Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Tu sei qui: Home / Centro storico / Arte e cultura / Porte, mura e vie storiche / Portico di via Emilia

Portico di via Emilia

Portico di via Emilia

foto archivio Musei civici

L’elegante porticato, caratterizzato dagli archi a tutto sesto e da sottili colonne, si affaccia sullo spazio di piazza Matteotti contribuendo all’effetto scenografico dell’intera piazza.

Le prime tracce del portico che costeggia la via Emilia lungo piazza Matteotti sono rintracciabili nelle fonti antiche a partire dal Medioevo, quando si formò anche la piazza antistante. Il portico era utilizzato per funzioni commerciali, mentre il tratto prossimo alle vie Appia e Mazzini faceva parte del Palazzo Comunale, destinato ad ospitare gli uffici necessari alla gestione della vita pubblica.

Lungo la via Emilia  si affacciavano diverse botteghe; una delle più famose fu quella di Diotaiuti di Cecco, speziale del XIV secolo. Al centro dell’attuale portico, circa all’altezza dell’attuale Cinema Centrale, nel Medioevo sorgeva un albergo provvisto di stalle e cortile con pozzo, l’Albergo del Cavalletto, poi divenuto nel Cinquecento, l’Albergo del Montone. Sempre su via Emilia, lungo il portico, aveva sede l’Ospedale di Santa Maria della Scaletta che occupava una porzione ampia dell’isolato. Attorno al 1508 furono rifatte le strutture portanti e il portico antistante all’Albergo, intervento che riprendeva elementi architettonici tratti da palazzo Riario Sersanti.

indirizzo: via Emilia, lungo piazza Matteotti