nome della comunità di Imola e dell’Amministrazione Comunale sono felice di accogliervi nella nostra città. Dopo una pausa forzata a causa della pandemia nel 2020 e un’edizione speciale digitale nel 2021, siamo emozionati nel vedervi qui e nel poterci guardare negli occhi, riportando nelle nostre strade uno degli eventi più colorati ed apprezzati dell’estate e che incarna una dimostrazione concreta di dialogo, integrazione culturale, collaborazione e scambio fra realtà molto diverse e fra Nazioni diverse” ha detto il sindaco Marco Panieri, nel portare il saluto di benvenuto ai gruppi folcloristi, nella Sala del Consiglio comunale.

“L’ispirazione di questo festival nasce dalla bellezza delle realtà locali e delle loro particolarità, la tutela e valorizzazione delle tradizioni, l’emozione che nasce dall’incontro fra esse, in una cornice di pace, talento e gioia oggi ancor più necessaria non solo per l’Ucraina ma per tutti i conflitti che ci affliggono. Purtroppo, nella situazione internazionale che siamo chiamati a vivere, dobbiamo dirci che questo non va di moda. E penso che si debba essere orgogliosi del messaggio di fratellanza e pace che diamo alle nostre comunità – ha concluso il sindaco Panieri -. Quindi, ci tengo a ringraziare il gruppo dei Canterini e Danzerini Romagnoli Turibio Baruzzi APS di Imola che organizza e gestisce questo Festival che rappresenta un orgoglio per tutti noi. Oltre a loro, ci tengo ad abbracciare ognuno di voi, giunto fino a qui: il “Troy O’ Herlihy Irish Dance Group”, il “Kud Dimitrije Koturovic” e il Gruppo Folkloristico Trevigiano”.

Ritornata in presenza, dopo due anni di pandemia, la 31° edizione del Festival Internazionale del Folclore di Imola ha voluto nuovamente consolidare nel 2022 le finalità che hanno sempre caratterizzato la manifestazione. Attraverso spettacoli di elevata qualità artistica, di tradizioni popolari, vuole creare un momento concreto di confronto, conoscenza, comprensione, tolleranza e valorizzazione delle diversità culturali. Il Festival intende il folclore come strumento di conoscenza, pace e amicizia fra la gente di origine e costumi diversi: un veicolo di solidarietà fraterna fra i popoli di tutto il mondo.

 La manifestazione è istata ideata, organizzata e gestita dal gruppo dei Canterini e Danzerini Romagnoli Turibio Baruzzi APS di Imola, ed è realizzata in collaborazione con il Comune di Imola e l’UFI (Unione Folclorica Italiana), con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna e del Nuovo Circondario Imolese.

ultima modifica 25/07/2022 10:44

Per chi resta in città, i saldi proseguono fino al 31 agosto

Una miriade di opportunità che riguardano ovviamente anche il centro storico. Confermata l'iniziativa "Saldi tranquilli" di Ascom

Proseguono, per chi è ancora in città, i saldi estivi con “protagonista naturale” il centro storico di Imola. Proseguiranno sino al 31 agosto.

Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio, per l’acquisto di capi scontati ogni famiglia spenderà in media 202 euro – pari a 88 euro pro capite - per un valore complessivo di 3,1 miliardi di euro.

I saldi estivi - commenta Danilo Galassi Presidente di Confcommercio Ascom Imola – rappresentano una vera opportunità per le famiglie di acquistare a prezzi convenienti. Il settore del tessile, abbigliamento, calzature ed accessori ha, infatti, finora resistito all’incremento dei prezzi a fronte dell’importante crescita dei costi fissi aziendali per affitti, energia, carburanti, prodotti e servizi”.

I consumatori - prosegue Galassi – potranno, dunque, acquistare nei negozi di prossimità, che garantiscono da sempre un servizio di qualità basato sulla fiducia e sulla relazione con il cliente contribuendo, così, al sostegno dei nostri centri urbani ed alimentando l’economia delle nostre città.”

Anche quest’anno è tornata l’iniziativa di Confcommercio Ascom Imola “Saldi tranquilli”, strumento d’informazione e controllo che informa la clientela sulle norme che regolano il corretto svolgimento dei saldi.

Tutti gli operatori commerciali del territorio potranno rivolgersi ad uno specifico sportello di Confcommercio Ascom Imola per avere delucidazioni sulla normativa in questione. Lo sportello risponde al numero 0542 619611 e/o, via e-mail all’indirizzo: saldi@ascomimola.it

 

 

 

 

ultima modifica 18/07/2022 12:12

“Sere d’estate ai Musei”, calendario ancora ricco di appuntamenti

Proseguono gli appuntamenti con le “Sere d’estate ai Musei”, proposti dai Musei Civici di Imola. Un ricco programma di aperture speciali e appuntamenti serali che proseguirà fino al 9 settembre

ESTATE… A PALAZZO TOZZONI

Venerdì 26 agosto, ore 18.30: Le vite degli altri: Francesco Giuseppe e Vittoria Torrigiani (visita guidata)
Lei, giovane aristocratica fiorentina, lui brillante ufficiale di Marina. Vite scandite dalla comune attività presso la corte dei Savoia, la passione per i viaggi e per l’invenzione del secolo: la fotografia.
Prenotazione obbligatoria. Costo: regolare biglietto d’ingresso al museo

Venerdì 2 settembre, ore 18.30: Le vite degli altri: Umberto Serristori Tozzoni e Hortense la Gandara y Plazola (visita guidata)
Il loro palcoscenico fu il gran mondo delle maggiori città europee mentre il palazzo di famiglia fu un luogo di pace, dove Umberto abitava le stanze dove era stato bambino ed Hortense riposava dalle fatiche della mondanità.
Prenotazione obbligatoria. Costo: regolare biglietto d’ingresso al museo

Venerdì 9 settembre ore 18.30: Il vero volto di Caterina Sforza (Incontro)
Pittori, incisori, disegnatori, sono stati in tanti a dedicarsi alla raffigurazione del volto di Caterina Sforza. Proviamo a seguirne le tracce visive fino ad approdare ad un ritratto intenso e originale di inizio Novecento. Con Diego Galizzi e Oriana Orsi.
Prenotazione obbligatoria. Ingresso gratuito

INCONTRI AL TRAMONTO… SUL TORRIONE NORD-EST

Rocca Sforzesca. Ingresso Piazzale Giovanni dalle Bande Nere
Prenotazione obbligatoria. Ingresso gratuito
In un ambiente suggestivo e alla luce del tramonto, quattro personalità della cultura ci faranno viaggiare nell’arte e nella storia. Segue gli incontri un calice di vino offerto dalla Cantina Podere delle Rocche.

Mercoledì 20 luglio, ore 18.30: Piccola città. Eccezionalità del fenomeno urbano italiano
con Mario Neve, Docente di geografia culturale, del Mediterraneo e della città storica dell’Università di Bologna (nella foto, la locandina dell'evento)

CONCERTI A MEZZANOTTE… SUL TORRIONE NORD-EST

Rocca Sforzesca. Ingresso laterale dal cortile dell’Accademia Pianistica
Prenotazione obbligatoria. Costo: 4 euro

La luce delle candele, il fascino della musica classica, la città notturna… quattro serate d’incanto sul torrione della Rocca per celebrare l’estate.
In collaborazione con Fondazione Accademia di Imola “Incontri col Maestro”

Venerdì 22 luglio, ore 23.45: Musiche di Rodrigo, Merts/Schubert, Paganini
Francesco Levato, chitarra
Pasquale Allegretti Gravina, violino

Venerdì 5 agosto, ore 23.45: Musiche di Poulenc, Mellits, Washington, Cockcroft
Caroline Halleck e Giovanna Virgil, duo di sassofoni

I posti sono limitati e la prenotazione è obbligatoria entro il giorno precedente tramite l’App “Io Prenoto” o telefonando al 0542-602609 dal lunedì al venerdì 9-13.

Per i possessori della Card Cultura abbiamo riservato 5 posti con ingresso gratuito nelle serate di venerdì 8, 15, 22 luglio e 5 agosto in occasione dei Concerti a mezzanotte… sul torrione nord-est, previa prenotazione telefonica al 0542.602609 entro il martedì che precede la data del concerto.

 

 

ultima modifica 18/07/2022 12:07

"Imola di mercoledì", conclusa con successo l'edizione 2022

Confcommercio Ascom Imola traccia un bilancio molto positivo delle quattro serate che hanno animato il centro storico

"Bastano poche parole: un grande, pieno eclatante successo". Così Confcommercio Ascom Imola sintetizza la diciannovesima edizione della manifestazione "Imola di mercoledì", appena conclusa. 

"Sentiti anche gli operatori coinvolti dall’evento, il bilancio è senza dubbio molto molto positivo - prosegue l'associazione dei commercianti. Nonostante i due anni di pausa forzata che non ne hanno permesso la realizzazione, Imola di mercoledì è riuscito a riempire nuovamente le strade del centro storico con migliaia di visitatori e tantissime iniziative commerciali, musicali e di intrattenimento. Una grande fiera per le attività del centro, e non solo. È stato infatti possibile partecipare anche per attività al di fuori delle mura con propri stand o punti informativi o con collaborazioni e nuove sinergie con attività situate nel centro storico. Un’occasione imperdibile per mettersi in mostra e promuove il proprio brand".

Anche l’assessore regionale al turismo Andrea Corsini, insieme al Sindaco Marco Panieri, hanno partecipato all’ultima serata dell’evento insieme ad altre autorità che nel corso delle serate si sono alternate.

Sono state serate fantastiche in cui Imola si è fatta punto di attrazione per un fiume di persone, venute nella nostra città per divertirsi, fare shopping, seguire visite guidate, far divertire i bambini, degustare prodotti locali e tanto altro ancora. Dichiara con soddisfazione il Presidente di Confcommercio Ascom Imola Danilo Galassi.

Ringraziamo tutti gli sponsor e i partner che hanno reso possibile la realizzazione dell’evento dalle grandi realtà del territorio come Sacmi, Cefla, Hera, BCC Romagna Occidentale, Coop Alleanza 3.0, Cooperativa Ceramica di Imola, Confindustria, Alleanza delle Cooperative Imolesi alle istituzioni quali l’Amministrazione Comunale, la Camera di Commercio di Bologna, le Fondazioni Cassa di Risparmio di Imola e di Ravenna. Un grande lavoro di squadra per la nostra grandiosa città", conclude il Presidente Galassi. 

ultima modifica 15/07/2022 08:01

Ultima serata per "Imola di mercoledì", il 13 luglio si chiude con l'azzurro

Si chiude domani la diciannovesima edizione dell’evento organizzato da Confcommercio Ascom Imola in collaborazione con il Comune. Ha richiamato in centro storico migliaia di persone

Con l’ultima serata, che si tinge di azzurro, in programma mercoledì 13, sempre dalle ore 20.30 alle 23.30, si chiude la diciannovesima edizione di «Imola di Mercoledì», l’evento che ha richiamato in centro storico migliaia di persone, imolesi e non, che con occhio divertito e curioso hanno scoperto la città da un’angolatura assolutamente speciale.

Ultima occasione per ricevere la borsa termica brandizzata Imola di Mercoledì, per ottenerla basterà presentare all’infopoint di Confcommercio Ascom Imola due scontrini della serata (somma min 10 euro).

Anche quest’ultima serata sarà l’occasione per fare tanti acquisti in saldo in vista delle prossime vacanze estive, tantissimi negozi infatti prolungheranno l’orario di apertura per uno shopping serale fresco e divertente.

Il programma dell’ultimo appuntamento, come sempre, sarà ricco di esibizioni e attività da gustare nell’atmosfera di una serata tipicamente estiva. 

Programma quarta  serata di Imola di Mercoledì 2022: 13 LUGLIO - azzurro

Nel dettaglio per grandi temi l’elenco di alcune iniziative. Programma completo su www.imoladimercoledi.it

ARTE E CULTURALa visita guidata gratuita della serata conclusiva sarà STORIA E LEGGENDA, LA NASCITA DI IMOLA. Un percorso itinerante con il Professore Riccardo Dal Monte, che racconta le origini di Imola, città che vanta un passato tra i più difficili in assoluto, essendo stata per quasi 500 anni divisa in tre diversi centri, travagliata dalle mire espansionistiche dell’emiliana Bologna e della romagnola Faenza e coinvolta nella grande storia da nientemeno che Federico Barbarossa e Federico II. Imola, una complessa area di confine. Ritrovo ore 20.45 presso Infopoint.

BIMBI E FAMIGLIATutti i bimbi sono invitati in piazzetta Caduti per decorarsi e trasformarsi insieme alla TRUCCABIMBI gratuita, fotografarsi con lo SPECCHIO MAGICO e assistere allo spettacolo di giocoleria e comicità per bambini con CHIARAMENTA: verde di rabbia, verde d’amore! E ancora laboratorio per bambini (dai 3 ai 10 anni) Ogni ape conta, a cura di Coop Alleanza 3.0 in Piazza Matteotti e giochi gonfiabili per bambini in Piazza Matteotti e Giardino Alberghetti. Per i bimbi più sportivi ci sarà occasione per cimentarsi anche a diverse pratiche sportive: prove di scherma in Piazza Gramsci e Ginnastica artistica con la BiancoVerde In Piazza Matteotti.

SPETTACOLIL’ultima serata ospita nell’“Arena Spettacoli” all’interno della Corte di Palazzo Monsignani (Via Emilia 69) lo spettacolo DA Più VICINO: laboratorio teatrale sui temi della vicinanza, coordinato da Marina Mazzolani. A cura di “Croce Rossa – Comitato di Imola”, ANTEAS Imola, Solco Prossimo Cooperativa Sociale, ExtraVagantis Teatro, in collaborazione con RestaurOsservanza Onlus, all’interno del progetto “Rapporti di buon vicinato – presente prossimo”.

dove mangiareTutti i locali e pubblici esercizi propongono degustazioni, cene a tema o street food. Per questa ultima serata segnaliamo la collaborazione tra Caffè Emilie e Bonelli Burger che per l’occasione sono ritornati in centro storico, le degustazioni di vino di Poderi delle Rocche e i prodotti a km0 di Coldiretti in Piazza Matteotti, gli arrosticini del Bar Centrale, gli hamburger gourmet di Cavò Gastronomia da Bar Otello, le famose pizzette al tegamino di Fabbrica Gastronomica e per finire i nuovi gusti di gelato di Cremeria Cavour in collaborazione con la Cantina Giovannini: “senza paura” con Albana passito e “sorbetto al Trebbiano”.

MUSICA E ESIBIZIONI- per concludere la kermesse tantissime esibizioni live animeranno il centro storico! DJ 3G PROJECT live al Bar Bologna, musica acustica con il duo MISTICI (MISTYC DOLL) presso Caffè Emilia e proseguendo sulla Via Emilia il gruppo TONY GANG BAND in concerto da Caffè Porteno. In Via Aldrovandi performance artistiche con le danzatrici di ARTLAB e musica con ONE MAN BAND e Accordi diversi. Un mercoledì da Elioni con i NASHVILLE & BACKBONES da Elio’s, concerto di ROBERTO SCAGLIONI nel Mercato Ortofrutticolo e RASTRELLI SDENTATI live da Caffè del Duomo. ENRICO CIPOLLINI si esibirà da Top of The hops. In via Emilia Sinfonie Gipsy Jazz con ORCHESTRA BOHEMIEN (Buskers) e con Rolling Thunder Club (Buskers).

DA NON PERDEREPiazzetta dell’Ulivo in Festa con Manuimpasta e i suoi leggendari tortellini fritti, le proposte artigianali del birrificio Hopinion, i cocktail di APEREZ, le prelibatezze del Laboratorio Plasir e gli articoli di Officina Immaginata. 

ultima modifica 12/07/2022 15:23

"Concerti a mezzanotte", quando il fascino della città notturna si sposa con la musica classica

Questa sera primo appuntamento nel torrione nord-est della Rocca Sforzesca, organizzato in collaborazione con la Fondazione Accademia di Imola “Incontri col Maestro"

All’interno del ricco cartellone di eventi di “Sere d’estate ai musei” organizzato dai Musei Civici di Imola, venerdì 8 luglio si terrà il primo dei quattro appuntamenti dei “Concerti a mezzanotte”, nell’affascinante location del torrione nord-est della Rocca Sforzesca, durante i quali al fascino della musica classica si accompagnerà l’atmosfera d’incanto, fra luci di candela e la città notturna vista dall’alto.

Quattro notti per celebrare l’estate, realizzati grazie alla collaborazione della Fondazione Accademia di Imola “Incontri col Maestro” che prevedono i seguenti appuntamenti:

  • venerdì 8 luglio, con musiche di Bach e Margola, eseguite da Euridice Pezzotta, flauto solo e Michela Cassi e Alberto Lauro, duo flauto e chitarra;
  • venerdì 15 luglio con musiche di Bach, Ohana, Guarnieri e Mantovani eseguite da Lorenzo Gasparo, chitarra sola, Marta Cappetta e Michele Fontana, duo viola clarinetto, Giacomo Scattareggia, chitarra sola;
  • venerdì 22 luglio con musiche di Rodrigo, Merts/Schubert e Paganini eseguite da Francesco Levato, chitarra sola e Pasquale Allegretti Gravina, violino;
  • venerdì 5 agosto con musiche di Poulenc, Mellits, Washington e Cockcroft eseguite da Caroline Halleck e Giovanna Virgil, duo di sassofoni.

“Questi appuntamenti rientrano nel più ampio cartellone di iniziative dal titolo Sere d’estate ai musei” che abbiamo organizzato per aprire i Musei Civici di Imola ancora di più all'esterno proponendo numerose iniziative che mirano ad interessare pubblici differenti. Con l’arrivo della stagione estiva e dopo mesi invernali difficili è un modo per avvicinare turisti e cittadini ai luoghi della cultura più rappresentativi e affascinanti della città, offrendo occasioni di visita, di esperienza e di scoperta anche di nuove modalità di fruizione” spiega Giacomo Gambi, assessore alla Cultura.

“Vogliamo offrire agli imolesi e ai turisti che saranno di passaggio in città – commenta Diego Galizzi, direttore dei Musei Civici – non solo degli eventi culturali di qualità ma anche momenti che siano delle vere e proprie esperienze. L’idea dei concerti a mezzanotte è forse la proposta più innovativa del cartellone, che si fonda sull’idea che la musica, da molti definita “l’arte perfetta”, messa in condizione di dialogare con un’ambientazione unica come la Rocca Sforzesca e con l’emozione delle persone possa rivelarsi davvero come un’opera d’arte totale”.

Tutti i concerti sono con prenotazione obbligatoria tramite l’App “Io Prenoto” o telefonando al 0542-602609 dal lunedì al venerdì 9-13.

Costo di 4 euro.

Si accede alla Rocca dall’ingresso laterale, cortile dell’Accademia Pianistica.

Inizio ore 23.45.

GLI ALTRI APPUNTAMENTI DI “SERE D’ESTATE AI MUSEI”

Questi gli altri appuntamenti in calendario per “Sere d’estate ai Musei”, che prevede un ricco programma di aperture speciali e appuntamenti serali fino al 9 settembre.

ESTATE… A PALAZZO TOZZONI

  • Venerdì 26 agosto, ore 18.30: Le vite degli altri: Francesco Giuseppe e Vittoria Torrigiani (visita guidata)
    Lei, giovane aristocratica fiorentina, lui brillante ufficiale di Marina. Vite scandite dalla comune attività presso la corte dei Savoia, la passione per i viaggi e per l’invenzione del secolo: la fotografia.
    Prenotazione obbligatoria. Costo: regolare biglietto d’ingresso al museo
  • Venerdì 2 settembre, ore 18.30: Le vite degli altri: Umberto Serristori Tozzoni e Hortense la Gandara y Plazola (visita guidata)
    Il loro palcoscenico fu il gran mondo delle maggiori città europee mentre il palazzo di famiglia fu un luogo di pace, dove Umberto abitava le stanze dove era stato bambino ed Hortense riposava dalle fatiche della mondanità.
    Prenotazione obbligatoria. Costo: regolare biglietto d’ingresso al museo
  • Venerdì 9 settembre ore 18.30: Il vero volto di Caterina Sforza (Incontro)
    Pittori, incisori, disegnatori, sono stati in tanti a dedicarsi alla raffigurazione del volto di Caterina Sforza. Proviamo a seguirne le tracce visive fino ad approdare ad un ritratto intenso e originale di inizio Novecento. Con Diego Galizzi e Oriana Orsi.
    Prenotazione obbligatoria. Ingresso gratuito

INCONTRI AL TRAMONTO… SUL TORRIONE NORD-EST

Rocca Sforzesca. Ingresso Piazzale Giovanni dalle Bande Nere
Prenotazione obbligatoria. Ingresso gratuito
In un ambiente suggestivo e alla luce del tramonto, quattro personalità della cultura ci faranno viaggiare nell’arte e nella storia. Segue gli incontri un calice di vino offerto dalla Cantina Podere delle Rocche.

  • Mercoledì 20 luglio, ore 18.30: Piccola città. Eccezionalità del fenomeno urbano italiano. Con Mario Neve, Docente di geografia culturale, del Mediterraneo e della città storica dell’Università di Bologna

Clicca qui per scaricare il pieghevole con tutti gli appuntamenti https://www.museiciviciimola.it/wp-content/uploads/2022/06/sere_estate.pdf

 

ultima modifica 08/07/2022 10:52

“Imola di mercoledì”, il 6 luglio la terza serata nel segno del colore verde

Terzo appuntamento in centro storico con “Imola di Mercoledì”, l’evento dell’estate imolese organizzato da Confcommercio Ascom Imola con la collaborazione del Comune di Imola

Domani il centro storico si tinge di verde per la terza serata di “Imola di Mercoledì”, l’evento dell’estate imolese organizzato da Confcommercio Ascom Imola con la collaborazione del Comune di Imola e di importanti partner istituzionali, associativi e del mondo dell’economia imolese. La terza serata sarà ancora caratterizzata da spettacoli, animazioni e tanta musica live. I mercatini a cura di Lookdesign animeranno tutte le vie del centro con proposte e articoli rigorosamente handmade.

Se i primi due appuntamenti sono stati l’occasione di socializzare e curiosare, questo terzo appuntamento sarà incentrato sullo shopping e potrà contare sulle occasioni dei saldi appena iniziati in vista delle imminenti vacanze estive.

Presentando poi gli scontrini all’infopoint si riceverà sempre la borsa termica brandizzata “Imola di Mercoledì” con l’iniziativa Shopping by night di Confcommercio Ascom Imola.

Ecco il programma di mercoledì 6 luglio, per i dettagli si può visitare il sito www.imoladimercoledi.it

SPETTACOLILa terza serata ospita nella nuova “Arena Spettacoli” all’interno della Corte di Palazzo Monsignani (Via Emilia 69) il CONCERTO PER LE DONNE organizzato in occasione del decennale dell’Associazione PerLeDonne ODV per i diritti delle donne e contro la violenza. Concerto dei MoonGlasses in collaborazione con City sound

ARTE E CULTURALa visita guidata gratuita della serata saprà stimolare la curiosità di grandi e piccoli con “I GRANDI ESPLORATORI: LA SCOPERTA DELL’EGITTO”: un viaggio nel tempo nell’antico Egitto con la visita al Museo Civico che custodisce la mummia di una giovane donna ed antichi amuleti, arricchito dai racconti dei grandi esploratori a cura dell’Associazione culturale Bàrdur. Scoprirete le avventure di Jean Francois Champollion, colui che svelò i geroglifici, di Giovan Battista Belzoni, il gigante del Nilo, lo scopritore dei templi di Abu Simbel ed anche di Amalia Sola Nizzoli, che arrivata in Egitto a tredici anni fu la prima donna a dirigere uno scavo nel 1825. A cura della Prof.ssa Fabrizia Fiumi per il CISE (Centro Italiano Studi Egittologici) di Imola. Ritrovo ore 20.45 presso Infopoint..

Sempre in tema di esploratori la rassegna dei Musei Civici “Incontri al tramonto…sul torrione nord-est” sarà dedicata a “Il ritorno di Cristoforo Colombo. Il senso di una scoperta tra passato e presente” con Alessandro Vanoli, storico, scrittore e divulgatore. Rocca Sforzesca ore 18.30. Ingresso gratuito Prenotazione obbligatoria entro il giorno precedente tramite l’App “Io Prenoto” o telefonando al n. 0542-602609 dal lunedì al venerdì 9-13.

BIMBI E FAMIGLIAGrande successo per la TRUCCABIMBI gratuita e per lo SPECCHIO MAGICO presso l’Infopoint di Confcommercio Ascom Imola in Piazza Caduti che farà da sfondo anche allo spettacolo di comicità per bambini con MAGICO TURRA. E ancora laboratorio per bambini (dai 3 ai 10 anni) Ogni ape conta, a cura di Coop Alleanza 3.0 in Piazza Matteotti e giochi gonfiabili per bambini in Piazza Matteotti e Giardino Alberghetti. Per i bimbi più sportivi ci sarà occasione per cimentarsi anche a diverse pratiche sportive: prove di scherma in Piazza Gramsci, Kung fu e Ginnastica artistica con la BiancoVerde In Piazza Matteotti.

DOVE MANGIARETutti i locali e pubblici esercizi propongono degustazioni, cene a tema o street food. Per questa terza serata segnaliamo la cena (prezzo fisso 20 euro) presso Bar del Mercato, le degustazioni di vino di Inenoteca e di prodotti Bottega del Tartufo (Via Nino Bixio), le degustazioni di prodotti locali de il dono della terra in Piazza Gramsci, e in Via Orsini le proposte sane e sostenibili di Cucinot e Alce Nero Shop, e per finire in bellezza le imperdibili gaufre di Cioccolateria Imola.

MUSICA E ESIBIZIONI- Anche questa serata sarà ricca di esibizioni: DJ GABOT animerà Piazza Matteotti al Bar Bologna, musica acustica con MILENA NIMGOTTI presso Caffè Emilia e proseguendo sulla Via Emilia il gruppo WHITE KINGS in concerto da Caffè Porteno. In Via Aldrovandi performance artistiche con la Compagnia EXIT, le danzatrici di ART LAB, Banda REI e Accordi diversi. LES TOUCHES LOUCHES da Elio’s per la rassegna “Un mercoledì da Elioni, concerto di AIRONI BIANCHI Nomadi Cover Band nel Mercato Ortofrutticolo e MOMA BAND da Top of The hops. E ancora NINO TARZIA dal Bar Contarini e sinfonie Gipsy Jazz in Piazza Gramsci con ORCHESTRA BOHEMIEN (Buskers) e il duo Marco Simoncelli/Alberto Colombo in Via Emilia (Buskers).

DA NON PERDEREPiazzetta dell’Ulivo in Festa con Manuimpasta, birrificio Hopinion, APEREZ, Laboratorio Plasir e Officina Immaginata. In Via Appia iniziativa “Crea il tuo look” a cura de L’ECHO Calzature e sfilata di moda itinerante a cura di Senegal Market.

ultima modifica 05/07/2022 16:41

Azioni sul documento

ultima modifica 08/11/2013 12:44